Martedì 02 Marzo 2021 | 06:05

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Se anche i migranti vanno via da Puglia e Basilicata

Se anche i migranti vanno via da Puglia e Basilicata

 
L'analisi
Un nuovo Mandrake per rifare conoscenza

Un nuovo Mandrake per rifare conoscenza

 
Il commento
Sindaci costretti dal Covid a fare gli sceriffi

Sindaci costretti dal Covid a fare gli sceriffi

 
L'editoriale
Risparmio poco virtuoso se non accetta il rischio

Risparmio poco virtuoso se non accetta il rischio

 
L'ANALISI
Se l’industria farmaceutica diventa strategica

Se l’industria farmaceutica diventa strategica

 
Il caso
Effetto virus italiani sempre più individualisti

Effetto virus italiani sempre più individualisti

 
La riflessione
Squadra al completo, non ci sono più alibi

Squadra al completo, non ci sono più alibi

 
L'analisi
sindaci

Da 50 sindaci «sfida» a Draghi: dateci i fondi e il Sud riparte

 
L'editoriale
Governare può logorare anche i primi della classe

Governare può logorare anche i primi della classe

 
La testimonianza
La vaccinazione degli anziani può attendere

La vaccinazione degli anziani può attendere

 
Il ricordo
Addio Franco Cassano, un orizzonte oltre le ferite della modernità

Addio Franco Cassano, un orizzonte oltre le ferite della modernità

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

L'ANALISI

Si fa presto a dirsi «frugali» mai stati (4) così superficiali

Austria, Danimarca, Olanda, Svezia si sono definiti, anzi «autodefiniti» «frugali» così, in una lettera inviata al Financial Times per rilevare la loro diversità rispetto agli altri componenti dell’Unione Europea

Si fa presto a dirsi «frugali»  mai stati (4) così superficiali

Ci sono Paesi in Europa, che si dicono “frugali”. Sono quattro rispetto ai 27 membri: Austria, Danimarca, Olanda, Svezia. Si sono definiti, anzi “autodefiniti” così, in una lettera inviata al Financial Times per rilevare la loro diversità rispetto agli altri componenti dell’Unione Europea, per arrogarsi la virtù dell’austerità, del rigore rispetto ai Paesi spendaccioni, come l’Italia, riguardo ai finanziamenti a fondo perduto previsti dal Recovery Fund, necessari a riattivare un’economia messa a dura prova dal coronavirus, e accordati dopo una lunga, estenuante trattativa.

È stato, il loro, un atteggiamento di alterigia, in contrasto con lo spirito solidale, unitario, che dovrebbe (anzi, deve) “animare” l’Europa.

C’è, poi, un aspetto da segnalare. Riguarda il lessico, l’uso dell’aggettivo “frugali” per vantarsi e distinguersi dagli altri. Ma, viene da chiedersi, conoscono i governanti di quegli Stati il significato esatto di quel termine? Forse soffermarsi su quel vocabolo può non essere inutile, perché “le parole sono tutto”, come afferma Michele Serra nell’intitolare la Prefazione dedicata al libro-intervista che Claudio Marazzini, Presidente dell’Accademia della Crusca, ha scritto con la giornalista Claudia Arletti, Elogio dell’Italiano. Amiamo e salviamo la nostra lingua (2019). Occorre, nella scelta delle parole, un esame accurato, “un vaglio anche selettivo”, perché, “le parole sono importanti … qualunque lavoro facciamo, qualunque posizione sociale occupiamo”. Esse “ci rappresentano, ci descrivono, parlano di noi anche quando le scagliamo contro gli altri, o le sprechiamo sciattamente”. “La lingua cambia (in peggio)” se adoperiamo le parole “malamente e distrattamente”. E la nostra “è viva e vivace”, avverte ancora Serra, e “dobbiamo averne cura”.

Ebbene il termine “frugale”, è l’aggettivo che nella nostra lingua significa “sobrio”, “parco”, indica la temperanza nel bere e nel mangiare: “sia frugal del ricco il pasto”, canta Alessandro Manzoni in uno degli Inni Sacri nel celebrare la Pasqua, la Risurrezione, festa nella quale i Cristiani siedono ad una mensa comune, nella quale il ricco non deve mangiare troppo perché possano mangiare tutti.

Ora, può risultare proficuo risalire all’etimologia della parola, per coglierne - come spesso accade nel rapporto che un vocabolo ha con la sua famiglia linguistica più antica – il senso autentico. Ebbene, frugale deriva dal latino frugi (frux) che, adoperato comunemente al plurale, indica i prodotti della terra, in particolare cereali e messi. Lo si ricava da numerose testimonianze, e di autori importanti: come, ad esempio, Cicerone (De divinatione 1.116: fruges terrae = le messi della terra; De natura deorum 3.86: frugum ubertas = abbondanza delle messi), Lucrezio (De rerum natura 2.1157: nitidas fruges = dolci frutti), Orazio (Epistulae 1.16.10: multa fruge = frutti in abbondanza), Virgilio (Aeneis 2.133: salsae fruges = cereali salati; 6.420: medicatis frugibus = frutti curativi). Ma frugalis viene usato anche per indicare l’uomo: come in Plauto (Trinummus 610: homo ordinis sui frugalissimus = l’uomo più frugale del suo ceto) o in Seneca (Epistulae 97.9: longe frugalior haec iuventus quam illa = questa gioventù è di gran lunga più seria di quella di allora).

Ciò non significa, però, che l’aggettivo lo si possa applicare ai Paesi. Sarebbe, a dir poco, improprio, se non addirittura sconveniente. E se ne sconsiglia l’uso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie