Venerdì 30 Luglio 2021 | 09:44

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 
l'approfondimento
Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPunto di riferimento per turisti
Monopoli, attivo nuovo presidio della Polizia

Monopoli, attivo nuovo presidio della Polizia

 
TarantoDerattizzazione
Taranto, installate ecotrappole per i topi

Taranto, installate ecotrappole per i topi

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 
MateraL'allarme
Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

 
FoggiaL'Irccs di San Giovanni Rotondo
Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

 
BrindisiTokyo 2020
Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

 
Potenzal'emergenza
Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

 
LecceSerie B
Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

 

i più letti

la analisi

La nuova corsa di Matteo tra europeismo e sovranismo

In principio fu l’ingresso (inatteso) nel governo Draghi

Brindisi, bagno di folla per Salvini: in Puglia non salteranno posti di lavoro

Salvini a Brindisi

Bari - In principio fu l’ingresso (inatteso) nel governo Draghi. Per non lasciare il boccino a Partito democratico e Movimento 5 Stelle, per contare di più, per tutelare i ceti produttivi del Nord in fregola di riaperture e rimozione dei vincoli. Poi quel naso infilato, per un attimo, in casa del Partito popolare europeo (Ppe) e l’idea di una federazione con Forza Italia.

Nel mezzo, il giganteggiare di Giancarlo Giorgetti - nel frattempo diventato ministro - e Luca Zaia, maggiorenti della corrente «tedesca» ed europeista della Lega, quella a cui il sovranismo è sempre andato un po’ di traverso. E così le foto con la felpa «Basta euro» sono diventate un ricordo di gioventù, un po’ come i vecchi poster in cameretta, mentre gli scritti corsari di Borghi e Bagnai sono rapidamente ingialliti in testimonianze dei ruggenti tempi che furono.

La metamorfosi di Matteo Salvini si è consumata in perfetto stile kafkiano: ti addormenti in un modo e ti svegli in un altro. Il problema però è che pure gli elettori si sono addormentati in un modo ma, al risveglio, non sono cambiati affatto.

Da cui il più classico «scollamento» tra il vertice cangiante e la base spaesata con l’allegra transumanza di voti verso Fratelli d’Italia e quella rincorsa forsennata (e non più utopistica) di Giorgia Meloni alla leadership della coalizione.

Una emorragia troppo vistosa per non correre ai ripari. E così Matteo s’è rimboccato le maniche dell’«obamiana» camicia bianca e ha corretto il tiro, inaugurando una sorta di «via media» tra i due estremi. La lealtà al governo Draghi resta, così come l’ipotesi di una federazione con i berluscones. Ma il leader leghista, sparigliando il gioco, si è riavvicinato improvvisamente al leader ungherese Victor Orban e proprio nella fase in cui quest’ultimo è sferzato un giorno sì e l’altro pure dai benpensanti di Bruxelles per le sue leggi contro la propaganda omosessuale. Una sbandata d’altri tempi? No, affatto, nulla di improvvisato.

Semplicemente, il «Manifesto dei sovranisti europei» era un vessillo da non lasciare alla sola Meloni. E dunque Salvini l’ha firmato, insieme alla Le Pen e al leader magiaro, per il disappunto di Giorgetti e degli altri filo-teutonici del Carroccio. Un messaggio forte, una sorta di atto primo, a cui ne è seguito subito un secondo dalle latitudini lucane e pugliesi: il Capitano si è ributtato fra la gente per riprendersi la piazza. Alla sua maniera, naturalmente, tra selfie, gazebo e voli dell’angelo a favor di telecamera. Si torna alle vecchie abitudini, insomma, forti di un «aggancio», quello dei sei quesiti referendari sulla Giustizia, che ingolosisce anche Forza Italia ma che permette ai leghisti di alzare i toni dello scontro senza strappare tutta la tela fin qui pazientemente cucita.

L’operazione è furba ma efficace e mette a valore quello che il politologo Marco Revelli definiva il populismo «dentro e contro». Un principio, a suo tempo, applicato al renzismo che oggi torna buono per rappresentare anche le strategie dell’altro Matteo. È il vecchio binomio della «lotta» e del «governo» i cui bilanciamenti sono sempre roba da alchimisti della politica. Dov’è il punto esatto di equilibrio? Difficile dirlo, ma la regola impone di spostarsi verso il governo se si è troppo di lotta e verso la lotta se si sta diventando troppo di governo cioè, detta volgarmente, se si sta finendo per assomigliare un po’ a tutti gli altri. È questo secondo passaggio quello che Salvini sta mettendo in scena in questi giorni saltando da una piazza all’altra tra applausi e megafoni.

È il ritorno della Lega «rampante» e stradaiola con tanto di dedica a chi dava per morto il sovranismo, narcotizzato dalla cura Draghi. La scalata della Meloni e la voglia di rivalsa di Salvini dimostrano che quella stagione non è chiusa e che il «conservatorismo responsabile» non gira poi tanto in tempi di crisi pandemiche, recessioni economiche e battaglie campali sui diritti. Non di sola lotta muore l’uomo, ma anche di governo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie