Sabato 17 Aprile 2021 | 08:02

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Strano silenzio sul Recovery: il Sud reagisca o sarà tardi

Strano silenzio sul Recovery: il Sud reagisca o sarà tardi

 
L'ANALISI
Dalla didattica a distanza alla copiatura a distanza

Dalla didattica a distanza alla copiatura a distanza

 
La riflessione
«Impresa enciclopedia» per l’eco-territorio

«Impresa enciclopedia» per l’eco-territorio

 
L'analisi
Il grande e infinito caos tra le dosi e i potenti

Il grande e infinito caos tra le dosi e i potenti

 
Il punto
Al banco delle dosi così fragili così forti

Al banco delle dosi così fragili così forti

 
L'analisi
Se il mercato «cattivo» produce fiali salvavita

Se il mercato «cattivo» produce fiali salvavita

 
La relazione
Inps, tra Puglia e Basilicata si accumulano le pratiche: è emergenza invalidi civili

Inps, tra Puglia e Basilicata si accumulano le pratiche: è emergenza invalidi civili

 
L'ANALISI
Il vaccino del futuro che serve all’Europa

Il vaccino del futuro che serve all’Europa

 
IL PUNTO
Pandemia, gli interventi dell’Università di Bari

Pandemia, gli interventi dell’Università di Bari

 
Il punto di vista
Ma quali furbetti, sono soltanto mascalzoni!

Ma quali furbetti, sono soltanto mascalzoni!

 
L'editoriale
Prigionieri di timbri, moduli, ordinanze e circolari

Prigionieri di timbri, moduli, ordinanze e circolari

 

Il Biancorosso

Serie C
Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il "re" della serie D

Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il «re» della serie D

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweekl'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Leccel'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
PotenzaL'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Foggiala denuncia
Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

 
Batla decisione
Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

 
BasilicataEconomia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
Brindisial Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 

i più letti

Il commento

«Lamerica» 30 anni fa, eppure oggi non sarebbe meglio

Trent’anni fa, proprio nella giornata di oggi, “Lamerica” era qui, sotto casa, lungo la costa adriatica tra Bari e Brindisi

«Lamerica» 30 anni fa, eppure oggi non sarebbe meglio

Trent’anni fa, proprio nella giornata di oggi, “Lamerica” era qui, sotto casa, lungo la costa adriatica tra Bari e Brindisi. Non possiamo vivere di ricordi, perché solo i vecchi vivono di ricordi; possiamo invece far memoria di quella “Lamerica” per darne una prospettiva, interpretare il presente e delinearne un futuro.

Correva il 1991, mese di febbraio, quando lungo la costa sud Barese e nord Brindisina cominciarono alla spicciolata i primi sbarchi di profughi albanesi. Perlopiù giovanotti vestiti alla meglio e acconciati modello Anni ’70, erano poveri e con gli occhi sbarrati, incuriositi dal nostro benessere europeo e insofferenti alla repressione politica, culturale e sociale di un regime comunista ormai caduto. All’inizio di marzo, quegli sbarchi non furono più isolati, non interessarono più soltanto piccoli gruppi di giovani maschi, che in cerca di fortuna si dispersero nelle campagne o percorsero a piedi la statale per raggiungere i centri abitati della zona o i due capoluoghi. Nei primi giorni di marzo, la primavera incipiente e il mare clemente favorirono un afflusso massiccio dall’Albania e infatti – nonostante le nuove leggi piuttosto refrattarie e le disposizioni che si susseguivano da Roma – la Capitaneria fece attraccare in porto a Brindisi due grossi pescherecci trasformati in navi-traghetto per intere famiglie, nonni e bambini compresi. Cominciò l’emergenza in Puglia, e fu un inferno per Roma.

Quello di marzo fu solo il preludio di ciò che sarebbe avvenuto a Bari di lì a pochi mesi, ad agosto (l’8 agosto, per l’esattezza), con l’arrivo della “Vlora” carica di ventimila profughi aggrappati fin sul pennone della nave, in mutande e affamati. Ma questa è una storia successiva. Oggi ci interessa quanto avvenne a Brindisi, perché Brindisi in quei giorni divenne all’improvviso l’ombelico di un’Europa del tutto impreparata al fenomeno migratorio e l’epicentro di un terremoto politico e sociale per l’Italia. Sulla banchina del porto di Brindisi si riversarono in poche ore migliaia di persone, che lì rimasero per giorni, utilizzando i soli gabinetti della stazione passeggeri. Fu subito emergenza.

Di quel 5 marzo facciamo memoria per farne tesoro. L’Italia peggiore dimostrò tutta la sua impreparazione rispetto ad emergenze di protezione civile, che da lì infatti fu potenziata e migliorata. L’Italia espose alla finestra il proprio volto politico peggiore, per l’incapacità di affrontare la bomba sanitaria che lo sbarco comportò: resta indimenticabile l’imbarazzo del ministro che si presentò in conferenza stampa in prefettura a Brindisi bofonchiando gonfio come una rana e che si alzò e se ne andò alla prima domanda troppo discola e perciò ritenuta impertinente.
In quei disastrosi giorni di bivacchi improvvisati lungo il molo del porto di Brindisi, l’Italia migliore aveva sangue soprattutto pugliese. Era l’Italia della solidarietà, era la Puglia delle famiglie che rinunciarono alla coperta di troppo per donarla a chi dormiva all’addiaccio, era la comunità di Brindisi o di Monopoli che aprì le porte di casa per consentire una doccia o un pasto caldo alle mamme albanesi e ai loro bambini.

Ecco. Se “Lamerica” accadesse oggi, cosa accadrebbe? Trent’anni dopo sappiamo che tra Puglia e Albania i rapporti istituzionali, economici e culturali sono sempre più stretti; sappiamo che ci sono studenti italiani iscritti a Medicina a Tirana come ci sono tanti giovani albanesi che frequentano il Politecnico o le facoltà dell’Ateneo barese. Sappiamo che molti imprenditori pugliesi hanno avviato attività aziendali nel Paese delle Aquile, favoriti da una legislazione fiscale benevola, così come in Puglia esistono tante realtà imprenditoriali ben gestite da taluni di quei giovani sbarcati all’epoca e cresciuti qui.

È però sotto il profilo culturale in senso più lato che l’interrogativo trova risposte contraddittorie e non sempre confortanti. Chi fine han fatto il senso della premura, la spinta solidaristica, l’urgenza della carità che suggellarono all’epoca il rapporto tra la Puglia e l’Albania? Quanto è cresciuto l’abbraccio di accoglienza di un Paese ricco e istituzionalmente solido come l’Italia? Va riconosciuto che oggi, salvo le strutture della Caritas e delle parrocchie, al di là di qualche rete di volontariato laico in qualche modo sostenuto dal sistema pubblico di Welfare, oggi sarebbe molto diverso. Sicuramente non sarebbe molto meglio, nonostante il perfezionamento della macchina organizzativa di protezione civile. Oggi l’individualismo imperante, condizionato sul piano sociale dall’occasione pandemica, limiterebbe slanci di solidarietà e tensioni di carità. Prenderne atto, averne consapevolezza, sarebbe già un notevole passo avanti sotto il profilo culturale.

Oggi per l’Italia e per l’Albania sarà un giorno di festa e di giusta commemorazione. Oggi nella sede della Regione Puglia è in programma una cerimonia con i più alti vertici istituzionali (da quelli politici a quelli diplomatici) dei due Paesi. Ma il nodo della questione sta nella coscienza individuale e nella consapevolezza collettiva rispetto a un tema, come quello dei flussi migratori, che terrà banco ancora a lungo. Da questo punto di vista, la mentalità accogliente modello “Lamerica” del ’91 appare lontana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie