Mercoledì 16 Giugno 2021 | 13:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Lecce, torna il «Pasticciotto day»

Lecce, torna il «Pasticciotto day»

 

GDM.TV

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa svolta dell’ex governatore
Bari, «Vendola garantista non convince»

Bari, «Vendola garantista non convince»

 
MateraTelevisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 
TarantoLa novità
Taranto, Ex Ilva, avvio campagna vaccinale per 1600 operai

Taranto, Ex Ilva, avvio campagna vaccinale per 1600 operai

 
HomeIncendio
Ruffano, le fiamme divorano campi e capannone agricolo

Ruffano, le fiamme divorano campi e capannone agricolo

 
PotenzaIl progetto
Potenza, una scuola per «coltivare boschi»

Potenza, una scuola per «coltivare boschi»

 
FoggiaSanità
San Giovanni Rotondo, bimba di 18 mesi salva dopo un intervento al cervello

San Giovanni Rotondo, bimba di 18 mesi salva dopo un intervento al cervello

 
BrindisiBlitz nel porto
Brindisi, un chilo di coca nel doppiofondo del tir

Brindisi, un chilo di coca nel doppiofondo del tir

 
BatAmbiente
Bat, continua la moria di tartarughe

Bat, continua la moria di tartarughe

 

i più letti

Si avvicina Natale ed è tempo di tradizioni

Il lampascione salvò la cattedrale

Lo storico Gelormini: era fra i cibi preferiti dell'Imperatore Federico di Svevia

Il BULBO - È una tipicità che i pugliesi prediligono

Il BULBO - È una tipicità che i pugliesi prediligono

Si avvicina Natale ed è tempo di tradizioni. Un ingrediente che compare, puntualmente, sulle nostre tavole imbandite a festa è il lampascione (che si può scrivere in molti altri modi simili). Non è una cipolla, bensì un bulbo di giacinto selvatico che oramai importiamo soprattutto dalla vicina Africa.

Le sue radici nella gastronomia contadina pugliese, nonché mediterranea, sono antichissime e, allora, ho chiesto allo scrittore e storico Antonio V. Gelormini di raccontarci del legame fra l’imperatore Federico II, la sua città e …i lampacioni!

Nel 1229 Gregorio IX - dalla Cattedrale di Bitonto - scomunica Federico II, che non si decide ad intraprendere la Crociata. Immediatamente le città fedeli al Pontefice gli si rivoltano contro e Troia, più di altre, manifesta con spavalderia la censura, negando ogni accoglienza all’Imperatore.

Allorquando lo Stupor Mundi tornerà dalla Terra Santa, come re di Gerusalemme, la sua reazione non si farà attendere e minacciosamente dirà ai troiani: “Evitate ai vostri figli le lacrime amare della sconfitta e della vergogna. Evitate loro di bere il calice amaro dell’aceto, riservato ai banditi dall’Impero”. I troiani decideranno di rispondere con un consistente carico di “cipolle”, “pane duro e stantio” e “aceto di vino nero”. Ma un cancelliere avanza una proposta audace: sostituire le cipolle con un abbondante carico di lampascioni col l’obiettivo di indebolire la “tenuta” delle truppe con i suoi effetti debilitanti. Il carico parte ma … l’Imperatore Svevo, cresciuto tra gli arabi di Palermo, apprezzava fin troppo i lampascioni, fino alla golosa ingordigia, tanto da ritenerli addirittura il ‘non plus ultra’ della tavola, se accompagnati da “corposo” vino di Uva di Troia.

Il gesto, quindi, fu apprezzato e ritenuto una sorta di sottile deferenza verso il sovrano adirato. Ma non bastò a salvare la città di Troia, che venne poi rasa al suolo dall’Imperatore Federico. Furono fatti salvi il castello, la cattedrale e la memoria dei suoi gusti a tavola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie