Martedì 24 Novembre 2020 | 02:45

NEWS DALLA SEZIONE

IL PUNTO
Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

 
Il commento
Dal boom economico al dopo pandemia

Dal boom economico al dopo pandemia

 
L'ANALISI
Oggi e domani alla ricerca della fede perduta

Oggi e domani alla ricerca della fede perduta

 
La riflessione
Tutti noi e la Gazzetta: una relazione speciale

Tutti noi e la Gazzetta: una relazione speciale

 
L'editoriale
Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

 
L'analisi
Liberare l’Europa dai veti incrociati

Liberare l’Europa dai veti incrociati

 
L'editoriale
Se Natale diventa l’unico vaccino già disponibile

Se Natale diventa l’unico vaccino già disponibile

 
Il caso
Bari, lezione sessista all'Università: il Rettore «Chiedo scusa a tutte le donne»

Bari, lezione sessista all'Università: il Rettore «Chiedo scusa a tutte le donne»

 
Il commento
Centomila terroni tornati sono il Sud che vincerà

Centomila terroni tornati sono il Sud che vincerà

 
L'editoriale
Il nuovo inizio della «Gazzetta», la nuova sfida di un'impresa

Il nuovo inizio della «Gazzetta», la nuova sfida di un'impresa

 
L'editoriale
Le grandi manovre sognando il Quirinale

Le grandi manovre sognando il Quirinale

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

L'editoriale

Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

Di Berlusconi e Salvini, invece, si intuiva sùbito che nessuno dei due avrebbe mai invitato a cena l’altro (l’alleato), pur non avendo, i due, mai rotto politicamente

Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

Diciamo la verità. Silvio Berlusconi e Matteo Salvini non si sono mai presi. Sul piano umano, innanzitutto. E quando due capitani non si prendono sul piano umano è difficile che si prendano su quello politico. Anche perché il Cavaliere è un leader particolare, che attribuisce grande importanza a fattori extrapolitici, come l’amicizia istintiva, la simpatia reciproca e la compatibilità caratteriale. E sotto questi aspetti Berlusconi e Salvini sono, come si può immaginare, agli antipodi.
Completamente diverso era il rapporto di Berlusconi con Umberto Bossi. È vero che il Senatùr non raggiunse mai i numeri elettorali di Salvini e che, di conseguenza, non poteva non riconoscere al Cavaliere il rango di leader della coalizione. Ma è altrettanto vero che Bossi diede molto filo da torcere al sire di Arcore. Gli sabotò il suo primo governo (1994), lo coprì di insulti che manco allo stadio durante un derby. Eppure, malgrado tutto, si percepiva che Berlusconi e Bossi si piacessero sempre (anche durante i litigi) e che, più prima che poi, fossero destinati a riabbracciarsi (in era preCovid, si capisce) e a riempirsi di continue reciproche attestazioni di stima e affetto.

Di Berlusconi e Salvini, invece, si intuiva sùbito che nessuno dei due avrebbe mai invitato a cena l’altro (l’alleato), pur non avendo, i due, mai rotto politicamente. Ma, si sa, i caratteri sono fondamentali per la riuscita di ogni matrimonio, sia di volere sia di potere.
Intendiamoci, i rapporti di forza tra i capi di Forza Italia e Lega oggi sono ribaltati rispetto ai tempi di Bossi. La Lega ha percentuali assai più rotonde. Salvini lo sa e, di conseguenza, lo fa pesare. Il che, ovviamente, non rende felice SB.

Inoltre, sempre nel centrodestra. la lotta per la leadership non è più una questione dinastica e monarchica, semmai plurale. Oggi il campo moderato appare più affollato dopo la scalata di Giorgia Meloni a montagne elettorali più alte. Ma Berlusconi non è tipo da arrendersi supinamente. In cuor suo deve rimuginare sul detto cucciano “Le quote azionarie si pesano, non si contano”, sognando di riadattarlo alla competizione nel centrodestra. Ma a differenza di quanto capitava al banchiere Enrico Cuccia (1907-2000), i cui disegni finanziari raramente incontravano ostacoli insormontabili, per Berlusconi non è così semplice, tanto è vero che in alcune partite decisive (ultimo: lo scontro con Bollorè per il controllo di Mediaset) il Cavaliere trova sponde più a sinistra che a destra.

E però. Che si dovesse arrivare a una sorta di resa dei conti tra Berlusconi e Salvini, era scritto nelle stelle, nelle eurostelle. Lo era indipendentemente dalle ragioni testé abbozzate, a iniziare dalla distanza caratteriale e dal distanziamento relazionale. Gli è che lo spartiacque più ostico da superare consiste nell’album di famiglia di ieri e oggi di Berlusconi e Salvini.
Anche se Berlusconi non ha mai provato un trasporto rimarchevole nei confronti di Angela Merkel, Forza Italia fa parte del Partito Popolare Europeo e lì intende restare a tempo indeterminato. L’appartenenza a una o a un’altra famiglia politica europea non è un orpello insignificante o un distintivo inutile. È la chiave di volta di tutte le scelte strategiche. Sull’Europa si abbattono più fulmini che sul Monte Bianco, si fa l’impossibile per depotenziarla e svuotarla, ma il processo unitario non si ferma, con buona pace delle varie Brexit o dei nazionalisti dell’Est (Visegrad). Infatti. Nonostante tutto, il ruolo delle grandi aggregazioni politiche continentali è cresciuto assai negli ultimi decenni. Stare ai margini dei grandi gruppi parlamentari di Strasburgo è come partecipare alla finale di Champions League restando fino all’ultimo in panchina.

Traduzione. Indipendentemente dalla vicenda Mediaset, dal passaggio di alcuni deputati da un partito a un altro all’interno del centrodestra, i distinguo, le differenze, pure su temi assai caldi, tra Berlusconi e Salvini rivengono dall’Europa e attengono alla linea complessiva portata avanti dai rispettivi europartiti, multinazionali, a Bruxelles e a Strasburgo. E siccome le difformità politico-socio-programmatiche tra popolari e sovranisti, in Europa, non sono di poco momento, eccoti che anche sul piano nazionale i contraccolpi non siano facili ad assorbirsi. tanto è vero che Giancarlo Giorgetti, numero due di Salvini e colomba del Carroccio, è impegnato da tempo nella strategia dell’attenzione nei confronti del Ppe a trazione tedesca. Sa, Giorgetti, che la lite continua con la Merkel può risultare assai deleteria, fatale, per le fortune e le prospettive leghiste. Specie ora che alla Casa Bianca sta per insediarsi un signore che, per temperamento e intenzioni è l’antitesi di Donald Trump, punto di riferimento di Salvini in questi anni. Meglio, molto meglio, per Giorgetti, ragionare, discutere, prendere persino in considerazione l’ipotesi che, a lungo termine, la Lega di Salvini possa approdare al fiume politico (Ppe) in cui naviga la Cancelliera.

Ma non è solo la collocazione competitiva in Europa ad allargare il fossato tra Berlusconi e Salvini. C’entra molto la prospettiva a breve termine dell’intero sistema politico italiano. La logica maggioritaria (due massimo tre schieramenti in pista) appare in via d’estinzione. È risorto, anzi è già tornato il principio proporzionalistico (ognuno bada per sè, alleanze solo dopo il voto). Ovvio che, rebus sic stantibus, la conflittualità tra formazioni politiche che pescano nel medesimo elettorato, pur non nascondendo obiettivi diversi, sia destinata a esplodere con più fragore del passato.

Morale. Se sull’approdo alla legge elettorale proporzionale non dovessero manifestarsi ostacoli, non solo lo scontro tra Berlusconi e Salvini salirebbe ancora di tono, ma i due potrebbero ritrovarsi su sponde opposte, così come è accaduto a inizio legislatura, col governo presieduto da Conte e vicepresieduto da Di Maio e Salvini.
Insomma. Perlomeno a livello centrale tutto fa arguire che difficilmente Berlusconi e Salvini riprenderanno a marciare insieme. A meno che, a un tratto, i due scoprissero di apprezzarsi a vicenda, sulla falsariga di quando le redini del Carroccio erano nelle mani di Umberto Bossi, Questione di feeling, canterebbe Riccardo Cocciante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie