Giovedì 28 Gennaio 2021 | 07:32

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Crisi di governo, la giustizia può attendere (ancora)

Crisi di governo, la giustizia può attendere (ancora)

 
L'analisi
La grande rete rischia di essere dinamite pura per i più piccoli

La grande rete rischia di essere dinamite pura per i più piccoli

 
L'analisi
Arneo, bonificare almeno l'illegalità

Arneo, bonificare almeno l'illegalità

 
Il commento
Il ventennio sotto il segno del vescovo in dialogo

Il ventennio sotto il segno del vescovo in dialogo

 
L'analisi
La difficoltà di fare squadra dopo un anno di governo

La difficoltà di fare squadra dopo un anno di governo

 
La riflessione
Il rinascimento di Bari e la spinta della chiesa

Il rinascimento di Bari e la spinta della chiesa

 
Il commento
Articolo quinto: chi ha i soldi ha vinto

Articolo quinto: chi ha i soldi ha vinto

 
Editoriale
La (sub) cultura dell’affiliazione che impedisce lo sviluppo

La (sub) cultura dell’affiliazione che impedisce lo sviluppo

 
Il punto
Sempre più «social» sempre meno alfabetizzati

Sempre più «social» sempre meno alfabetizzati

 
La riflessione
Nel Paese dei rinvii si salva solo Sanremo

Nel Paese dei rinvii si salva solo Sanremo

 
L'analisi
Da Capitol Hill a Roma la democrazia al crepuscolo

Da Capitol Hill a Roma la democrazia al crepuscolo

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Il commento

È il momento di una fiscalità unica europea

Le regole di redazione dei bilanci vanno riviste alla luce della nuova realtà economico/finanziaria globale. Quest’ultima sempre più liquida

Agenzia delle entrate

Di questi tempi non ci si aspettava dal Governo la panacea per tutti i mali del Fisco italiano, ormai vecchio e malandato. Ma quantomeno era da augurarsi l’emanazione di provvedimenti nel senso della redistribuzione dei flussi, dell’equità e soprattutto della linearità. Ma di lineare c’è stato ben poco. È emerso, ancora una volta, quanto tutto sia così dannatamente difficile. All’attualità, ottenere sgravi e/o crediti di imposta senza incorrere in errori, recuperi e sanzioni è quasi impossibile.

Il primo capitolo riguarda la infernale quanto caotica frammentazione delle scadenze. Differenziazioni in base a “zone”, categorie e con proroghe dell’ultimo minuto che hanno mandato in tilt una nazione. Il secondo capitolo, intitolato la “tarantella degli aiuti di Stato”, ci ha quasi appassionato. Dopo un andirivieni di posizioni e interpretazioni anche istituzionali, non è ancora chiaro se il limite quantitativo legiferato debba riferirsi alla “singola impresa” o al “gruppo di imprese”.

Questo rocambolesco anno fiscale è proseguito con il nodo stralcio Irap. Misura apprezzabile e ad ampio respiro. Ma che, per come formulata, si è prestata ad un uso distorto.

Ne hanno beneficiato a dismisura coloro che hanno avuto un exploit economico nel 2019, hanno versato per quell’anno acconti su base storica (inferiori) e quindi hanno potuto ottenere uno stralcio del saldo ben più consistente rispetto a chi, paradossalmente, aveva già subito una contrazione dei fatturati negli anni precedenti.

Poi c’è stata la sospensione, oltre agli atti della riscossione, anche delle notifiche degli avvisi di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Contrariamente a quanto si possa pensare, sospendere gli atti impositivi non ha un effetto salvifico nei confronti dei contribuenti. L’appuntamento con il fisco è soltanto rinviato al vicinissimo 2021. E per chi sostiene che la sospensione degli accertamenti sia una misura a tutela dei cittadini in difficoltà, rispondiamo che per quello c’è già lo strumento ordinario della sospensione dell’esecuzione degli atti.

A completamento delle iper-distonie fiscali della nostra nazione c’è il teatrino degli orrori delle trattazioni delle udienze tributarie: dapprima le indicazioni erano nel senso dei rinvii a nuovo ruolo per le pubbliche udienze; poi ci si è orientati alla trattazione scritta; poi, ancora, a quella “da remoto”. In futuro chissà! Il settore della giustizia tributaria in Italia è bistrattato, ma gestisce una mole considerevole dei contenziosi e muove interessi monetari mastodontici.

La verità è che queste anomalìe giuridiche trovano terreno fertile nel nostro sistema sgangherato e rattoppato con interventi continui, peggiorativi e per di più scritti malamente. Pertanto, quale occasione migliore per addivenire ad un’armonizzazione della fiscalità europea.

Meglio ancora una “fiscalità unica europea”. L’idea stenta ancora a consolidarsi perché richiede impegni strutturali di ordine legislativo e ancor più attuativo. Attenzione, con fiscalità comune non intendiamo gettito unico europeo. In questo senso è giusto che sia conservato un federalismo nazionale anche perché sarebbe impossibile resettare tutto ad un ipotetico anno “0”. Con fiscalità europea intendiamo regole comuni, legislazione uniforme, controlli ed interpretazioni univoche.

Ciò è stato soltanto in parte perseguito in ambito Iva, imposta di matrice comunitaria che, per una giusta logica condivisa, viaggia “per cassa”. Cioè l’imposta colpisce la ricchezza corrente e rappresenta veramente il relativo presupposto nel consumo. Ma questo criterio in ambito di imposizione diretta è ancora distante anni luce dal realizzarsi. Ed in un sistema europeo (ma anche mondiale) in cui ormai imperversa la regola del “cash is king”, è inaccettabile che il sistema italiano sia ancorato a vetuste, distorsive regole della competenza, della classificazione dei costi, della distribuzione delle spese pluriennali legate alle spesso fantasiose, bizzarre ed inquietanti interpretazioni dei contribuenti, del fisco e dei giudici investiti.

Va radicalmente cambiato l’attuale sistema nonché le regole della deducibilità e della tassazione, soprattutto per le imprese, evitando ghirigori riconciliativi tra dichiarazione fiscale e bilancio, doppi binari, derivazioni rafforzate, elenchi infiniti di variazioni in aumento e diminuzione, limiti di Rol, differenze di base imponibile tra Ires ed Irap, acrobazie normative -del circo fiscale- per tassare dividendi, plusvalenze, sopravvenienze e via discorrendo.

Anche le regole di redazione dei bilanci vanno riviste alla luce della nuova realtà economico/finanziaria globale. Quest’ultima sempre più liquida. Oggi, è inutile negarlo, la vera situazione di un’azienda la può fotografare soltanto la finanza disponibile e quella realizzabile a breve.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie