Martedì 26 Marzo 2019 | 03:47

NEWS DALLA SEZIONE

Sempre più voglia di vino pugliese
Cantine aperte San Martino

Vini più acquistati nei supermercati della Puglia: Negroamaro, Nero di Troia e Primitivo

 
La sfida è aperta
TUTELATI - Bietola melanzane ripiene  sivone e lampascione

Puglia, crescono i prodotti «Pat»

 
Innovazione della filiera agroalimentare
Da sinistra: Antonello Magistà (SALA), Salvatore Turturo (CHEF) e Marianna Cardone (VINO)

La «primavera» arriva in cucina

 
Prima iniziativa il 14 aprile
Da sinistra: Donato Taurino presidente di Buonaterra, Maria Teresa Varvaglione presidente Mtv Puglia, Giuseppe Schino presidente La Puglia è servita

2019, anno ad alti livelli per enogastronomia e ristorazione di qualità

 
La qualità trionfa
VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

Quando il latte non è tutto uguale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Ferrandina, oliva da olio e da tavola

Antiche tradizioni

Antiche tradizioni

Sapori unici, quelli della Lucania. E fra questi spicca, senz’altro, l’oliva di Ferrandina. Siamo in provincia di Matera e, qui, la varietà Majatica oltre ad essere eccellente per la produzione di extravergine dal gusto delicato, è anche adatta a diventare una oliva da assaporare a tavola.

La tipicità, in questo caso, non è legata solo alla pianta ma pure il processo di lavorazione per il quale Slow Food ha creato un Presidio. Le altre zone di produzione sono, oltre a Ferrandina, i Comuni di Accettura, Aliano, Cirigliano, Gorgoglione, Salandra, San Mauro Forte, Stigliano.

La bontà deriva dalla lavorazione che inizia con una prima scottatura in acqua alla temperatura di 90° C per pochi minuti, cui segue una salagione a secco per un breve periodo. A questo punto le olive, in parte disidratate, vengono sistemate su graticci e avviate «all’infornata» negli essiccatoi, a circa 50° C. Il risultato è la valorizzazione della naturale sapidità dei frutti, mantenendo la dolcezza della Majatica. Quanto è antica questa tradizione? Si hanno tracce scritte delle olive infornate già dal 1700, e fino agli inizi del 1900 si sono usati i forni a legna.

Viaggiano in tutto il mondo, come prodotto gourmet che si abbina bene a salumi e a formaggi stagionati. In Basilicata le ricette tipiche le propongono condite con extravergine, agli a rondelle e buccia di arancia o limone grattugiato. Ancora, con gli agrumi ecco le olive infornate con l’insalata di arance. Oppure si uniscono al baccalà in umido.

Probabilmente, oggi, non tutte le olive infornate sono di Majatica che è quella ideale anche per il nocciolo piccolo rispetto alla polpa e che ben si presta all’appassimento. Il Presidio Slow Food e tutte le attività dei produttori tradizionali, degli enti pubblici, mirano a salvaguardare e tramandare questa bontà.

E’ una specialità lucana apprezzata e ricercata in tutto il mondo, con crescente richiesta alla quale l’obiettivo è dare risposta, ma preservando l’artigianalità della produzione.

Lo stesso vale per la preziosa materia prima, la Majatica ed il suo pregiato olio extravergine che magari proprio la peculiare oliva infornata può farci scoprire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400