Mercoledì 21 Agosto 2019 | 20:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
Il caso
Miasmi a Barletta «salta» il Consiglio. A Trani controlli in azienda sospetta

Miasmi a Barletta «salta» il Consiglio. A Trani controlli in azienda sospetta

 
L'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 
Il caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza in città: la fonte è una azienda di scarti animali

 
Il furto
Barletta, ruba monete dalla cassetta delle offerte: arrestato

Barletta, ruba monete in chiesa dalla cassetta delle offerte: arrestato

 
Cervelli in fuga
Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

 
In Sicilia
Turista pugliese bloccato nella riserva dello Zingaro: il salvataggio è spettacolare

Turista pugliese bloccato nella riserva dello Zingaro: il salvataggio è spettacolare

 
L'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 
I numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
L'aggressione
«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

 
Nel nordbarese
Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

al tribunale di bari

Crollo di Barletta, sei assoluzioni in appello

E sette condanne diventano più miti

Crollo di Barletta, sei assoluzioni in appello

BARI - Una parziale ma sostanziale riforma della sentenza di pronunciata dal Tribunale di Trani il 15 dicembre 2015. Sei dei 15 imputati per il tragico crollo della palazzina di via Roma, il 3 ottobre 2011, a Barletta, sono stati assolti dalla Corte d’Appello di Bari da qualsiasi imputazione contestata a vario titolo. In altri 7 casi le pene sono state più miti, complice in alcuni casi l’intervenuta prescrizione.

Dopo un paio d’ore di camera di consiglio, il collegio ha scritto la parola fine al giudizio originato da varie impugnazioni alla sentenza di primo grado, compresa quella del pm Giuseppe Maralfa, titolare dell’inchiesta per far luce sulle responsabilità delle morti di Matilde Doronzo (32 anni), Giovanna Sardaro (30), Antonella Zaza (36), Tina Cenci (37) e di Maria Cinquepalmi, la 14enne figlia del titolare del laboratorio di confezioni dov’erano impegnate le altre vittime.

La Corte ha scagionato da ogni accusa l’ing. Pietro Ceci (condannato in primo grado a 5 anni di reclusione e a 6 mesi d’arresto); il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale di Barletta Francesco Gianferrini (in primo grado 3 anni e 6 mesi di reclusione, a 5 mesi e 15 giorni d’arresto); il funzionario comunale Valeria Valendino (in primo grado 2 anni e 6 mesi di reclusione nonché a 4 mesi e 15 giorni d’arresto); il maresciallo di polizia municipale Alessandro Mancini (in primo grado 4 mesi di reclusione, pena sospesa); Antonio Sica, incaricato della sorveglianza del cantiere Giannini Srl – proprietaria dell’area adiacente la palazzina di via Roma dove si stavano eseguendo i lavori ritenuti causa del crollo – condannato in primo grado ad 1 anno e 10 mesi di reclusione, pena sospesa); il geometra comunale Roberto Mariano (in primo grado 2 anni di reclusione, pena sospesa), quest’ultimo difeso dall’avvocato Giuseppe Bufo e Piero Martire.

La Corte ha rideterminato pene inferiori rispetto a quelle comminate in primo grado per il vigile urbano della polizia edilizia Giovanni Andriolo, che a Trani era stato già assolto dalla più grave accusa di crollo di costruzioni, omicidio colposo plurimo e lesioni personali (da 3 anni e 6 mesi ad 1 anno e 4 mesi, pena sospesa); per Salvatore Chiarulli, legale rappresentante dell’impresa esecutrice dei lavori per la demolizione dell’edificio e la bonifica (da 4 anni e 9 mesi di reclusione e 2 mesi e 15 giorni d’arresto a 2 anni e 9 mesi); per i suoi fratelli-dipendenti Andrea e Giovanni Chiarulli (da 4 anni e 7 mesi a 2 anni e 9 mesi ciascuno); per Cosimo Giannini, legale rappresentante dell’omonima Srl proprietaria del suolo adiacente la palazzina di Via Roma dove si stavano eseguendo i lavori edili (da 4 anni e 9 mesi di reclusione e 6 mesi d’arresto a 4 anni); per l’architetto Giovanni Paparella ritenuto direttore dei lavori dell’area Giannini (da 5 anni e 6 mesi di reclusione e 6 mesi d’arresto a 4 anni e 5 mesi di reclusione); per il geometra Vincenzo Zagaria (da 4 anni e 6 mesi di reclusione a 3 anni e 10 mesi). Confermata la pena di primo grado per l’ingegnere comunale Rosario Palmitessa a 4 anni di reclusione. In alcuni casi è stata ridotta l’entità dei risarcimenti in favore delle parti civili. Confermata la condanna alla sanzione amministrativa di 480mila euro per la srl Giannini quale persona giuridica. Col dispositivo di ieri sera è stata revocata la confisca dell’area.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie