Domenica 07 Marzo 2021 | 00:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Non basta più cambiare colori, ora serve cambiare vita

Non basta più cambiare colori, ora serve cambiare vita

 
Editoriale
Il taglio dei parlamentari all’origine delle liti interne

Il taglio dei parlamentari all’origine delle liti interne

 
Il commento
Inaccettabile l’esclusione del Sud dal clou del Recovery

Inaccettabile l’esclusione del Sud dal clou del Recovery

 
Il commento
«Lamerica» 30 anni fa, eppure oggi non sarebbe meglio

«Lamerica» 30 anni fa, eppure oggi non sarebbe meglio

 
30 anni fa
Puglia, Italia: che bella storia le porte aperte agli albanesi

Puglia, Italia: che bella storia le porte aperte agli albanesi

 
Il commento
Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

 
L'analisi
La voglia matta di incasellare il premier

La voglia matta di incasellare il premier

 
L'editoriale
Draghi-style per azzannare il virus della crisi

Draghi-style per azzannare il virus della crisi

 
Il commento
Quel filo rosso dalla Pausini al servizio di leva di Fiorello

Quel filo rosso dalla Pausini al servizio di leva di Fiorello

 
L'analisi
Tutelare i giornali per tutelare la democrazia

Tutelare i giornali per tutelare la democrazia

 
La riflessione
Le polemiche e il lavoro a tempo di record

Le polemiche e il lavoro a tempo di record

 

Il Biancorosso

Serie C
Alla vigilia di bari-Potenza, mister Carrera: «Non sottovaluto i lucani»

Alla vigilia di Bari-Potenza, mister Carrera: «Non sottovaluto i lucani»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, bimbo di 18 mesi muore investito dall'auto del padre durante manovra

Bari, bimbo di 18 mesi muore investito dall'auto del padre durante manovra

 
Battutela ambiente
Bisceglie, opere abusive in due nuovi stabilimenti balneari: sequestrata area di 3mila mq

Bisceglie, opere abusive in due nuovi lidi: sequestrata area di 3mila mq

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Potenza, terreno frana sulla Sp 32 riaperta da pochi giorni: disagi per gli automobilisti

Potenza, terreno frana sulla Sp 32 riaperta da pochi giorni: disagi per gli automobilisti

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 

i più letti

Il commento

Per ora tutti in luna di miele con il salvatore dell’euro

Tutti sono pronti a collaborare, a rimboccarsi le maniche e a sporcarsi le mani, a dialogare con il vicino di scranno che, fino a poco tempo fa, era l’arcinemico di turno. È una specie di idillio dei nastri di partenza

Per ora tutti in luna di miele con il salvatore dell’euro

«Oggi l’unità non è un’opzione, l’unità è un dovere» ha ammonito il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel suo discorso al Senato. E giù interminabili applausi, da ogni angolo dell’Aula. Ma quello che vale oggi, varrà anche domani alla prova dei fatti e degli imprevisti?

Al momento, il nuovo governo nazionale voluto dal Colle, con il petto gonfio di spirito repubblicano, è agli esordi della propria «luna di miele» con i principali attori della politica italiana. Tutti sono pronti a collaborare, a rimboccarsi le maniche e a sporcarsi le mani, a dialogare con il vicino di scranno che, fino a poco tempo fa, era l’arcinemico di turno. È una specie di idillio dei nastri di partenza. E tuttavia quello che attende i nostri non è uno sprint di cento metri ma una maratona di parecchi chilometri e non è detto che lo spirito decoubertiniano («l’importante è partecipare») si conservi falcata dopo falcata. Draghi, da parte sua, ha due grandi fortune: la prima è che la maggioranza è larga, larghissima.

Se qualcuno, per qualche capriccio, inizia a puntare i piedi su qualche sciocchezza accessoria o peggio minaccia di accomodarsi fuori nessuno dovrà darsi pena di fermarlo perché la baracca resterà in piedi lo stesso. Una perdita è sopportabile. Niente più strappi alla Renzi, per capirci. Tutti sono utili, nessuno è indispensabile. La seconda è che le costruzioni partitiche poggiano ormai su fondamenta di sabbia. Prive di autorevolezza si offrono agli eventi con un dna integralmente negoziabile: tutto può essere messo in discussione, ricontrattato, negato. Dal punto di vista di un banchiere europeista, poteva sembrare una sfortuna essere piombati sulla scena politica italiana al tempo di populismi e sovranismi, ma non lo è. Diversamente dai tempi di maggiore moderazione, ed è un paradosso, nell’epoca degli estremismi tutto è scritto sull’acqua. E dunque, un esempio a caso, si può transitare dall’antieuropeismo più aggressivo alla corte di Mr. Euro senza troppi patemi d’animo e senza fornire chissà quali spiegazioni agli elettori. «Il senso di responsabilità» e «il bene del Paese» sono le chiavi alchemiche di qualunque composto. Nonché la giustificazione per rimangiarsi tutti i «mai» ed i «mai con» pronunciati finora con risoluta determinazione.

Solo rose e fiori, dunque? Non esattamente perché, passato questo mix di incanto iniziale e timore reverenziale, potrebbero cominciare ad arrivare i problemi. E i problemi hanno due nomi. Il primo è quello degli imprevisti, degli eventi che non ti aspetti e che non hai potuto mettere a fuoco in consultazione. Nel tempo delle pandemie, degli attentati terroristici e delle bolle finanziarie è bene non dar troppo il futuro per scontato. Il secondo, sono i sacrifici quelli che, comunque, gli italiani saranno chiamati ad affrontare sia in termini di sicurezza sanitaria (altri lockdown in arrivo?) che di ripresa economica. Il Paese è stanco, prostrato, arrabbiato, ferito a morte da una crisi bicefala e senza fine. Se il clima dovesse farsi pesante, per una qualunque ragione, inizierebbero i problemi e i distinguo. La storia del governo Monti, pur nato fra gli applausi, è illuminante: Silvio Berlusconi, che pure aveva sottoscritto e votato tutti i provvedimenti del bocconiano, anche i più impopolari, si rese conto che la misura era colma e la corda, a botte di Imu e leggi Fornero, stava per spezzarsi. E così mandò tutto a ramengo per darsi, riuscendoci, una nuova spinta elettorale. Ora, se è vero che una larga maggioranza rende irrilevanti le mattane dei singoli in tempo di pace, non esclude una rivolta dei blocchi in tempo di guerra. Qualora rimanere dentro dovesse rivelarsi troppo sanguinoso - per i partiti così come per le componenti sociali che li hanno spediti in maggioranza - i ripensamenti non tarderebbero ad arrivare.

«Il governo Draghi? Io non c’ero. E se c’ero non ero d’accordo», si potrà sempre dire. Miracoli della politica liquida al tempo dei radicalismi di sabbia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie