Giovedì 01 Ottobre 2020 | 21:09

NEWS DALLA SEZIONE

Cinema
Puglia superstar: la cine-regione non va mai in vacanza

Puglia superstar: la cine-regione non va mai in vacanza

 
Il punto
Per il fisco parti invertite tra onesti e disonesti

Per il fisco parti invertite tra onesti e disonesti

 
Università
Il mio sogno nel cassetto dopo un anno speciale: parla il rettore dell'Uniba

Il mio sogno nel cassetto dopo un anno speciale: parla il rettore dell'Uniba

 
L'editoriale
Il Movimento 5 Stelle al bivio del futuro

Il Movimento 5 Stelle al bivio del futuro

 
La riflessione
Giovani talenti di questa terra quanti rimpianti senza impianti

Giovani talenti di questa terra quanti rimpianti senza impianti

 
L'analisi
Troppi sussidi fanno crescere malcostume e povertà

Troppi sussidi fanno crescere malcostume e povertà

 
Il punto
Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

 
il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

L'editoriale

Soldi europei, l'Italia fa sparire la parola Sud

«Ora si deve lanciare l’allarme prima che i mille progetti senza Sud arrivino a Bruxelles. Che potrebbe rimandare tutto indietro. Ma siccome con la politica non si sa mai, è bene che i polli del Sud cantino la stessa lingua invece di beccarsi fra loro e restare in eterno polli»

Soldi europei, l'Italia fa sparire la parola Sud

Scusi, dov’è? Dov’è finita la parola 'Sud' nella valanga di progetti per prendersi i 209 miliardi di euro dall’Europa? Non basta parlare di sanità. O di infrastrutture. O di banda ultralarga senza la parola Sud. C’è il rischio del solito inganno se non si dice che quanto si proporrà serve ad accendere il secondo motore del Paese. C’è il rischio che si voglia accontentare il Sud con una assistenza mai vista per prendersi tutto il resto e lasciare le due Italie. Per lasciarne una con meno asili, meno treni, meno ospedali, meno lavoro, più emigrazione ma dandole un botto di soldi in più. Con Milano che vuole sempre tutto per sé a spese degli altri. L’Italia sta facendo il contrario di ciò che ha detto chiaramente l’Europa, che chiede per il Sud investimenti non altri redditi di cittadinanza. L’Italia sta facendo il contrario di ciò che le serve, perché cresce solo se cresce il Sud.

Cosa sta avvenendo in questi segreti giorni? Sta avvenendo che ministeri ed enti locali stiano mandando progetti su progetti, ciascuno tendente ad acchiappare quanti più soldi ai danni degli altri. E progetti senza preoccuparsi dell’interesse collettivo.  

A volte vecchi progetti resuscitati, buttiamoci ora che ci sono i fondi. E con le regioni del Nord che come al solito alzano la voce perché a ripartire per prima deve essere la parte 'produttiva'. Cura del proprio territorio e del proprio elettorato. Senti il presidente di Confindustria, Bonomi. Senti il governatore dell’Emilia, Bonaccini. Senti appunto il sindaco di Milano e ti fai un’idea. In tutto questo a pretendere la parola Sud si fa la figura dei poveretti.

E’ un assalto all’italiana come quando si fa il Milleproroghe e ciascuno riesce a infilarvi la propria festa patronale. Come Totò che si mette gli spaghetti in tasca, quando li rivedrò più? E invece l’Europa era stata chiara. Qual è il principale problema italiano? Qual è la causa di una crescita italiana sempre striminzita e ultima in Occidente? L’Italia è ultima perché a una parte del Paese non dà i servizi o i treni o le scuole perché possa essere allo stesso livello di quella privilegiata. E parte discriminata che non si svilupperebbe a danno dell’altra, ma sarebbe un vantaggio anche per l’altra. Aggiungerebbe, non toglierebbe. Non un problema ma la soluzione del problema.

Sembrava un impegno sacrosanto di tutti. L’occasione storica. Ora o mai più grazie anche al virus. Un’Europa che rinuncia all’egoismo e ti consente cose impossibili prima. Ora ci sono tutti i soldi che vuoi. E c’è quanto serve per finirla con la solita locomotiva sfiatata che dovrebbe bastare a tutti non bastando neanche a se stessa. Ora c’è quanto serve per finirla con la vergogna di una diseguaglianza da Terzo Mondo in uno fra i dieci principali Paesi del mondo. Il miglioramento della qualità della vita in regioni in cui non puoi continuare a dire a un bambino di Brindisi che deve avere tutto meno di un bambino di Parma. E non puoi continuare a dire a un cittadino del Sud che non può avere l’alta velocità ferroviaria perché è del Sud.

Giustamente la Svimez parla di 'livellamento del campo di gioco': ripartiamo alla pari, non da una spesa storica che avendo sempre storicamente privilegiato il Nord, continui a farlo mentre al Sud va il minimo per campare. Vedi, per dirne solo una, il finanziamento pro-capite del trasporto pubblico locale: Milano 795, Bari 125. E grazie che lì i bus funzionano. Vedi la spesa sanitaria pro-capite: Piemonte 1.935, Puglia 1.826, eppure col Covid ci fanno pure brutta figura. Vedi questa Milano pigliatutto che indebolisce il Paese. Dopo che l’Expo 2015 ha fatto tutt’altro che far crescere tutta l’Italia se non (quand’anche) Milano stessa. E dopo che si arraffa parte delle Olimpiadi invernali 2026 come se nelle sue strade si sciasse.

Si deve stabilire la terza sede in Europa del Tribunale dei brevetti, e chi candida l’Italia? Milano, come se in tutto il Paese non ci fossero grandi città del Sud come Napoli, Palermo, Bari (Napoli prima al Sud per startup innovative). Si deve stabilire la sede dell’Istituto per l’intelligenza artificiale, e chi candida il governo? Torino, trascurando che uno fra i maggiori centri mondiali per l’intelligenza artificiale è all’università di Calabria, Cosenza. Quando si dovette decidere sull’Autorità italiana per la sicurezza alimentare, non se ne face nulla per non darla a Foggia (mentre quella europea è a Parma, la città di Parmalat). E la sede del Cnr per i nuovi materiali è finita a Frascati bocciando la pugliese Mesagne. E l’Istituto per l’alta tecnologia a Genova.

Ora si deve lanciare l’allarme prima che i mille progetti senza Sud arrivino a Bruxelles. Che potrebbe rimandare tutto indietro. Ma siccome con la politica non si sa mai, è bene che i polli del Sud cantino la stessa lingua invece di beccarsi fra loro e restare in eterno polli. Mobilitazione serve.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie