Giovedì 12 Dicembre 2019 | 17:37

NEWS DALLA SEZIONE

«chiavi della città»
Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

 
per stalking
Bisceglie, perseguita la ex con la scusa di vedere la figlia: arrestato

Bisceglie, perseguita la ex con la scusa di vedere la figlia: arrestato

 
le dichiarazioni
Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

 
tragedia nel nordbarese
Andria, precipita da gru mentre monta luminarie della chiesa: muore operaio 44enne

Andria, precipita da gru mentre monta luminarie della chiesa: muore operaio 44enne

 
il caso
Barletta, tra gli spazzini «110 e lode» anche la figlia modella di un consigliere comunale

Barletta, tra gli spazzini «110 e lode» anche la figlia modella di un consigliere comunale

 
la tragedia
Terremoto in Albania, i volontari della Bat: «Tanto dolore tra le macerie»

Terremoto in Albania, i volontari della Bat: «Tanto dolore tra le macerie»

 
nordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
Nuoto
La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

 
Il caso
A Barletta la ruota panoramica c'è ma... non gira

A Barletta la ruota panoramica c'è ma... non gira

 
Il posto fisso
Barletta, diventerà netturbino con 110 e lode in ingegneria edile: la storia

Barletta, diventerà netturbino con 110 e lode in ingegneria edile: la storia

 
In zona Zagaria
Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre inaugura il reparto intitolato a Nadia Toffa

 
Barila sentenza
Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Leccel'episodio la notte scorsa
Lecce, vandali nel presepe di Piazza Duomo: pupi mutilati e imbrattati

Lecce, vandali nel presepe di Piazza Duomo: pupi mutilati e imbrattati

 
Brindisidai carabinieri
Ceglie Messapica, in cantina ha 18 kg di sigarette di contrabbando: arrestato

Ceglie Messapica, in cantina ha 18 kg di sigarette di contrabbando: arrestato

 
Bat«chiavi della città»
Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

Giustizia truccata

Magistrati arrestati a Trani, anche avvocati nel mirino delle indagini

Dodici persone attendono il rinvio a giudizio

Magistrati arrestati a Trani, anche avvocati nel mirino delle indagini

La Procura di Lecce si appresta a chiedere il rinvio a giudizio per Michele Nardi, Antonio Savasta, Luigi Scimè e le altre 9 persone accusate a vario titolo di aver truccato le indagini del Tribunale di Trani. Ma l’inchiesta sulla giustizia svenduta non è finita e, anzi, prosegue, e la lista delle persone coinvolte - che già si è «arricchita» di almeno altri sei nomi - è destinata ad allungarsi ancora.

I carabinieri di Barletta, su delega della pm Roberta Licci, stanno infatti eseguendo altri accertamenti. Si tratta essenzialmente di due filoni. Il primo, gli approfondimenti sulle denunce presentate da avvocati e imprenditori che ritengono di essere incappati nella «cricca» delle indagini truccati. Il secondo, la ricerca di riscontri alle dichiarazioni dell’imprenditore Flavio D’Introno, l’uomo che (pur accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione insieme a Nardi e Savasta) con le sue «confessioni» ha reso possibili gli arresti di gennaio: la pista dei soldi, quelli che D’Introno ha detto di aver distribuito per assicurarsi favori in realtà mai fatti o comunque inutili, potrebbe infatti portare ad altre ipotesi di reato.

La prima parte dell’indagine ha esplorato quanto avvenuto all’interno della Procura di Trani con l’attività di Savasta (che ha ammesso di essersi fatto corrompere) e di Scimé (che invece nega e ha presentato una corposa memoria difensiva), accusati di aver accettato di soldi di D’Introno per intervenire su alcuni fascicoli. Ora si passa a quanto avvenuto intorno all’attività dei magistrati, non solo nel periodo in cui Savasta ha operato a Trani (è stato trasferito a Roma a gennaio 2017) ma anche in tempi recenti. All’attenzione della Procura di Lecce ci sarebbero anche episodi accaduti durante le indagini (con tentativi di inquinamento, anche da parte di soggetti esterni) e addirittura dopo gli arresti dello scorso gennaio.

Il pm Licci ha già iscritto nel registro degli indagati Emilia Savasta, sorella di Antonio con l’ipotesi il concorso in corruzione (insieme all’ex marito Savino Zagaria) per aver ricevuto denaro e altre utilità (la ristrutturazione di una palestra) da Flavio D’Introno, e di concussione e concorso in falso ideologico e materiale insieme all’ex gip Michele Nardi e al fratello per il caso Tarantini (l’imprenditore di Corato cui è stato recapitato un falso avviso di garanzia per reati fiscali, per estorcergli 400mila euro). Tra gli iscritti nel registro degli indagati c’è anche un imprenditore di Ruvo, cui viene contestato il concorso in abuso d’ufficio e l’indebita percezione di erogazioni pubbliche per una vicenda tangenziale a quella dei regali ai magistrati arrestati. Altre verifiche riguardano professionisti, avvocati e commercialisti, che a vario titolo gravitano o hanno gravitato nell’orbita della Procura di Trani e che potrebbero aver fatto da tramite con i magistrati. Ancora, alcune accuse potrebbero riguardare anche gli imprenditori che hanno denunciato di essere stati costretti a pagare, in quanto sarebbero emerse circostanze differenti rispetto a quelle raccontate.

L’inchiesta della Procura di Lecce diretta da Leonardo Leone de Castris ha finora ipotizzato a vario titolo, oltre all’associazione a delinquere, anche le ipotesi di concussione, millantato credito, estorsione, truffa aggravata e minacce. Ne emerge lo spaccato poco edificante di un Tribunale, quello di Trani, in cui bastava pagare per ottenere una corsia preferenziale per le proprie denunce, magari costruite con falsi testimoni prezzolati a loro volta pronti a ricattare gli stessi magistrati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie