Martedì 26 Gennaio 2021 | 00:22

NEWS DALLA SEZIONE

viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

L'indagine

Trani, compensazioni «troppo ricche»: sotto inchiesta il sindaco e altri 7

Vantaggi economici per la società che gestisce il ristorante Le Lampare al Fortino

Trani, compensazioni «troppo ricche»: sotto inchiesta il sindaco e altri 7

Il sindaco di Trani Amedeo Bottaro, 5 componenti della giunta (di cui 4 non più tali), l’ex dirigente dell’area lavori pubblici e patrimonio ed il dirigente dell’ufficio legale comunale dovranno difendersi dalle accuse di concorso in abuso d’ufficio e falso. I fatti riguardano la compensazione fra le somme dovute al Comune a titolo di canoni di concessione dalla Sas Le Lampare di Del Curatolo Antonio & C. che gestisce il ristorante «Le Lampare al Fortino» e le somme che la Società ha ritenuto vantare verso il Comune per lavori di demolizione e ricostruzione del solaio.

«Una compensazione ingiusta» con relativo vantaggio economico di 60mila euro per la società, secondo il sostituto procuratore della Repubblica di Trani Francesco Aiello che ieri ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti del sindaco Amedeo Bottaro, degli ex assessori Giovanni Capone, Raffaella Bologna, Debora Ciliento, Grazia Di Staso, del tuttora assessore Luca Lignola, del responsabile dell’ufficio legale, avv. Michele Capurso, e dell’ex dirigente Giovanni Di Donna.
L’inchiesta è partita dall’esposto del Movimento Trani a Capo per il cui referente Antonio Procacci ed i consiglieri comunali Aldo Procacci e Mariagrazia Cinquepalmi pende richiesta di rinvio a giudizio a seguito della denuncia del gestore dello stesso ristorante per un comunicato stampa, ritenuto diffamatorio, con cui il Movimento denunciava storture nella vicenda.

Secondo l’accusa, la compensazione non sarebbe stata possibile sia perché il Comune non avrebbe avuto l’obbligo di sostenere il costo dei lavori (portati in compensazione con la morosità nei canoni del ristorante) sia perché non ci sarebbe stato più il rischio appello (di qui l’accusa di falso) da parte della società avverso una sentenza del Tribunale Civile (coperta dunque da giudicato) che aveva respinto la sua pretesa creditoria, poi portata in compensazione. Di Donna risponde di un’ulteriore ipotesi di abuso d’ufficio per non aver attivato il procedimento di decadenza dalla concessione della società a causa della morosità.

Sottolinea, invece, per parte sua, il primo cittadino di Trani, Amedeo Bottaro: «È solare il fatto che l’obiettivo di quella delibera è stato pienamente raggiunto: il concessionario, che per anni non aveva pagato, ha versato fino all’ultimo euro il suo debito, permettendo al comune di incassare 191.000 euro che, diversamente, non sarebbero più rientrati. Quella delibera fu approvata sulla base di due pareri, rilasciati sia dal dirigente dell’Area patrimonio, sia dal responsabile dell’Ufficio legale, che attestarono che l’intervento di consolidamento del lastrico solare della terrazza adiacente l’ex chiesa andava inquadrato come un’opera di carattere straordinario, e quindi a carico del proprietario, che è il Comune, e non del concessionario».
E poi: «Per anni, quel concessionario non aveva pagato nulla e sarebbe stato più comodo, anche per me, fare finta di niente. Invece quei soldi li abbiamo recuperati e questo è un dato di fatto incontrovertibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie