Venerdì 15 Gennaio 2021 | 19:13

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 
lavori urgenti
Trani, pericolo di crollo per il muraglione sul mare

Trani, pericolo di crollo per il muraglione sul mare

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
PotenzaDifesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
TarantoL'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
FoggiaDalla polizia
Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Sanità

Da Bisceglie a Boston: ricercatore scopre innovativa terapia oncologica

Lo studio di Mauro Di Pilato è stato pubblicato anche dalla rivista Nature

Da Bisceglie a Boston: ricercatore scopre innovativa terapia oncologica

A Boston sono le 9. Il traffico regna sovrano sotto i grattacieli. In uno dei laboratori del Massachusetts General Hospital, in cui si pratica alacremente la ricerca scientifica per sconfiggere il cancro, le luci sono sempre accese. Tra reagenti, provette e sperimentazioni è al lavoro col suo camice bianco il dottor Mauro Di Pilato, giovane ricercatore di Bisceglie. È lì dal 2015. Ora il suo nome sta facendo il giro del mondo, per la sua importante scoperta fatta nell’ambito delle terapie antitumorali, pubblicata sulla prestigiosa rivista Nature, che apre nuove possibilità di cura.


«Ho cercato di convertire alcune cellule per attivare una risposta immune contro il cancro - spiega in sintesi Di Pilato – uno studio condotto in equipe con altri quindici colleghi del terminale ospedaliero della Scuola di Medicina di Harvard (ma il 90% del lavoro porta la mia firma) per rendere questo tipo di terapia più efficace nei pazienti, ancora numerosi, che non rispondono positivamente al trattamento con gli inibitori di check-point immunitario».


«Per fare in modo che la terapia con anticorpo monoclonale anti-Pd-1 sia davvero efficace, è necessario che ci sia una condizione di infiammazione in questi tumori - spiega il ricercatore pugliese - circostanza che non sempre si verifica, invece attraverso studi eseguiti prima su modello genetico e poi farmacologico (su topi), mira a dimostrare che, riprogrammando le cellule T regolatorie è possibile ottenere un effetto pro-infiammatorio nel tumore in grado di rendere più efficace il trattamento con anticorpo monoclonale. Gli studi farmacologici hanno dimostrato che, somministrando un inibitore della proteina Malt1, costitutiva del complesso Cbm (Carma1-Bcl10-Malt1), è possibile indurre la secrezione di interferone gamma da parte delle cellule T regolatorie. Il rilascio di questa citochina nell’ambiente tumorale permette quindi di creare la condizione di infiammazione necessaria affinché la terapia sia più efficace».


Ed ancora: «Generalmente si tende a rimuovere le cellule T regolatorie perché queste sopprimono i linfociti CD8, che agiscono contro il tumore. Noi invece le abbiamo riprogrammate. Non si ha reazione auto-immune, quindi queste cellule svolgono regolarmente le loro funzioni al di fuori del tumore. Questo è molto importante, perché così si evita la controindicazione di una infiammazione sistemica. Le cellule convertono solo nel tumore».


Di Pilato, perché e com’è approdato in terra americana?
«A Boston c’è un confronto costante con gli altri ricercatori, migliore e superiore, quelli di livelli più alti sono lì».
Ed ora quali saranno gli sviluppi di questa sua intuizione scientifica?
«C’è stato il brevetto del farmaco, sono in arrivo i finanziamenti per sperimentarlo sull’uomo, nel 2020/2021, la ricerca è stata fatta sui topi e c’è tutto un protocollo da seguire».
Quando tornerà in Puglia?
«Ci vengo una volta all’anno, in estate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie