Lunedì 21 Gennaio 2019 | 04:41

NEWS DALLA SEZIONE

Arte
Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

 
Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 
Lotta con il sindaco
Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

 
L'iniziativa
Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

 
Cucina
La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

 
Istruzione
Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

 

Pendolari dei rifiuti

In auto da Fasano a Monopoli per gettare spazzatura: multati

14 casi sono stati accertati grazie alle telecamere

In auto da Fasano a Monopoli per gettare spazzatura: multati

La raccolta differenziata, con ogni probabilità, non sanno neanche cosa sia e, di conseguenza, preferiscono andare a scaricare i loro rifiuti nella vicina Monopoli.
Quattordici cittadini incivili sono stati multati nello scorso fine settimana dai vigili urbani della città del Barese per aver smaltito in modo scorretto i rifiuti: tra di loro ci sono diversi fasanesi «pendolari dell’indifferenziata». La Polizia municipale monopolitana ha intensificato i controlli soprattutto al confine con Fasano con l’obiettivo di stanare coloro che i rifiuti li vanno a portare a Monopoli abandonandoli, il più delle volte, dove capita. In quest’ottica il comando della Polizia locale ha rinforzato i servizi di controllo del territorio da parte del personale del servizio di Polizia giudiziaria che, con l’ausilio del Nucleo viabilità, ha effettuato controlli mirati nella zona sud della città (contrade Stamazzelli, L’Assunta, Lamalunga). L’attività di controllo è stata eseguita installando videocamere nascoste e con appostamento di pattuglie in abiti civili.


Solo nello scorso fine settimana sono state 14 le infrazioni accertate (sei immediatamente contestate ai trasgressori) per la violazione dell’ordinanza 282/2013, per abbandono di rifiuti sul suolo pubblico e mancato rispetto degli orari per il conferimento dei rifiuti nei cassonetti stradali.
Ad inchiodare i «pendolari dei rifiuti» alle proprie responsabilità sono state, quindi, le videotrappole, attivate sul territorio di Monopoli per arginare il dilagante fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti, sia da parte dei monopoltani che da parte cosiddetti frontalieri dell’indifferenziata, molti dei quali sono fasanesi che sistematicamente si spostano a Monopoli per disfarsi dei rifiuti.


È risaputo che ci siano tanti residenti a Fasano che - da quando nella città della Selva sono scomparsi del tutto i cassonetti per la raccolta dei rifiuti in favore della differenziata porta a porta - hanno scelto di «migrare» sistematicamente a Monopoli per disfarsi dei propri rifiuti. Solo che, se fino ad adesso ai «frontalieri dell’indifferenziata» era andata sempre bene. Ora però la “musica” è cambiata. Resisi conto che il fenomeno dell’abbandono selvaggio di rifiuti, rigorosamente non differenziati, è imputabili, oltre agli «sporcaccioni» del posto, anche ai «pendolari» dei rifiuti, al Comando della Polizia locale monopolitana hanno adottato le contromisure del caso. In casi come questi lo strumento più efficace – sono le statistiche a dirlo – sono le video trappole, ovvero microtelecamere che vengono nascoste nei punti nevralgici del territorio per immortalare i «furbetti» dei rifiuti. Anche a Monopoli è andata così e a farne le spese sono stati diversi fasanesi, che sono stati contravvenzionati dagli uomini della Polizia municipale per non aver rispettato le norme contenute nell’apposita ordinanza sindacale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400