Venerdì 05 Marzo 2021 | 11:01

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

 
L'analisi
La voglia matta di incasellare il premier

La voglia matta di incasellare il premier

 
L'editoriale
Draghi-style per azzannare il virus della crisi

Draghi-style per azzannare il virus della crisi

 
Il commento
Quel filo rosso dalla Pausini al servizio di leva di Fiorello

Quel filo rosso dalla Pausini al servizio di leva di Fiorello

 
L'analisi
Tutelare i giornali per tutelare la democrazia

Tutelare i giornali per tutelare la democrazia

 
La riflessione
Le polemiche e il lavoro a tempo di record

Le polemiche e il lavoro a tempo di record

 
La riflessione
Se anche i migranti vanno via da Puglia e Basilicata

Se anche i migranti vanno via da Puglia e Basilicata

 
L'analisi
Un nuovo Mandrake per rifare conoscenza

Un nuovo Mandrake per rifare conoscenza

 
Il commento
Sindaci costretti dal Covid a fare gli sceriffi

Sindaci costretti dal Covid a fare gli sceriffi

 
L'editoriale
Risparmio poco virtuoso se non accetta il rischio

Risparmio poco virtuoso se non accetta il rischio

 
L'ANALISI
Se l’industria farmaceutica diventa strategica

Se l’industria farmaceutica diventa strategica

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBlitz della Polizia
Noicattaro, oltre 400 chili di hashish tra aglio e cipolle spagnole: in manette coniugi albanesi

Noicattaro, oltre 400 chili di hashish tra aglio e cipolle spagnole: in manette coniugi albanesi

 
FoggiaCriminalità
Bandito scatenati nel Foggiano: presi di mira ieri sera market e tabaccheria

Banditi scatenati nel Foggiano: presi di mira ieri sera market e tabaccheria

 
Potenzaambiente
Basilicata, assegnati 2,3 mln per bonificate 17 cave inquinate da fibre di amianto

Basilicata, assegnati 2,3 mln per bonificare 17 cave inquinate da amianto

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti

 
LecceLa cattura
Mafia, arrestato in Salento il boss Notaro, latitante della Scu

Mafia, arrestato in Salento il boss Notaro, latitante della Scu

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Il commento

Roba da matti nel Paese chiamato allegrezza

Il Paese chiamato Allegrezza vive un tempo troppo sbagliato per sbagliarlo ancòra di più

Italia fuori dal Mondiale,  31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

Mettiamo che ci sia un Paese che si chiama Allegrezza. Nel quale ci sono più di seicento morti al giorno per un virus maledetto. Nel quale di questo virus che uccide ormai da un anno si attende una terza ondata che lo farà uccidere almeno fino a luglio. Nel quale si vive la più grave crisi economica del dopoguerra. Nel quale è appena iniziata una immane vaccinazione di massa che già stenta tra furbizie e privilegi. Nel quale non ci si può muovere come persone libere e c’è il coprifuoco.

Nel quale centinaia di imprese chiudono ogni giorno e migliaia di lavoratori vanno verso il licenziamento. Nel quale milioni di studenti non riescono ad andare a scuola. Nel quale vorrebbero calarsi mille mani sugli aiuti europei per soccorrerlo. Ebbene cosa fa questo Paese invece di stringersi per non crollare? Fa una crisi di governo della quale si ignorano bene le ragioni. E le conseguenze. Della quale non vorrebbe interessarsi. Che non lo appassiona affatto.

La maggior parte della gente di questo Paese dice di non sapere se il suo Paese sia più folle o più sventurato. E che davvero facevano bene gli dei a far ammattire quelli che volevano perdere. Questo Paese chiamato Allegrezza di tutto aveva bisogno tranne che di una crisi di governo. Un Paese in cui c’è un presidente tanto solo quanto l’unico a poter evitare una catastrofe. E un Paese in cui la democrazia per fortuna consente a chi non è d’accordo, e ritiene di averne le ragioni, di dirlo. Ma in cui questa svagata democrazia consente anche a chi non è d’accordo (e lo dice) di rappresentare non più del 3 per cento della popolazione. Anzi, siccome a votare non vanno più del 60 o del 70 per cento, il 3 per cento di quel 60 o 70 per cento. Un diritto sacrosanto delle minoranze, l’essenza della democrazia. Ma un potere troppo grande per una minoranza troppo piccola che rappresenta troppo pochi. Ma è la democrazia, bellezza. Il migliore ma più autolesionista sistema possibile.

In questo Paese chiamato Allegrezza a tentare di far cadere il governo non è chi è fuori dal governo ma chi è dentro. Perché chi è fuori, cioè all’opposizione, certamente non è dispiaciuto che cada un governo non amico e nel quale non si riconosce. Tutto legittimo. Ma in una atmosfera generale di parole senza limiti, di intenti senza misura, di obiettivi senza un senso. In cui tutti i buoni non sono da una parte e i tutti cattivi non sono dall’altra. In cui manca sempre una domanda e una risposta sulle conseguenze. In cui la leggerezza dello sfascio è un virus molto più antico di quello che sta distruggendo i nostri giorni. In cui la irresponsabilità è sempre degli altri. E in cui la demolizione non cede a dubbi in una china indifferente al precipizio. Uno smarrimento della ragione.

Sembra un mondo a sé che pare lontano dal resto del mondo. Specie ora che secondo i sondaggi la maggior parte degli italiani non capisce il perché di questa crisi che può ancor più fermare tutto. Soprattutto non capisce quale possa essere ora una alternativa desiderando solo quella di un ritorno alla perduta normalità. Non capisce cosa di meglio e di diverso possa venire se non altre facce desiderando solo in questo momento la differente speranza di mettersi alle spalle il dramma che sta vivendo.

Avendo ogni voglia di riprendersi la vita ma non quella forse di una campagna elettorale mentre è stretta piuttosto fra tamponi e paure. Basta e avanza il virus che mina le esistenze per poterne sostenere anche uno della politica. Avendo magari in odio il governo che tanto la costringe e tanto la confonde. Ma avendo bisogno suo malgrado di una guida, fosse solo per barcamenarsi fra zone rosse, arancioni, gialle. Finché non finirà. Finché non finirà.

Abbiamo un Paese spaventato che nessuno dovrebbe spaventare di più. Un Paese già di per sé incattivito, frustrato, stanco quando riteneva che fosse tutto alle spalle. Un Paese che teme di dover perdere altro oltre ciò che ha già perso. Un Paese in cui non si può neanche prendere un caffè insieme dopo aver cominciato cantando l’inno nazionale sui balconi. Un Paese recluso in casa. E un Paese non più avveduto di chi lo rappresenta se purtroppo chiunque debba fare un sacrificio ritiene di subire un’ingiustizia. Dai ristoratori che non possono riaprire, agli studenti che non possono tornare in classe, ai medici che devono fare le diagnosi veloci, ai teatranti che devono recitare nel deserto, ai calciatori che devono giocare senza pubblico.

Sarebbe un momento, in questo Paese, dei costruttori che il suo presidente ha invocato. Vede invece demolire. Lo vede anche un’Europa sconcertata. Il Paese chiamato Allegrezza vive un tempo troppo sbagliato per sbagliarlo ancòra di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie