Domenica 21 Aprile 2019 | 18:22

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

tra due settimane

Crollo di via Roma a Barletta
slitta la sentenza di Appello

crollo Barletta via Roma

di ANTONELLO NORSCIA

BARLETTA - Slitta di due settimane la sentenza di secondo grado sul drammatico crollo della palazzina di Via Roma, che il 3 ottobre 2011, a Barletta, provocò la morte di cinque persone ed il ferimento di altre undici. Secondo l’iniziale calendario di udienze, la pronuncia della Corte d’Appello di Bari si sarebbe attesa per oggi pomeriggio ma i difensori degli imputati non si sono risparmiati a censurare le motivazioni per cui il Tribunale di Trani ha ritenuto responsabili, a vario titolo, tutti i quindici imputati; tredici dei quali condannati per concorso in omicidio colposo. Perciò le arringhe si competeranno solo oggi ed il processo verrà aggiornato all’udienza del 9 aprile, quando la parola tornerà, per le repliche, al procuratore generale presso la Corte d’Appello.

Questi il 19 febbraio concluse la requisitoria chiedendo la condanna di tutti i quindici imputati a pene che tengano conto, da un lato, dell’intervenuta prescrizione di alcune ipotesi di reato e, dall’altro, dell’appello promosso dalla Procura della Repubblica di Trani nei confronti di tre imputati: dei vigili urbani Giovanni Andriolo ed Alessandro Mancini (assolti in primo grado dalle più gravi accuse di crollo di costruzioni, omicidio colposo plurimo e lesioni personali) e dell’architetto Giovanni Paparella (invocando una pena maggiore rispetto a quella comminatagli) ritenuto direttore dei lavori della “area Giannini” dove si stavano eseguendo le demolizioni additate a causa del crollo dell’attigua palazzina di Via Roma.

Per il Tribunale tranese, che accolse l’impianto accusatorio del pubblico ministero Giuseppe Maralfa, l’edificio collassato faceva parte di “un unico aggregato edilizio che coincideva con l’intero isolato racchiuso tra le vie Cognetta, Mura Spirito Santo, De Leon e Roma” e come tale andava pensato ed eseguito qualsiasi lavoro strutturale.

La Corte d’Appello non ha fretta di pronunciarsi, come evidenzia qualche difensore. Segno che vuol avere quanti più elementi possibile per una nuova valutazione delle condotte contestate ai singoli imputati. Che sin dalla fase delle indagini preliminari si son palleggiati le responsabilità della tragedia.

Il 22 gennaio la Corte barese ha rigettato la richiesta avanzata dalle difese per una nuova perizia sulle cause e dunque sulle individuali responsabilità del crollo della palazzina per cui morirono le operaie Matilde Doronzo (32 anni), Giovanna Sardaro (30), Antonella Zaza (36), Tina Cenci (37) e Maria Cinquepalmi, figlia del titolare del laboratorio di confezioni dove lavoravano le altre vittime.

Il 9 aprile la parola ripasserà al procuratore generale presso la Corte d’Appello per le repliche alla arringhe delle difese. Se il suo intervento sarà circostanziato e lungo, la sentenza potrebbe slittare ancora per consentire, in un’altra udienza, le controrepliche ai difensori degli imputati. Se, invece, si tradurrà in una formalità, i legali non avranno granché da aggiungere e la Corte entrerà in camera di consiglio per decidere le sorti del processo di secondo grado.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400