Lunedì 25 Gennaio 2021 | 15:20

NEWS DALLA SEZIONE

Editoriale
La (sub) cultura dell’affiliazione che impedisce lo sviluppo

La (sub) cultura dell’affiliazione che impedisce lo sviluppo

 
Il punto
Sempre più «social» sempre meno alfabetizzati

Sempre più «social» sempre meno alfabetizzati

 
La riflessione
Nel Paese dei rinvii si salva solo Sanremo

Nel Paese dei rinvii si salva solo Sanremo

 
L'analisi
Da Capitol Hill a Roma la democrazia al crepuscolo

Da Capitol Hill a Roma la democrazia al crepuscolo

 
L'indomabile
Addio a Cecilia Mangini visionaria del Sud con ostinata passione

Addio a Cecilia Mangini visionaria del Sud con ostinata passione

 
La riflessione
L’Europa toglie il Recovery se l’Italia lo dà al Nord

L’Europa toglie il Recovery se l’Italia lo dà al Nord

 
L'analisi
L’insostenibile leggerezza nei confronti dei problemi

L’insostenibile leggerezza nei confronti dei problemi

 
Il commento
Le sfide di Joe, l’amico americano

Le sfide di Joe, l’amico americano

 
Editoriale
Il premier e la necessità di allargare la coalizione

Il premier e la necessità di allargare la coalizione

 
L'ANALISI
Si fa presto a bloccare i parlamentari pendolari

Si fa presto a bloccare i parlamentari pendolari

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl dramma
Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

 
TarantoIl caso
Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

 
Barinel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
LecceL'iniziativa
«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

 
PotenzaNel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

IL PUNTO

Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

Il Movimento fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, da ormai settimane, è alle prese con una contesa interna per stabilire se dovrà o meno entrare nella giunta pugliese

Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

La definitiva collocazione del M5S in un alveo governista ed europeista passa dalla Puglia. Il Movimento fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, da ormai settimane, è alle prese con una contesa interna per stabilire se dovrà o meno entrare nella giunta pugliese guidata da Michele Emiliano, leader del centrosinistra, confermato con un consenso plebiscitario.

Il capo politico pentastellato, Vito Crimi, ha annunciato - ormai quasi due settimane fa - ai suoi che la querelle starebbe stata risolta con un voto chiarificatore sulla piattaforma Rousseau, ma il quesito non è stato mai definito e la consultazione non è mai stata fissata, lasciando così in sospeso l’offerta emilianista che avrebbe configurato in Puglia non solo la riproduzione della maggioranza giallo-rossa con innesti civici, ma sarebbe stata anche la prima esperienza di governo regionale per i portavoce 5S.

Apparentemente si vota per dare il via libera a Rosa Barone (la consigliera prescelta) affinché assuma l’incarico di assessore al Welfare, ma in realtà la partita è tutta politica e ha risvolti nazionali: in ballo c’è l’affermazione dell’anima più attenta alle prerogative di governo (l’asse Crimi-Di Maio), rispetto all’ala che chiede un ritorno alle origini barricadiere (il tandem Di Battista-Lezzi, con il contributo della pugliese Laricchia). Il “Sì” ad un possibile accordo con i dem in Puglia renderebbe ancora più stabile la collocazione del M5S nell’alveo dell’alleanza di centrosinistra, individuando una prospettiva di organica inclusione nel campo progressista. A questa ipotesi si oppongono gli esponenti più movimentisti, desiderosi di tornare ad avere le mani libere nei territori e sui dossier su cui le distanze dal Pd sono più rilevanti.

In queste settimane gli esponenti pugliesi, interrogati su una possibile data per il voto digitale su Rousseau, non hanno mai saputo dare indicazioni definite e qualcuno ha anche ipotizzato che - dopo tante consultazioni telematiche - ci sia una ritrosia a convocare una nuova conta sul web. In più, come riferisce La Repubblica, alcuni ministri non si fidano più del gestore della piattaforma Rousseau, il figlio del fondatore Davide Casaleggio, “apertamente contro di noi”, scrive un ministro 5S in una chat. Che ci siano anche gli attriti Crimi-Casaleggio tra i motivi della mancata soluzione del caso Puglia? Nessuno può escluderlo.

Una votazione lacerante sull’intesa con Emiliano, però, potrebbe avere effetti imprevedibili a Roma come a Bari: un matrimonio barese con il Pd potrebbe diventare il motivo di uno strappo parlamentare da parte dei malpancisti presenti a Montecitorio, ma soprattutto a Palazzo Madama, dove i numeri del governo Conte sono più esigui. E nel tacco d’Italia l’ingresso della Barone nella giunta creerebbe seri imbarazzi alla Laricchia, che a differenza degli altri componenti del gruppo grillino in Via Gentile, è decisa a rimanere all’opposizione. Per superare eventuali cortocircuiti o strappi, il senatore grillino Dell’Olio fa presente anche che «il capo politico potrebbe decidere sulla Puglia senza votazione web». E così si aprirebbe un’altro fronte con i difensori della democrazia diretta e digitale nel Movimento.

L’evoluzione del M5S dai «Vaffaday» ai palazzi istituzionali è stata finora cadenzata da numerose correzioni di rotta. Per entrare nel governo Emiliano si può prevedere che ci vorrà una robusta strambata. E non è escluso che qualcuno, dalla barca, possa cadere e finire in mare…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie