Mercoledì 12 Maggio 2021 | 07:53

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

 
L'analisi
La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

 
Verso l'estate
Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

 
L'editoriale
La festa dell'Europa per una nuova Europa

La festa dell'Europa per una nuova Europa

 
L'editoriale
Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

 
Il punto
Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

 
L'analisi
Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

 
L'analisi
Se don Milani ora insegna all’Europa come aver cura

Se don Milani ora insegna all’Europa come aver cura

 
L'analisi
Con il giallo attenti all’esplosione di libertà

Con il giallo attenti all’esplosione di libertà

 
Il punto
Ma davvero il Sud non sa spendere? Tutte bugie

Ma davvero il Sud non sa spendere? Tutte bugie

 
Il punto
Se la cultura e lo spettacolo ricominciano dal «giallo»

Se la cultura e lo spettacolo ricominciano dal «giallo»

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatBuone notizie
Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

 
BariSpettacoli
Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

 
Covid news h 24La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
MateraIl caso
Motociclista morto nel 2019, prosciolto l'ex sindaco di Matera

Motociclista morto nel 2019, prosciolto l'ex sindaco di Matera

 
GdM.TVL'operazione di recupero
Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

 
NewsweekL'idea
Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

 
Italia TVIl video
Smantellato cartello della droga: 13 arresti tra Roma e Brindisi

Smantellato cartello della droga: 13 arresti tra Roma e Brindisi

 

i più letti

Il punto

Al banco delle dosi così fragili così forti

Li chiamano fragili e sono anche fortissimi: in fila si passano le informazioni sulla chemio conclusa, sulla seduta di «radio» da fare ancora, sui futuri appuntamenti e sul vaccino in arrivo

vaccino

Dottore, si ricorda di me? Un'umanità fragile al banco dei vaccini. È quasi mezzanotte, i pazienti oncologici riempiono gli ultimi moduli al banco della speranza. Li chiamano fragili e sono anche fortissimi: in fila si passano le informazioni sulla chemio conclusa, sulla seduta di «radio» da fare ancora, sui futuri appuntamenti e sul vaccino in arrivo. Ma anche sulla vita familiare, le nozze rinviate del figlio, il viaggio in programma per il 2022. Ascoltarli, a tratti, mette i brividi e, a tratti, riempie di una insolita fiducia. Dopo il vaccino, i quindici minuti seduti, ancora parlando con gli altri. Sì, il dottore si ricorda di me, quanti anni che vengo qui, quanti anni che sono un paziente oncologico.

Le parole ricorrenti sono AstraZeneca, Pfizer e quarantena, anche se paure e progetti vanno di pari passo e ogni timore si scioglie quando arriva il loro momento, quando i medici e gli infermieri in turno volontario fino a tarda ora dopo il lavoro quotidiano in corsìa, sono lì, a raccogliere dati, a incontrare i pazienti. Codice fiscale, documenti e anamnesi: ciascuno firma i suoi moduli e racconta in poche righe la vita da fragile. L'altra faccia dei furbetti che saltano le code o dei disagi delle attese è qui, negli ospedali di Puglia che di notte non dormono più, che sono svuotati ormai da tempo dei parenti in visita, dei pranzetti portati da casa con quell'amore che solo chi ha un «fragile» in famiglia, ricoverato o a casa, ben conosce. Il mondo va avanti al di là delle cifre e delle polemiche. La rincorsa di percentuali, la gara delle regioni, i colori rosso e arancio si fermano davanti a questa umanità carica di desiderio di ricominciare. Nonostante la malattia, nonostante tutto.

In Puglia sono state portate a termine in questo weekend caldo di accuse e di difese migliaia di vaccinazioni, ventimila al giorno, su persone che non possono ammalarsi oltre, che hanno le difese basse e si difendono dal Covid con la forza della volontà. Rocce granitiche alle quali per fortuna il sistema vaccinale sta rispondendo: certo, ci sono state le attese, ci sono i disguidi, ma a questo popolo di fragili interessa il risultato. Che è anche nei 15mila disabili che ora non rischiano più o nei bambini affetti da malattie rare, pazienti delicatissimi, arrivati con i loro genitori e con i loro medici a fare da volontari per i vaccini fuori orario. Qualcuno è stato chiamato sabato sera, mentre dormiva alla Tv: vaccini avanzati, nessun imbroglio – spiega una signora arrivata in tutta fretta col marito – saremmo venuti il giorno dopo, ma alla fine è stato meglio. Chi lotta con il tempo e con il rischio di morte, con la paura di tornare in ospedale, con il terrore di dover interrompere cure salvavita, ragiona in questo modo. E poi i parenti, gli assistenti, quelli che sono ora inglesizzati come caregiver e che fanno parte dell'altro popolo dolente, il popolo che ha imparato a coniugare da un giorno all'altro termini difficili, manovrando farmaci, medicazioni domestiche sui port, sui conduttori di chemio e su quella necessità che diventa resistenza, resilienza.

I casi non scendono, il sistema è difficile. È vero. L'incertezza, le circolari. Ma è anche vero che un aiuto verrebbe dalle coscienze dei singoli, un dato che le statistiche non possono comprendere. Un medico di base racconta di aver visto al supermercato un suo paziente in quarantena: lo dice con la stanchezza addosso, con la consapevolezza che si può fare molto ancora, ma che ciascuno di noi nel suo piccolo, con sacrificio, può ancora fare. Sentendosi guerriero di una battaglia che per una volta è davvero comune. E dobbiamo combatterla insieme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie