Martedì 12 Novembre 2019 | 03:42

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
teatro
Compagnia Dialettale Biscegliese: la storia diventa argomento di una tesi di laurea

Compagnia Dialettale Biscegliese: la storia diventa argomento di una tesi di laurea

 
il progetto
Margherita di Savoia: un museo nel «Magazzino Nervi», convenzione col Politecnico

Margherita di Savoia: un museo nel «Magazzino Nervi», convenzione col Politecnico

 
L'inchiesta
Andria, crollo palazzina via Pisani: gli indagati salgono a 8

Andria, crollo palazzina via Pisani: gli indagati salgono a 8

 
il caso
Andria, picchia fidanzata ma lei non lo denuncia: arrestato grazie a video sul web

Andria, picchia fidanzata ma lei non lo denuncia: arrestato grazie a video sul web

 
nel Nordbarese
Trinitapoli, GdF trovò enorme piantagione di marijuana: identificati e arrestati 2 responsabili

Trinitapoli, GdF trovò enorme piantagione di marijuana: identificati e arrestati 2 responsabili

 
nel Nordbarese
A Minervino Murge giunta troppo «rosa»: proteste

A Minervino Murge giunta troppo «rosa»: proteste

 
nel Nordbarese
Barletta, lite in un bar, calci e pugni a un poliziotto: 2 fratelli arrestati

Barletta, lite in un bar, calci e pugni a un poliziotto: 2 fratelli arrestati

 
Il caso
Andria, pestano un mendicante per rubargli i soldi: due arresti

Andria, pestano un mendicante per rubargli i soldi: due arresti

 
Il sequestro
Bisceglie, a bordo con 16 chili di datteri di mare: denunciati due pescatori

Bisceglie, a bordo con 16 chili di datteri di mare: denunciati due pescatori

 
Il caso
Barletta, guardia giurata tenta di stuprare una donna: arrestato, in casa aveva 48mila euro

Barletta, guardia giurata tenta di stuprare una donna: arrestato, in casa aveva 48mila euro

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

Giustizia truccata

«Giudici corrotti a Trani» inizia il processo a Nardi

L’ex gip è in carcere da gennaio: come il suo accusatore D’Introno

«Giudici corrotti a Trani» inizia il processo a Nardi

BARI - L’accusa è di aver svenduto la giustizia, coordinando una cricca di persone pronte ad addomesticare processi in cambio di soldi e favori. Dopo oltre 100 ore di incidente probatorio inizia oggi a Lecce il processo agli ex giudici di Trani: visto che gli ex pm Antonio Savasta e Luigi Scimè hanno scelto l’abbreviato, davanti alla Seconda sezione comparirà oggi solo l’ex gip Michele Nardi, che da gennaio è in carcere e non ha mai detto una sola parola. Ma in carcere ci è finito, per una storia diversa, anche il suo principale accusatore, l’imprenditore Flavio D’Introno.

Nel processo che si apre oggi a Lecce, insieme a Nardi (che rischia vent’anni per 11 diversi capi di imputazione) sono imputati anche l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, pure lui in carcere a Matera, e l’avvocato barese Simona Cuomo. Ai tre la Procura contesta l’associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari (di cui Nardi è ritenuto capo, promotore e organizzatore) oltre che, a vario titolo e secondo le rispettive responsabilità, numerosi episodi di concussione, millantato credito, minacce, calunnia e falso ideologico e materiale. A processo vanno pure Gianluigi Patruno, il «falso testimone» che si sarebbe prestato a costruire le accuse contro i nemici di D’Introno, e Savino Zagaria, l’ex cognato del pm Savasta: rispondono di concorso in corruzione (Patruno anche di calunnia).

BARI - L’inchiesta nasce dalle denunce di D’Introno, che ha raccontato di aver consegnato ai tre giudici oltre due milioni di euro, di aver pagato viaggi e ristrutturazioni, oltre che gioielli e elettrodomestici. Un ventaglio di regali che vanno dal diamante ai frullatori, nel disperato e inutile tentativo di sfuggire a una condanna per usura che è poi diventata definitiva nonostante le rassicurazioni di Nardi: i giudici dei collegi di primo grado e appello, quelli che Nardi avrebbe detto a D’Introno di aver corrotto, sono infatti parti offese nel procedimento insieme allo stesso imprenditore coratino che pure resta indagato. La Procura di Lecce ritiene tuttavia che D’Introno abbia effettivamente pagato i giudici Nardi, Savasta e Scimè, con gli ultimi due (il giudizio abbreviato davanti al gup Cinzia Vergine partirà il 20) accusati di aver addomesticato alcuni fascicoli in cambio di denaro: Savasta ha ammesso gran parte delle accuse, si è dimesso dalla magistratura e ha ottenuto gli arresti domiciliari, Scimé si proclama innocente ed attende anche l’esito del procedimento disciplinare aperto dal Csm. Su Nardi ci sono invece le parole di D’Introno e quelle di Savasta, oltre che le intercettazioni: si sarebbe fatto finanziare per anni dall’imprenditore di Corato, che gli avrebbe anche ristrutturato una villa a Trani e una casa a Roma.

Nel frattempo il 10 ottobre D’Introno è finito anche lui in galera, proprio per la condanna a quattro anni e mezzo rimediata nel processo «Fenerator» sull’usura. Il Tribunale di Sorveglianza di Bari ha infatti respinto la richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali per motivi di cura, e così l’imprenditore coratino (che oggi non sarà in aula) è stato portato nel carcere di Trani: il suo avvocato, Vera Guelfi, che sulla decisione della Sorveglianza aveva pure scritto una lettera aperta al capo dello Stato, ha presentato ricorso in Cassazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie