Venerdì 23 Aprile 2021 | 02:21

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Merito e rischio, il lodo Draghi non piace ai big del pallone

Merito e rischio, il lodo Draghi non piace ai big del pallone

 
Il commento
Se il «tengo famiglia» prevale su ogni «like»

Se il «tengo famiglia» prevale su ogni «like»

 
L'ANALISI
L’opportunità di riportare l’Italia al centro della scena

L’opportunità di riportare l’Italia al centro della scena

 
La riflessione
L’intelligenza era ed è femmina (ma ancòra non è premiata)

L’intelligenza era ed è femmina (ma ancòra non è premiata)

 
L'analisi
La concorrenza trova un amico ma forse non un tesoro

La concorrenza trova un amico ma forse non un tesoro

 
Calcio
SuperLega, «Ricchi scemi che vogliono dare calci al pallone»

SuperLega, «Ricchi scemi che vogliono dare calci al pallone»

 
Il commento
Iniezioni indietro tutta per i figli di un dio minore

Iniezioni indietro tutta per i figli di un dio minore

 
Il commento
L’indulgenza plenaria per ristoranti e scuole

L’indulgenza plenaria per ristoranti e scuole

 
L'analisi
Il principio di Palazzo Chigi per spoliticizzare la pandemia

Il principio di Palazzo Chigi per spoliticizzare la pandemia

 
Il commento
I tre punti di forza nelle parole del premier

I tre punti di forza nelle parole del premier

 
IL PUNTO
Investire nelle aree deboli è giusto e conveniente

Investire nelle aree deboli è giusto e conveniente

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
BariViabilità
Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 
BrindisiCovid
Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

 

i più letti

Il commento

La scuola a fisarmonica rischia di non suonare

La scuola è oggi al centro dello schizofrenico gioco dell’apri-chiudi nazionale (e regionale) con la spiacevole sensazione che si sia tutti ben lontani dal mettere un punto alla questione

Scuola post Covid, medici fra le classi e test a campione

Viaggia sulle frequenze dell’emergenza come il problema dei problemi. E, tra un decreto e una polemica, probabilmente lo è. La scuola è oggi al centro dello schizofrenico gioco dell’apri-chiudi nazionale (e regionale) con la spiacevole sensazione che si sia tutti ben lontani dal mettere un punto alla questione.

Il guaio è che, in questa storia, hanno ragione più o meno tutti. La didattica a distanza, dad o ddi secondo il demenziale gioco degli acronimi, si è mostrata per quello che è: la negazione totale di ogni corretto processo di apprendimento, l’esaltatore per eccellenza delle disuguaglianze (quanti pc ci sono in casa? come va la connessione?), il grande mietitore di ogni spinta alla sacrosanta socializzazione.

Oltre che, fattore non irrilevante, il parco giochi di hacker, disturbatori, bulli, molestatori e di chiunque usi il web come autostrada delle proprie distorsioni (l’ultima moda si chiama zoom booming, una sorta di irruzione vandalica durante le lezioni). D’altra parte, però, è anche vero che tenere tutto aperto, in ogni ordine di classi ed età, avrebbe avuto fatalmente un effetto moltiplicatore sul contagio, in virtù di tutti gli addentellati ingovernabili, dal trasporto pubblico ai raduni spontanei in entrata e in uscita. La via di mezzo, scelta dal Governo centrale, è quella di una apertura ragionata che coinvolga innanzitutto gli studenti più giovani, fino alla prima media (nessuno ce ne voglia se ci rifacciamo alla definizioni in voga quando il mondo era più o meno un posto per esseri senzienti).

Ma qui casca la polemica innescata da molti comitati: perché i bambini sì e gli adolescenti no? Anche i ragazzi un po’ più grandicelli hanno le stesse esigenze dei «colleghi» più piccoli. E qui bisogna essere sinceri: i bambini fino a 10-11 anni non possono rimanere soli a casa e i genitori non sanno dove piazzarli con tutto il codazzo di difficoltà organizzative e familiari. Non ci sarebbe nulla di male ad ammetterlo senza farsi schermo della retorica, sempre mortifera, sulla scuola bene comune e palestra di vita con bambini messi a favor di telecamera a rimpiangere interrogazioni e note sul registro. Su questo ventre molle del problema giocano le disposizioni di Michele Emiliano che battono, provvedimento dopo provvedimento, sull’autonomia genitoriale: «scegliete voi ma, se possibile, teneteli a casa», è la linea pugliese. Nonostante i rimbrotti di Draghi e la comodità del «non scegliere» c’è del senso nel ragionamento, ma c’è anche del caos. Anzi, un caos nel caos.

Alla fine della giostra la soluzione non ce l’ha nessuno e a poco servono gli esperimenti avanguardistici come quelli di Bolzano con i test obbligatori per chi va in presenza. Bisogna ragionare sulla realtà. Ma sfortunatamente, e siamo alla «ciccia» del problema, la scuola più di altri comparti soffre l’andamento a fisarmonica che pare l’unico buono per contenere la pandemia senza desertificare il Paese. Il circolo vizioso dell’apri-chiudi-apri se è deleterio per negozianti e ristoratori è mortifero, a maggior ragione, per processi - come l’apprendimento o la socializzazione - che esigono una serrata continuità. Forse sarebbe stato meglio sbarrare tutto subito, decretando la morte civile dell’anno scolastico fin dall’inizio, attivando poi un reticolato di bonus e controbonus per sostenere il disagio familiare. Ma ormai la stagione è andata come non doveva andare, a spizzichi e bocconi, un po’ dentro e un po’ fuori. E c’è da giurare che si continuerà così finché il caldo e i vaccini non faranno il loro ponendo fine (si spera) al più tragico dei mali venuti fuori dal vaso di Pandemia: l’incertezza. Leopardi definiva «il forse» la parola più bella del vocabolario italiano «perché non cerca la fine ma va verso l’infinito». Appunto. Un infinito delirio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie