Venerdì 25 Settembre 2020 | 01:25

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il super blindato Premier ora può alzare la posta

Il super blindato Premier ora può alzare la posta

 
IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 
Intervista
Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

 
Il commento
Ora una spinta per riformare il Belpaese

Referendum, ora una spinta per riformare il Belpaese

 
L'Analisi
Le ragioni di un sorpasso ad alta velocità

Le ragioni di un sorpasso ad alta velocità

 
L'editoriale
Pd, Emiliano sbatte la porta: i suoi fuori dalla segreteria

Lo schiaffo del vincitore al fronte sovranista

 
Il ricordo
Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

 
Lettera alla Gazzetta
Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiCoronavirus
Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

 
BariL'udienza
Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

 
HomeIl delitto
Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

 
BatAl Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
FoggiaOrdinanza
Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

 
NewsweekL'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
PotenzaL'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 

i più letti

Il commento

La bruttezza di una  movida volgare e violenta

Vivere la notte è libertà. Ma rovinare la notte altrui è un sopruso

movida

Foto d'archivio

Ubriachi, si stavano picchiando come due animali. Giovinastri che nel cuore della notte non hanno di meglio da fare. A quel punto è intervenuta una pattuglia della polizia, con l'idea di mettere pace. Viceversa, i due ubriachi si sono coalizzati e hanno cominciato a  menare gli agenti. E in loro aiuto sono intervenuti pure gli amici, i due gruppi che fino a quel momento si fronteggiavano  come i Montecchi e  i  Capuleti, si sono invece  prodotti  in una fitta sassaiola contro la pattuglia.

Feriti e scompiglio, sangue e paura, in particolare per i poliziotti, che all’improvviso si sono ritrovati accerchiati dal branco. Ecco, questo succede nell’estate 2020, stagione che dovremmo vivere in uno stato di totale ringraziamento, vista la primavera nera dalla quale siamo riemersi, o comunque nella cautela di un virus subdolo, in perenne agguato. E invece no. Mai come in questo periodo, la dolce spensieratezza delle serate estive ha lasciato il posto alla baraonda, al rumore e alla  violenza. All’assenza di regole. 

(Ah, piccola annotazione: il putiferio tra le bande di giovani e la polizia non si è consumato al Cep - acronimo novecentesco diventato, più che Coordinamento di edilizia popolare, sinonimo di periferia feroce -  bensì a Marina di Carrara, luogo che favolisticamente dovrebbe echeggiare ordine e civiltà).

E comunque, al di là delle degenerazioni di Massa Carrara, la movida fracassona e becera è la nuova dannazione urbana che rimanda a convivenze sempre difficili, all’eterno conflitto tra diritto al divertimento e diritto alla quiete. Dove comincia il tuo, dove finisce il mio? Nodo mai sciolto, tanto da ritenere perfino esagerate certe ordinanze comunali adottate sull'onda emotiva di residenti infuriati. La scala della tolleranza è paradossalmente soggettiva: c'è chi non sopporta non certo la musica a palla bensì il banale vociare sotto le proprie persiane chiuse. Coabitazioni fobiche.

Ma c'è chi obietta che l’estate del 2020 sia davvero un'esplosione disperata di vita, di energia deformata laddove il baccano e il disordine sembrano la risposta inconsapevole al silenzio e alla paura dei lunghi mesi di quarantena forzata. E d’altronde la voglia di infrangere ogni regola sarebbe figlia di quello strettissimo perimetro di regole entro le quali ci siamo dovuti muovere per mesi. Ma noi siamo cittadini, non psicoterapeuti. E alla fine, in maniera pragmatica, ci chiediamo soltanto perché il tempo ludico debba essere una condanna di caos. Né sfugga la genesi della movida, un movimento di libertà e ribellione nato in Spagna al tramonto del Franchismo, quando riprendersi le strade, gli spazi comuni, gli anfratti delle città, significava riaffermare la democrazia, poi anche l'arte e la cultura. È in questa nuova, plurale  forma di convivenza metropolitana  che nasce ad esempio la grandiosa poetica di Almodovar, perché la movida non è lafebbredelsabatosera. Non lo stordimento, bensì la coscienza. Chi dimentica Carmen Maura in una Madrid riarsa dall’afa notturna, gettarsi sotto un idrante del servizio pubblico, bagnarsi capelli, pelle, abiti, chiudere gli occhi al grido di «Che meraviglia!»? Non già, non solo, il refrigerio dalle formidabili temperature estive madrilene, viceversa metafora - come d’altronde tutto il film «La legge del desiderio» - di una nuova modalità di vita. L’iconico primato dell’acqua sul fuoco.

Vivere la notte è libertà. Rovinare la notte altrui è un sopruso (talvolta un reato). Sì, diciamolo chiaramente: a noi non piace questa movida volgare, priva di etica e di consapevolezza. È bello invece restituire importanza ai gesti e quindi comprendere che nella possibilità di vivere la notte è contenuta la cifra della nostra libertà. Ma non solo. Non trascuriamo gli affetti, l’empatia, il sentimento: stare insieme, bere un bicchiere, parlare, guardarsi negli occhi, magari fumare una sigaretta. Non è tutto questo, seppur elementare, perfino banale, un dono straordinario?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie