Martedì 11 Agosto 2020 | 12:27

NEWS DALLA SEZIONE

IL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
INQUINAMENTO
Legambiente: canale H a Barletta inquinamento da bollino rosso

Legambiente: mare da bollino rosso a Barletta nei pressi del canale H

 
MALASANITÀ
Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

 
IL CASO
Barletta, concorso vigili, solo 8 «superstiti»

Barletta concorso vigili, solo 8 «superstiti»

 
verso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
IL PROGETTO
Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

 
i fatti nei mesi scorsi
Fece esplodere una bomba e appiccò un incendio davanti a farmacia: un arresto a Bisceglie

Fece esplodere una bomba e appiccò un incendio davanti a farmacia: un arresto a Bisceglie

 
l'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
EMERGENZA ABITATIVA
Trani, casa occupata assegnata dal Comune

Trani, casa occupata di via Olanda assegnata dal Comune

 
I fondi
Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

 
LA CRISI
Barletta, venti di crisi per la maggioranza di Cannito

Barletta, venti di crisi per la maggioranza di Cannito

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'emergenza
Bari, potenziato laboratorio Covid al Di Venere: 500 tamponi al giorno

Bari, potenziato laboratorio Covid al Di Venere: 500 tamponi al giorno

 
Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

Il personaggio

Bisceglie, ascesa e caduta del re del divertimento Vito Mastrogiacomo

Dagli splendori degli anni Novanta con il «Divinae Folliae» alle fiamme e alle ceneri del presente

Foggia, muore dopo pestaggio in discoteca: pm indaga per omicidio

BISCEGLIE - Mezzo millennio fa Leonardo da Vinci (1452 - 1519) sostenne: “Raro cade chi ben cammina”. Una metafora ancora oggi attuale: può bastare cioè un passo falso a far cadere un impero, un’impresa. Le lingue di fuoco, implacabili, che nel silenzioso pomeriggio di lunedì scorso hanno avvolto in un “abbraccio” distruttore l’ex Centro Turistico Mastrogiacomo a Bisceglie hanno messo a nudo nuovamente le tristi vicende della “caduta” nel percorso giudiziario fallimentare della famosa struttura che si affaccia in una lama naturale mozzafiato, comprendente la sala ricevimenti con la terrazza “Vetta dei Divi” e la mega discoteca “Divinae Follie”.

Un patrimonio risucchiato nella voragine dei debiti. Una storia triste ed umana balzata questa volta, non solo nella piazza della diceria popolare, ma sfociata nell’apertura di un altro fascicolo giudiziario. La relazione di indagine stilata dai carabinieri della locale Tenenza e dai vigili del fuoco, dopo gli accertamenti effettuati sul posto, si è conclusa con l’accusa di incendio doloso e l’emissione da parte dell’autorità giudiziaria di un provvedimento di arresto domiciliare nei confronti del 78enne Vito Mastrogiacomo, ex proprietario del Centro Turistico, soccorso e trasportato in ambulanza nel vicino ospedale “Vittorio Emanuele II” in stato confusionale. A Mastrogiacomo, infatti, considerata la sua precarietà, gli era stato concesso di dimorare in una delle stanze.

Una vita solitaria, di inevitabili amarezze e priva ormai di forze. È di lì che sarebbero partite le fiamme dell’incendio che ha danneggiato parte della “Vetta dei Divi” e degli spazi adibiti ad uffici, domato in circa un’ora di intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Molfetta. Accidentale o per un corto circuito? All’interno c’erano altre persone in movimento? Sembrano essere state escluse altre ipotesi, si propende per l’azione dolosa. Dunque un gesto forse spinto dalla disperazione di dover lasciare definitivamente al suo destino quel “regno” che l’ha visto protagonista, soprattutto nel bene, per molti anni.
Mentre l’ex patron Mastrogiacomo esce di scena, dietro le quinte freme la società aggiudicataria della concessione della struttura per due anni. Non ha subìto danni il “tempio” della musica e del popolo della notte, la famosa mega discoteca Divinae Follie” che è da settimane in pole position per riaprire le porte e dare inizio alle danze.

La riapertura è prevista a breve in occasione del trentennale della fondazione. Ci si appresta a riaccendere le luci policrome e gli altoparlanti a diffondere musica, ritmi, remix. Si tornerà a ballare su una delle piste più rinomate nella storia del divertimento italiano, oggi dal nome criptato: “Df”. La mega discoteca, infatti, era rimasta in letargo ed in silenzio per lunghi anni a causa di un crack finanziario e del contenzioso nella famiglia proprietaria, finiti in Tribunale e quindi, data la situazione debitoria “caduta” in ginocchio davanti al martelletto dell’asta pubblica, con l’annessa sala ricevimenti.

A guidare la “rinascita” è l’imprenditore molfettese Roberto Maggialetti che, dopo aver fatto eseguire tutti i lavori di adeguamento sia per le norme di sicurezza che degli impianti sonori, insegue il miracolo di far riaprire le porte, per offrire un’occasione di divertimento e di lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie