Martedì 26 Marzo 2019 | 02:51

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Premier e segretario, così vicini così lontani

Premier e segretario, così vicini così lontani

E poi ci si lamenta del fatto che l’Italia conta poco o nulla in Europa. Mancano 5-6 mesi alle elezioni politiche, ma un dato sembra acquisito. Nessuna coalizione otterrà la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento, di conseguenza si apriranno i balli per dare vita ad alleanze più o meno spurie. Inutile dire che, in tal caso, il nome del presidente del Consiglio sarà figlio della più lunga trattativa di sempre e che il prescelto sarà il primo ad essere incredulo quando giurerà nelle mani del Presidente della Repubblica. Il tam tam di queste settimane dà per assai probabile la formazione di un «governo del Presidente», ossia di una compagine di fatto selezionata, tutelata e teleguidata dal Capo dello Stato. È già accaduto altre volte, in passato, che il vero numero uno del governo risiedesse al Quirinale, anziché a Palazzo Chigi. L’anomalia potrebbe ripresentarsi ancora.

I bene informati osservano, però, che difficilmente Sergio Mattarella concederebbe la sua benedizione a una soluzione «presidenziale» e che, di fronte a uno stallo inestricabile, egli potrebbe essere tentato di richiamare gli italiani alle urne.
La questione del premier è fondamentale oggi. Sarà ancora più dirimente domani. È fondamentale oggi, perché la diarchia tra Paolo Gentiloni e Matteo Renzi ha riportato all’attenzione un problema che pareva dimenticato: l’oggettiva difficoltà di convivenza tra il presidente del Consiglio e il leader del partito di maggioranza. Tutte le crisi politiche della Prima Repubblica sono dipese dalla rivalità tra queste due figure-chiave. Sembrava che, nel caso Gentiloni-Renzi, sarebbe andata diversamente e che i due avrebbero avviato una coesistenza priva di ombre e di frizioni, ma le cronache delle ultime settimane hanno smentito queste ottimistiche previsioni. Gentiloni e Renzi non litigano come litigavano tutti i loro rispettivi predecessori al vertice del governo e del partito, ma di sicuro - nonostante la mitezza del presidente del Consiglio - non si può sostenere che vadano d’amore e d’accordo come i fidanzatini di Peynet.

Del resto è inevitabile. Due personalità distinte non possono ragionare alla stessa maniera: sia per ragioni di temperamento, sia per ragioni di attitudini, ruoli, ambizioni, programmi, progetti.

Altrove, in altri Paesi democratici, il possibile inghippo è tagliato alla radice. Il leader del partito di maggioranza diviene automaticamente il Capo del governo. Anche l’Italia ha sperimentato (poche) stagioni all’insegna del doppio incarico, ma il doppio incarico, complice la conflittualità endemica fuori e dentro i partiti, non appartiene alla tradizione politica nazionale. Anche perché, da noi, il presidente del Consiglio è solo un primus inter pares. Non dispone cioè dei poteri (effettivi) che molte Costituzioni estere assegnano al Primo Ministro. Solo con il potere (diretto e indiretto) assicuratogli dalla leadership di partito il titolare di Palazzo Chigi potrebbe dirigere, da vero direttore, l’orchestra di governo. In caso contrario, solo mediazioni estenuanti, rinvii continui, verifiche infinite. Come avviene da circa 70 anni.

Se persino due amici come Gentiloni e Renzi - direbbe Umberto Bossi - non trovano la quadra, figuriamoci cosa ci potrebbero riservare altre combinazioni, altri consolati bicefali.

Il che potrebbe persino essere rubricato come un problema tutto sommato minore, o addirittura come una felix culpa, dato che eviterebbe concentrazioni di potere. Ma un governo diretto da presidente orfano di poteri reali è un governo che, specie a livello internazionale, può farsi sentire solo sino a un certo punto. Nella migliore delle ipotesi, abbaia alla luna. Si possono calcolare sulle dita di una mano coloro che, negli ultimi 50 anni, hanno rivestito responsabilità di governo in Germania, Francia e Gran Bretagna. In Italia, invece, si perderebbe il conto. Né vale controbattere, pur con fondatezza di argomenti, che il viavai ministeriale non va confuso con la stabilità politica, che è segnata dalle formule e dai programmi. La giostra dei premier italiani nelle riunioni del G7, dei governanti europei e degli organismi sovranazionali, non giova all’autorevolezza di chi rappresenta la Penisola e, soprattutto, non giova alle cause da quest’ultimo sostenute.

Ecco perché bisognerebbe riaprire il capitolo sul ruolo e sui poteri del presidente del Consiglio in Italia. Uno, perché la stabilità politica e lo stesso bipolarismo dipendono dalla forza del Capo del governo, piuttosto che dai sistemi elettorali. Due, perché in un mondo ad alto tasso di competitività, è quanto meno bizzarro che il rappresentante di una nazione come l’Italia partecipi ai consessi internazionali con l’orecchio teso a intercettare le notizie in arrivo da Roma. La qual cosa lo rende meno credibile e meno autorevole quando si analizzano dossier scottanti, tipo quelli finanziari, energetici, militari eccetera.

Mettiamoci d’accordo. Da un lato si cerca di non affidare poteri incisivi al premier. Da un lato si pretende che l’Italia si faccia ascoltare di più in Europa. Ma questi due auspìci si contraddicono come il diavolo e l’acqua santa.

Giuseppe De Tomaso
detomaso@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400