Martedì 27 Ottobre 2020 | 08:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 
Il commento
Si vince o si perde tutti insieme

Si vince o si perde tutti insieme

 
L'editoriale
La tentazione del premier e il tandem pugliese

La tentazione del premier e il tandem pugliese

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL’operazione
Bari, blitz dei Ros smantella organizzazione mafiosa: 48 misure cautelari

Bari, smantellata organizzazione mafiosa in blitz Ros: 48 misure cautelari

 
FoggiaIl contagio
Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

 
LecceLa manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
Taranto2 novembre
Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

 
PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

L'analisi

L’ambiente e l’in-gratitudine che circonda la tecnologia

Non è detto che la ricchezza prodotta si fondi sempre sul consumo delle risorse naturali

aziende green

Sosteneva Indira Gandhi (1917-1984), per lunghi anni al vertice dell’India, che la povertà è il primo nemico dell’ambiente. Indira Gandhi parlava con cognizione di causa. Sanità e qualità della vita, nella sua India affamata e sottosviluppata, erano concetti astratti o, tutt’al più, illusorie aspirazioni. Per fortuna, il progresso tecnologico ha dato una mano straordinaria a quello che Bill Gates definisce il «Sud globale» e la situazione indiana è migliorata assai rispetto alla stagione della donna premier finita assassinata dalle sue due guardie del corpo.

Progresso e tecnologia costituiscono i principali alleati dell’ambiente, ma, nonostante l’evidenza dei fatti, sono in molti a pensarla diversamente. Tanto da addebitare a progresso e sviluppo la responsabilità, se non la colpa, delle questioni ambientali.

A Brindisi alcune associazioni ambientalistiche si oppongono da mesi al progetto della “Edison spa” di realizzare a Costa Morena un deposito costiero di Gnl. Ora sembra che le riserve sull’iniziativa si siano placate, e però sono sorte perplessità sul sito del gas naturale. Staremo a vedere.
Purtroppo, anche sugli interventi tecnologici, da cui ci sarebbe solo da guadagnare in materia di sicurezza e risparmio energetici, il nonsipuotismo meridionale è sempre all’offensiva.

C’è sempre un motivo per opporsi: una specie da proteggere, una soluzione migliore da proporre... Per la soddisfazione di comitati e sodalizi locali custodi e amanti dello status quo.
Ok. Tutti, meritoriamente, vogliono preservare l’ambiente. Ma l’ambiente si preserva meglio non facendo nulla o favorendo tecnologie moderne e fonti energetiche pulite, come il Gnl a Brindisi? L’ambiente si preserva meglio lasciando i rifiuti alla mercé delle ecomafie o realizzando i termovalorizzatori? Attenzione. Un conto è l’ambientalismo, un conto è l’annientalismo, ossia la tendenza ad annientare - in nome di un mitico passato che sul piano ambientale idilliaco non è mai stato - qualsiasi opportunità venga offerta dalla modernità.

L’emergenza Covid ha già posto l’umanità e in particolare l’Europa di fronte a scelte epocali. Esiste davvero la possibilità di trasformare una caduta inattesa in salto improvviso, che richiama il classico balzo della rana. A patto però che alla modernità non venga sbattuta la porta in faccia. Infatti, si deve soprattutto alle ultime tecnologie la conquista forse più agognata dagli esseri umani: il disaccoppiamento tra ricchezza prodotta e consumo di risorse naturali.
Oggi lo scenario è cambiato. Oggi non è detto che la ricchezza prodotta si fondi sempre sul consumo delle risorse naturali. Grazie a tecnologie ultrasofisticate, non soltanto l’inquinamento tende a ridursi, ma tende a scemare lo stesso utilizzo di energie, vecchie e nuove.

Esaminiamo i rivolgimenti, o gli sconvolgimenti, prodotti e accelerati dall’emergenza Covid. Il più palese, ma anche il più incisivo per tutti, si chiama lavoro a distanza. Cosa ha dimostrato questa autentica rivoluzione che ha ribaltato le precedenti consolidate tipologie lavorative ed esistenziali? Ha dimostrato che il binomio connessione-informazione sta surclassando, nella filiera e nella gerarchia produttive, il binomio energia-distribuzione. Oggi la connessione (alimentata dall’informazione e viceversa) è più preziosa di qualsiasi miniera di petrolio, e anche di qualsiasi altro pacchetto di energie alternative. Oggi la fibra ottica vale più di qualsiasi altra risorsa naturale o infrastrutturale. Per dirla con una felice espressione utilizzata da Chicco Testa, già presidente dell’Enel, fino a ieri abbiamo cercato di potenziare i nostri muscoli, oggi possiamo sviluppare a fondo la nostra intelligenza.

Non sappiamo quando finirà l’incubo del Coronavirus, né sappiamo se sarà un vaccino a porre fine a questo periodo di angoscia, apprensione e depressione (in tutti i sensi). Sappiamo solo che progresso scientifico e avanzamento tecnologico cooperano per aiutarci a uscire al più presto e con maggiori speranze di recupero dall’inferno della pandemia.
L’economia nazionale ha già patito danni incalcolabili dal crollo della produzione. Dovremmo fare attenzione a non aggiungere altri scompensi. Anche perché le altre nazioni non stanno a guardare in un mercato irreversibilmente interconnesso.
Non vogliamo qui sostenere che chi si oppone a un impianto energetico abbia sempre torto. Ma non è neanche possibile o accettabile che abbia sempre ragione. Eppure non esiste progetto tecnologico, in Italia, che non sia contestato a prescindere, anche quando il paesaggio non viene nemmeno sfiorato e le presunte ferite ambientali sono del tutto immaginarie.
Ecco. L’emergenza Covid dovrebbe aiutarci a smascherare molti luoghi comuni; a vincere la diffidenza che nutriamo nei confronti di ogni novità; ad accettare la sfida della modernità senza riottosità e pregiudizi.
Purtroppo, la gratitudine alla tecnologia non è affatto scontata, nonostante gli immensi servigi finora resi da quest’ultima all’uomo. L’ingratitudine verso la tecnologia (unico vero eldorado ecologico) sarebbe, sul serio, più grave di un peccato mortale. Eppure, non è detto che l’uomo esca migliore da questo girone dantesco cui l’ha ri-confinato il virus sbarcato dalla Cina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie