Sabato 16 Gennaio 2021 | 10:52

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 
lavori urgenti
Trani, pericolo di crollo per il muraglione sul mare

Trani, pericolo di crollo per il muraglione sul mare

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzasanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
Materal'annuncio
Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
Leccetragedia evitata
Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

NEL CENTRO STORICO

Trani, vandalismi nel borgo antico: scatta l’ora del fai-da-te

Filippo ha 65 anni e da due decenni fa l’«operatore ecologico aggiunto». Ecco cosa succede in vico Annunziata e dintorni

Trani, vandalismi nel borgo antico: scatta l’ora del fai da te

Vico Annunziatra a Trani

TRANI - Ha 65 anni, peraltro portati benissimo, e da venti fa l’operatore ecologico aggiunto. Si chiama Filippo, abita in vico Annunziata e soprattutto, nel fine settimana provvede direttamente lui alla pulizia di quella stradina e della vicina vico San Basile, ormai diventati teatro del peggio che la movida possa proporre. L’altra notte un folto gruppo di ragazzi, radunatosi lì intorno alle 3, dopo avere bevuto e schiamazzato a lungo, ha atteso scientificamente il passaggio di una pattuglia dei carabinieri prima di urinare dappertutto, accompagnati dalle bottiglie di alcool appena consumate. Al risveglio Filippo si è armato della solita, santa pazienza e, insieme con acqua, candeggina e scopa, ha rimesso tutto a posto. Compresa la fioriera nei pressi della sua abitazione, puntualmente riempita di rifiuti e resti di consumazioni, e da lui altrettanto sistematicamente ripulita per restituirle il decoro che merita.

Dopo il caso del vicino vico San Basile, messo a dura prova da vandali, malviventi e possibili spacciatori, il cancro della notte senza controllo sembra rafforzarsi ed estendersi. E i cittadini non si rassegnano, si attivano e si mettono in proprio per difendersi dal degrado. Ma i cartelli dei bambini che chiedono silenzio, le loro pigne per non fare sedere gli incivili sugli scalini e la scopa di Filippo non possono sostituirsi alle istituzioni.

Abitare nel centro storico, o nei pressi del centro storico, non può essere diventata all’improvviso una colpa. Infatti, a chi si lamenta, altri rispondono che «non te l’ha ordinato il medico». Siamo così giunti ad un paradossale ribaltamento dei piani, per effetto del quale il degrado è la normalità e la ribellione ad esso un atteggiamento fuori della realtà. Filippo pulisce il suo vicolo da vent’anni per il bene comune. E, sempre da vent’anni, Trani è iscritta nel registro delle «Città slow». Aderendovi, come tanti altri comunali in Italia, Trani si è dichiarata «animata da individui curiosi del tempo ritrovato, dove l’uomo è ancora protagonista del lento, benefico succedersi delle stagioni». Inoltre, «rispettosa della salute dei cittadini, della genuinità dei prodotti e della buona cucina». Ed ancora, «ricca di affascinanti tradizioni artigiane, preziose opere d’arte, piazze, teatri, botteghe, caffè, ristoranti, luoghi dello spirito e paesaggi incontaminati». Infine, caratterizzata della spontaneità dei riti religiosi, rispetto delle tradizioni e dalla gioia di un lento e quieto vivere». Il «manifesto» di una città slow dovrebbe fare sempre​ più riflettere su cosa sarebbe dovuto significare essere una città slow e cosa oggi effettivamente sia. Purtroppo, avere fondato la sua nuova economia quasi esclusivamente sui locali della ristorazione, se da una parte consente dei risultati a breve scadenza, dall’altra ha innescato conseguenze devianti e spesso imprevedibili. E così, se nel migliore dei casi c’è un Filippo che la mattina si rimbocca le maniche e puilisce, nel peggiore c’è una rissa che scoppia davanti ad un locale nella quale, come 5 anni fa di questi tempi, ci può persino scappare il morto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie