Giovedì 13 Maggio 2021 | 01:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il racconto
«È la festa di tutti i bambini»

«È la festa di tutti i bambini»

 
Il racconto
Priscilla, i burattini e San Nicola

Priscilla, i burattini e San Nicola

 
Il racconto
Elia che custodì le ossa del Santo

Elia che custodì le ossa del Santo

 
Il racconto
Un quesito sospeso tra cielo e tempo

Un quesito sospeso tra cielo e tempo

 
Il racconto
Due ragazzi alla ricerca della verità


Due ragazzi alla ricerca della verità

 
Il racconto
Quel quartiere dove vince la vita

Quel quartiere dove vince la vita

 
Il racconto
Nel padiglione della speranza

Nel padiglione della speranza

 
Il racconto
E i pellegrini si mettevano in cammino

E i pellegrini si mettevano in cammino

 
Il racconto
Mio nonno sulla nave affondata

Mio nonno sulla nave affondata

 
il racconto
Cercare il sole nel cuore si può

Cercare il sole nel cuore si può

 
Il racconto
Rileggendo Harold Pinter in tempi di virus

Rileggendo Harold Pinter in tempi di virus

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAmbiente
Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

 
BatL'appuntamento
«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

 
FoggiaIl caso
Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

 
BariL'iniziativa
Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

 
BrindisiL'inchiesta
Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

 
Lecceil progetto
San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

 
PotenzaCovid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
PotenzaLa condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 

i più letti

Il racconto

Addio «fratello rock» Aleksandr

Da Mosca a Bari, attraverso San Nicola, un legame con il regista Nico Cirasola

Addio «fratello rock» Aleksandr

Un film francese di qualche anno fa, di cui non ricordo il titolo, ben definiva il tempo della nostra vita che è «pari ad uno schiocco di dita».
Trovo questa frase molto vicina alla realtà che ci sfiora ogni giorno, ed in particolare in questo momento così fragile che viviamo da mesi. Da un giorno all’altro si sente parlare di amici e parenti che sono stati colpiti dal COVID e che potrebbero sparire nel giro di pochi attimi!
Il bello della vita è proprio l’incertezza del domani, ma ogni volta che perdiamo parenti amici siamo sempre sorpresi.
Qualche giorno fa ho ricevuto un messaggio che mi ha frastornato: Aleksandr Davidovich Lipnitsky, mio amico di Mosca, è morto all’improvviso.
Una dipartita assurda: passeggiava con il suo amato cane Trex nel bosco che circondava la casa dove viveva da 68 anni, quando Trex rimase imbrigliato in una lastra di ghiaccio. Aleksandr cercò di tirarlo fuori dal pericolo ma rimase incagliato anche lui. Sono volati insieme nell’altro mondo!
La Puglia e la Russia con la dipartita di Aleksandr Davidovich Lipnitsky (8 luglio 1952 // 25 marzo 2021 Mosca) musicista, regista, presentatore televisivo, collezionista di antiche icone russe, protagonista e diffusore della cultura rock nell’Unione Sovietica fin dagli anni ’70, un mecenate, un amico un uomo dagli orizzonti aperti, perde un faro e un ponte importante di interscambi culturali ed economici.
Ho conosciuto Aleksandr a Mosca nel 2017 in occasione delle attività di promozione cinematografica «Il giorno della Puglia», nell’ambito del festival RIFF (Russia/ Mosca), organizzato da Ivan Banderblog con la sua associazione Chelovek Makak e la Mediterranea film, finalizzato a rafforzare il legame culturale tra Russia ed Italia.
Da quel momento è sorta fra noi una solida amicizia, cementata dalla passione di Aleksandr per le icone storiche russe e per la musica rock.
Era la prima volta che visitavo la Russia. Fino a quel momento, nonostante fossi stato iscritto ai corsi di Russo alla Facoltà di lingua e letteratura straniera e nonostante avessi abitato per decenni a Bari a due passi dalla Chiesa Russa, Mosca e l’URSS erano echi lontani e non sentivo l’esigenza di conoscere quel mondo così contradditorio e pieno di misteri: terrore, Zar, rivoluzioni, stalinismo, miti e nemici del comunismo, romanzi, eroi, artisti, cortina di ferro, guerra fredda, crollo del muro di Berlino, perestojka.
L’incontro e l’amicizia con Aleksandr ed Ivan hanno risvegliato in me il desiderio di viaggiare ed esplorare nuovi sentieri senza pregiudizi.
Oggi, nel pieno di questa terribile pandemia, sento ancora più forte il desiderio di viaggiare. Nel 2017 non c’erano restrizioni e non volevo perdere l’occasione di un viaggio a Mosca. Non vedevo l’ora di entrare per la prima volta nella nazione più grande del mondo, un paese che con il nuovo assetto politico e geografico si estende su un’area che comprende nove fusi orari per una superficie totale di oltre 17 milioni di km quadrati. Ivan ed Aleksandr mi hanno introdotto in quel misterioso e magico mondo della grande Russia non da turista ma da amico e partner per nuovi interscambi e progetti da sviluppare insieme.
Aleksandr da 68 anni viveva in una dacia immersa nella foresta, circondata da altrettanto storiche e monumentali dacie che hanno ospitato capi di stato, importanti uomini della cultura e dell'economia mondiale fin dall'epoca di Stalin.
In quel luogo hanno soggiornato anche scrittori, astronauti, potenti uomini della politica e degli affari dell’Unione sovietica e del mondo intero e li ho trascorso
giornate indimenticabili tra la dacia e i sentieri del bosco e una vodka fatta in casa, sognando e progettando interscambi tra Italia e Russia, Bari e Mosca: emozioni e nuovi orizzonti si sono aperti !
Qualche mese dopo gli amici russi sono venuti a Bari per allestire una importante mostra con preziose storiche icone presso il Castello Svevo. Dal 1 maggio al 30 giugno del 2018 Aleksandr è stato tra i consulenti esperti, in qualità di sostenitore della mostra e collezionista di alcune pale esposte. La mostra, organizzata e fortemente voluta da Ivan Banderblog con la sua associazione Chelovek Makak e con la complicità di Aleksandr, è stata un evento unico per Bari ha coinvolto autorità civili e religiose e le maggiori istituzioni culturali Italiane e Russe.
Bari è la città dove riposano le ossa di San Nicola, santo celebrato dall’intera comunità dei paesi di religione ortodossa, e tra le icone storiche esposte molte erano dedicate a San Nicola, alla sua vita pastorale e ai suoi miracoli. Tra i santi rappresentati c’era anche San Michele Arcangelo che è molto legato alle tradizioni pugliesi. Aleksandr non era solo un esperto di icone, ma era anche un cultore della musica rock. A casa sua gìà negli anni 70 / 80 era possibile ascoltare dischi provenienti dall’ovest dei gruppi rock più accreditati e sperimentali, dai Beatles ai Rolling stones agli Ac/DC ai Pink floyd a Brian Eno. Ha potuto coltivare la sua passione musicale per l’occidente, condivisa con un folto gruppo di amici musicisti e cantanti, senza particolari veti grazie anche alla sua famiglia. Infatti il padre naturale era un medico omeopatico indispensabile per i potenti del Cremlino. Alla sua morte la madre aveva sposato in seconde nozze Viktor Sukhodrev, traduttore e fedele collaboratore in tutte le missioni all’estero di Nikita Khrusciov, Leonid Breznev e Michail Gorbacev, e nipote tra l’altro di una famosa attrice sovietica: Tatyana Okunevskaya. Dall’ovest non era possibile importare alcun disco, ritenuto blasfemo e controrivoluzionario, e la diffusione della musica occidentale era reato.
Ma Aleksandr viveva a pochi chilometri dal centro di Mosca e la sua famiglia allargata gli ha permesso di disporre di due storiche dacie immerse nella foresta residenziale dell'ex Unione sovietica dove ha potuto ospitare amici e coltivare le sue passioni. Vicini di dacia la famiglia Konchalovsky con i registi Andrej Sergeevic e Nikita Sergeevic Michalkov. Ha sostenuto e coinvolto tutti i musicisti e sperimen-tatori di musica alla ricerca di nuove sonorità, ritmi e testi, seguendo e contami-nando generi dell’ovest e dell’est e dando vitalità ad importanti nuovi gruppi mosco-viti di giovani appassionati di musica. Aleksandr ha fatto parte di quasi tutte le prime formazioni musicali con il suo magico basso. Nel 1980 è stato tra i promotori del Tbilisi rock festival, organizzato dalla Georgian National Philharmonic Hall, dall'Unione dei compositori della SSR georgiana e dal Centro repubblicano per la cultura giovanile del Comitato centrale georgiano di Komsomol. Da molti dichiarato «Woodstock sovietico», il festival era essenzialmente una competizione musicale autorizzata dallo stato con l'obiettivo dichiarato di «promuovere lo sviluppo della musica originale sovietica e scoprire nuovi artisti e compositori di talento». Il festival fu sostenuto da Eduard Shevardnadze, il Primo Segretario contemporaneo del Partito Comunista Georgiano, che sicuramente cercò, in questo modo, di pacificare i giovani georgiani sempre più coinvolti in attività nazionaliste e dissidenti dopo le manifestazioni dell'aprile 1978 a Tbilisi. Aleksandr era in prima fila tra i gruppi musicali coinvolti e fu uno dei protagonisti del mutamento culturale ed economico determinato dalla perestrojka, voluta dal governo di Gorbaciov, che segnò un cambiamento radicale in Unione Sovietica nella seconda metà degli anni ottanta. Aleksandr fu anche una chitarra basso protagonista di diverse formazioni musicali fin dagli anni ’70. Un promotore, sostenitore del rock, ma anche di eventi culturali ed interscambi internazionali con le formazioni musicali Ot Zvuki Mu e Veglivwi Otkaz, collaborò anche con Brian Eno dal 1988-1991 creando ponti e aprendo nuove pagine di storia musicale tra est ed ovest. Aleksandr e il suo gruppo musicale con Ivan Banderblog e l’Association «CheLoveK MaKak» hanno creato interscambi tra Italia e Russia negli ultimi anni.
Due anni fa in Puglia, e in particolare nel Salento, Ivan Banderblog, con il sostegno di Aleksandr e varie istituzioni Russe, ha presentato gruppi d’avanguardia della nuova generazione rock.
Aleksandr con il suo basso e il suo sorriso è sempre con noi e lo aspettiamo idealmente in Puglia per un prossimo concerto rock o una mostra con le storiche icone!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie