Giovedì 29 Ottobre 2020 | 09:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Il rischio di indebitarsi pre-rovinando i nipoti

Il rischio di indebitarsi pre-rovinando i nipoti

 
L'ANALISI
La resistenza civile per battere il virus

La resistenza civile per battere il virus

 
L'editoriale
Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

 
Il caso
Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

 
Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiCapitaneria
Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

 
MateraNel Materano
Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

 
Barinel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
LecceContagi in città
Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

i più letti

Il ricordo

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Difficile e facile, ad un tempo, riassumere la grande vicenda umana di Rossana Rossanda

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Difficile e facile, ad un tempo, riassumere la grande vicenda umana di Rossana Rossanda. Difficile perché una personalità raffinata e poliedrica come lei non può essere banalizzata per flash, in poche righe. Facile, perché tutta la sua vita è stata contrassegnata da una lotta di classe, studiata da una signora di classe, mai venuta meno alla ragione sociale del suo ideale di sempre. Una Signora in Rosso mai doma, e allo stesso tempo mai dogmatica, semmai non aliena alla sfida dell’eresia.

Occorre trovare il tono obiettivo. Anche se chi scrive non può mettere del tutto da parte la sua passione politica. E bisogna soprattutto riuscire a interessare, magari a coinvolgere quelle che, da una parte o dall’altra non hanno partecipato.Però non si può negare che la storia del PCI è stata quella di un partito veramente grande: nei progetti, nel coinvolgimento, nell’avere nemici altrettanto fermi.
In quella storia si è verificata una scissione, nel ?, dalla quale è nato “il manifesto”, che prima un gruppo politico e poco dopo divenne un giornale quotidiano: impresa temeraria per quei tempi.
Allora anche i partiti erano capaci di avere un’anima, e un’anima l’avevano anche i giornali. Il Manifesto, fu entrambe le cose, ed ebbe un successo elettorale e perfino una vasta diffusione ma restando ai fatti che hanno toccato direttamente la sua sensibilità.

Tutta la sua anima aveva il nome Rossana Rossanda. Veniva da Pola, dove era nata il 3 aprile 1924 in una famiglia di militari della Regia Marina. La sua formazione scolastica la compì a Milano, prima al liceo Manzoni, dove ebbe per maestro il filosofo Antonio Banfi (1886-1956). Sempre a Milano, la sua formazione politica la compì invece nella lotta partigiana, e poi nel Partito comunista italiano, il PCI che rappresentava una vera calamita intellettuale per i giovani con la voglia di capire il funzionamento delle cose nel nostro paese, e che soprattutto volevano cambiarle fin dalla radice dei rapporti economici. Non tardò perciò a guadagnarsi la fiducia del segretario nazionale, Palmiro Togliatti (1893-1964), che la volle come reponsabile della cultura e come deputato.


Critica nei confronti di una costruzione dell'Europa che si realizzava con meccanismi sempre meno democratici e metteva al proprio centro invece della crescita generalizzata, il rafforzamento di alcuni privilegi.
Naturalmente il passo da tali posizioni a forme di vera e propria vicinanza con la lotta armata che imperversava in quegli anni, era breve. E proprio “il manifesto” ne parlò apertamente in due articoli della Rossana Rossanda, nel 1968. Uno di questi, s’intitolava esplicitamente “L’album di famiglia”, e vi si riconoscevano molti protagonisti del tempo. Il discorso sulla DC (marzo 1988) che fece il giornale, riprese questi argomenti anche dopo i drammatici giorni del rapimento di Aldo Moro (1916-1978).
Rossana Rossanda, aveva una qualità non frequente nei giornali: il senso della storia. Quel senso della storia che la portò ad assumere posizioni coraggiose per il suo tempo, come quella sulle Brigate Rosse, da lei ritenute componenti di quell’Album di Famiglia mentre erano in tanti utilizzare la dizione «sedicenti Br».

La Rossanda ebbe il coraggio di gettare il sasso nello stagno, di invitare la sinistra a riflettere su quanto andava emergendo nell’area insurrezionale dell’estrema sinistra. Così come ebbe il coraggio di differenziarsi non poco nel giudizio sull’Urss, per decenni, ritenuta una stella intoccabile per l’intera galassia comunista. Rossanda è stata tutto questo, un’intellettuale che non ha mai rinunciato ai suoi ideali di gioventù, sempre inseguiti con la grazia, la cultura, e lo stile di una vera signora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie