Lunedì 21 Settembre 2020 | 01:38

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

 
L'editoriale
Dopo il voto Puglia e sud si mobilitino per la banda larga

Dopo il voto Puglia e Sud si mobilitino per la banda larga

 
L'analisi
Il gioco degli specchi della politica italiana

Il gioco degli specchi della politica italiana

 
L'editoriale
La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

 
IL PUNTO
Da marzo a settembre la fragilità permanente

Da marzo a settembre la fragilità permanente

 
IL PUNTO
Fari accesi sul tacco. Dalla Puglia dipende tutto

Fari accesi sul tacco: dalla Puglia dipende tutto

 
L'Analisi
Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

 
Il commento
Binario unico addio. Sarà la volta buona?

Binario unico addio. Sarà la volta buona?

 
L'ANALISI
Politica come idee, non come voce del padrone

Politica come idee, non come voce del padrone

 
Editoriale
Referendum, quello che le parole non dicono

Referendum, quello che le parole non dicono

 
L'Analisi
“Dress code” a scuola tra gonne e cravatte

“Dress code” a scuola tra gonne e cravatte

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso ad Adelfia
Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

 
MateraIl caso
Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 
HomeIl ritorno del contagio
Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

 
NewsweekL'iniziativa
Ferrero sceglie Grotta della poesia e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

Ferrero sceglie Roca (Melendugno) e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

 
BatLa ricorrenza
Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

 
TarantoRiciclaggio
Taranto, auto di lusso sequestrata dalla stradale

Taranto, auto di lusso sequestrata dalla Polstrada

 
PotenzaLa pena inflitta
Stupro a S. Valentino condannato 36enne di Abriola a 6 anni e 6 mesi

Abriola, stupro di S. Valentino: condannato 36enne a 6 anni e 6 mesi

 

i più letti

L'ANALISI

La livella del virus per ricchi e poveri

ll Covid-19 continua a dimostrare di essere un virus democratico, che non fa alcuna distinzione fra ricchi e poveri, tra bianchi e neri, tra uomini e donne, tra deboli e potenti

La livella del virus per ricchi e poveri

Prima i politici ed ora i vip. Il Covid-19 continua a dimostrare di essere un virus democratico, che non fa alcuna distinzione fra ricchi e poveri, tra bianchi e neri, tra uomini e donne, tra deboli e potenti. Com’è normale che sia. E che è un virus temibile, che apparentemente si accanisce con coloro che invece pensano e dicono “ma non è una cosa seria”.  

Prima i politici ed ora i vip. Il Covid-19 continua a dimostrare di essere un virus democratico, che non fa alcuna distinzione fra ricchi e poveri, tra bianchi e neri, tra uomini e donne, tra deboli e potenti. Com’è normale che sia. E che è un virus temibile, che apparentemente si accanisce con coloro che invece pensano e dicono “ma non è una cosa seria”. Ma è soltanto perché queste persone gli offrono più chances per entrare nei loro organismi. Come gli scienziati ci hanno all’infinito spiegato. Rinunciare alle cautele e alle protezioni del caso mette a rischio tutti, compresi – ovviamente – quelli che (a torto o a ragione) si sentono uno o più gradini in alto degli altri.

Ordinanze - L’elenco è ormai lunghissimo e si è irrobustito negli ultimi giorni con il nome di Flavio Briatore, che aveva dileggiato e attaccato in maniera furibonda le ordinanze del sindaco di Arzachena che avevano portato alla chiusura del suo Billionaire, icona del divertimento luxury in Costa Smeralda, contestandogli di aver confuso il virus con i decibel e di aver messo in ginocchio l’economia di quella parte della Sardegna. Lo aveva addirittura sfidato, organizzando una festa a Billionaire chiuso con tanto di balli sui tavoli. Ecco, evidentemente si sentiva inattaccabile. E aveva pensato di sottrarsi al pericolo invisibile volando nella sua residenza a Montecarlo, ma così non è stato. Stessa sorte per decine di persone dello staff.
E poi Silvio Berlusconi, il Cavaliere (che per la verità, a differenza del suo amico Briatore ha sempre mantenuto un profilo di estrema attenzione nei confronti della pandemia, intervenendo anche finanziariamente a sostegno dell’apparato sanitario), da sempre emblema politico-mondano della Costa Smeralda, che non saputo resistere al fascino indiscreto della sua Villa Certosa diventata probabilmente un focolaio del temibile Covid-19. Possibile set di un film dal titolo L’ultima maledizione di Villa Certosa.

Il coronavirus c’è, ma per noi un po’ meno.

Sembrerebbe questo il filo che unisce queste vicende e tante altre: da Boris Johnson a Jair Bolsonaro (negazionista dichiarato che ha equiparato il coronavirus ad una semplice influenza), da Yulia Tymoshenko a Donald Trump che, pur non toccato dal Covid-19, ha assunto un atteggiamento da sceriffo rifiutandosi per mesi di indossare la mascherina, salvo poi definirla patriottica quando l’epidemia è esplosa negli USA (per inciso, nei giorni scorsi il Washington Post ha riferito che almeno venticinque guardie del corpo del Presidente, per le quali non è previsto l’uso delle mascherine, sono state contagiate).
E che dire di Vittorio Sgarbi (anche lui indenne dal coronavirus)?

Fin da principio si è esibito in performance apertamente negazioniste nei vari talk show, culminate in vari happening parlamentari nei quali ha rifiutato di indossare la mascherina. Ma, si sa, Sgarbi è un provocatore per definizione e non è facile comprendere fino a che punto sia convinto di quel che dice. Vale anche per questo caso.

Invincibilità - In fondo, quel che emerge è un senso di invincibilità che spesso accompagna chi ha una posizione di potere (nelle sue varie accezioni). Ci si sente differenti e superiori alla gente comune, e questa errata percezione scatta anche in situazioni nelle quali ciò che accade sfugge al controllo dell’uomo. E allora: il virus c’è, ma non nella mia residenza (a Montecarlo o in Sardegna che sia) o nei luoghi che frequento, quasi che si fosse stipulato un patto di non belligeranza con lo stesso. Per il quale, viceversa, uno vale uno. E la voce tregua non esiste.

Sia chiaro.

Ogni espressione di compiacimento per vicende di questo genere che colpiscono personaggi pubblici è assolutamente deprecabile. Si può essere d’accordo o meno con le loro idee, possono risultare simpatici o antipatici, possono avere un orientamento politico che non si condivide, ma ogni forma di odio manifesto e, magari, di (più o meno) sottile soddisfazione per lo stato di salute di chiunque – anche quando, magari, ingenera invidie e gelosie per il suo stato sociale – va assolutamente bandito. È accaduto in questi giorni sui social network con i soliti haters.

Il virus sta rialzando la testa.

Occorre la massima responsabilità da parte di chi è un personaggio pubblico e, in quanto tale, ha un’ampia platea cui potersi rivolgere. Ambiguità sul punto o, peggio, atteggiamenti che minimizzano od escludono la pandemia, sull’onda di uno stolto e sciagurato negazionismo, possono determinare danni probabilmente neanche presi in considerazione da chi li pone in essere.

Vanificando gli sforzi di chi, a partire da medici e operatori sanitari, è impegnato a combattere il Covid-19 spesso mettendo a rischio la propria vita.

Non è il momento di atteggiamenti guasconi, di bulli mediatici, di autocompiacimenti politici, di vanagloria social. Almeno quando si parla di pandemia. E questo nell’interesse di tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie