Sabato 15 Agosto 2020 | 01:45

NEWS DALLA SEZIONE

l'opinione
Solito Nord neanche ora vuol vedere il Sud crescere

Solito Nord, neanche ora vuol vedere il Sud crescere

 
fase 3
Dal ballo in maschera al ballo a distanza

Dal ballo in maschera al ballo a distanza

 
Il punto
Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

 
L'ANALISI
Ma gli stessi obblighi devono valere anche in Italia

Ma gli stessi obblighi devono valere anche in Italia

 
L'EDITORIALE
Il modello elettorale come capro espiatorio

Il modello elettorale come capro espiatorio

 
Il punto
Perché quei ragazzi senza mascherine

Perché quei ragazzi senza mascherine

 
L'EDITORIALE
Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

 
L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 
Il commento
L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

Il commento

Salute e lavoro. Avanti Taranto

Il Governo con il Ministro Patuanelli e l’accorta regia del Presidente Conte è impegnato in una serratissima trattativa con lo staff tecnico di Arcelor Mittal per giungere o ad una piena intesa

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

Il Governo con il Ministro Patuanelli e l’accorta regia del Presidente Conte è impegnato in una serratissima trattativa con lo staff tecnico di Arcelor Mittal per giungere o ad una piena intesa con essa - ma solo sulla base delle linee guida dell’accordo del 4 marzo fra AmInvestco e i Commissari sul futuro dell’Ilva (...)

Il Governo con il Ministro Patuanelli e l’accorta regia del Presidente Conte è impegnato in una serratissima trattativa con lo staff tecnico di Arcelor Mittal per giungere o ad una piena intesa con essa - ma solo sulla base delle linee guida dell’accordo del 4 marzo fra AmInvestco e i Commissari sul futuro dell’Ilva e del suo impianto di Taranto - o ad una svolta (auspicata anche dallo scrivente) che veda lo Stato riprendere possesso del Gruppo per rilanciarne la produzione in logiche di piena ecosostenibilità.

I punti su cui si discute sono com’è noto: ingresso di capitale pubblico atramite (pare) Invitalia in AmInvestco Italy; percentuale e finalità di tale presenza (se solo finanziaria e/o anche gestionale) nella compagine di quella che diventerebbe una joint-venture pubblico-privata; deleghe operative ai rappresentanti degli azionisti; piano industriale con fissazione a 8 milioni di tonnellate della capacità massima del sito con l’avvio (graduale) della sua decarbonizzazione, grazie all’utilizzo anche di fondi comunitari; rifacimento dell’AFO5; introduzione di un forno elettrico alimentato con preridotto di ferro; costruzione di un impianto per produrlo con l’ingresso nella società che lo realizzerebbe di altri capitali privati; definizione nella fase di transizione e a regime degli assetti occupazionali a Taranto e là dove il Gruppo è presente con altri grandi siti (Genova e Novi Ligure); avanzamento e completamento dell’AIA.

Alcune domande: ma come potrebbe essere Invitalia ad entrare nella società in joint-venture con Arcelor Mittal, avendo un capitale sociale di (soli) 836,3 milioni ? Per l’operazione allora questa società non avrebbe bisogno o di essere ricapitalizzata, o di un fondo di dotazione conferitole ad hoc dal Governo ? Inoltre, con l’ingresso di capitale pubblico con una percentuale che (si dice) potrebbe raggiungere il 49%, chi sarebbe l’amministratore delegato della società? Presumibilmente un top manager designato dall’azionista di maggioranza, ma approvato anche dall’azionariato pubblico. Ma quest’ultimo che ruolo avrebbe con i suoi rappresentanti? Di stretta sorveglianza sulla piena e celere attuazione del piano industriale ? E nei patti parasociali si stabilirebbero clausole di unanimità per l’esercizio dell’intero Gruppo ? E poi, come si posizionerebbe il Siderurgico ionico nella scacchiera degli altri siti di Arcelor in Europa e, soprattutto, nei confronti di quelli concorrenti di Dunkerque e di Fos sur mer? Non esiste il rischio concreto che una pur concordata capacità di 8 milioni di tonnellate di acciaio liquido garantita a Taranto non venga poi mai impiegata al massimo, per non creare concorrenza ai due impianti francesi di AM ?

E i possibili e paventati (dai Sindacati) esuberi con l’introduzione del forno elettrico e una riduzione delle cokerie come verrebbero gestiti e ricollocati ? E il completamento dell’AIA non potrebbe essere accelerato, anticipandolo dall’agosto del 2023 al 31 dicembre 2021, lavorando per ultimarla h24 per sette giorni la settimana, e coprendo anche i parchi minerali ‘secondari’ Nord coke e Omo ? E quali nuovi rapporti si stabilirebbero con le aziende dell’indotto che, al momento, vantano crediti commerciali fatturati, scaduti, ma non liquidati e che pertanto sono ormai diffidenti verso un azionista come Arcelor considerato inaffidabile ? Ed infine, quali rapporti stabilirebbe la società partecipata da capitale pubblico con il territorio, le sue Istituzioni, il mondo della ricerca e della cultura presenti nel capoluogo e nel suo hinterland ?

Ora, in questo scenario nazionale e per alcuni aspetti anche europeo che si presenta di estrema complessità, ha creato forti preoccupazioni a livello governativo che a Taranto l’Amministrazione Comunale, invece di assecondare lo sforzo dell’Esecutivo, abbia deciso di muovere guerra al gruppo francoindiano, chiedendo però non solo la rottura di ogni trattativa con esso, ma anche la dismissione sic et simpliciter dello stabilimento, con la contestuale sottoscrizione di un Accordo di programma che nelle intenzioni del Sindaco dovrebbe impegnare Palazzo Chigi a creare non meno di 15.000 posti di lavoro per tentare di alleviare la paurosa voragine occupazionale che si creerebbe non solo in città ma nell’intera Puglia con la chiusura del Siderurgico.

Non è allora una posizione oltranzista quella sostenuta dal primo cittadino del capoluogo ionico che rischia di apparire così contrapposta ad ogni tentativo del Governo di concludere positivamente - salvando occupazione e capacità produttiva del sito - una vicenda che dal 26 luglio del 2012 si trascina da otto lunghi anni. ? Ci si è forse convertiti repentinamente ai dogmi dell’estremismo ambientalista ?
Ma così facendo non rischia il primo cittadino del capoluogo ionico di restare e apparire solo - o con pochissimi seguaci - contro tutti: ? Governo, Sindacati, azienda, gestione commissariale, Autorità di sistema portuale, Confindustria, Confapi, Banche, ed anche, a questo punto, contro la Regione, il cui Presidente Emiliano, in vista della difficile campagna elettorale del prossimo settembre, ha voluto giustamente ricordare la sua posizione che è quella di puntare non alla chiusura, ma alla decarbonizzazione dell’acciaieria: un obiettivo su cui - con la gradualità tecnicamente necessaria - sta lavorando anche il Governo con il supporto di Invitalia.

Ma poi si è proprio sicuri a Palazzo di città che la stragrande maggioranza della popolazione voglia la chiusura del Siderurgico ? Si è proprio sicuri che dopo gli effetti economici nefasti del lockdown da covid 19 la stragrande maggioranza dei cittadini voglia andare incontro ad un’altra catastrofe, questa volta ‘epocale’, causabile dalla dismissione dell’intero impianto ? Catastrofe i cui effetti devastanti renderebbero quelle oggi sofferte sul territorio per la pandemia conseguenze di modesta entità.

Ed inoltre non induce a qualche riflessione autocritica la posizione occupata dal Sindaco nella graduatoria dei 105 sindaci dei capoluoghi italiani per l’indice di gradimento dei cittadini amministrati, pubblicata dal Sole 24 Ore lunedi 6 luglio ? In base a quella graduatoria - che ha visto al 1° posto il Sindaco di Bari Decaro - Melucci si è collocato in centesima, ovvero in quint’ultima posizione, avendo perso secondo quel sondaggio ben 8,7 punti percentuali rispetto al consenso goduto all’atto della sua elezione.

Allora, dando all’Amministrazione comunale un consiglio (non richiesto), le suggeriamo di cambiare posizione sull’Ilva mantenendola però ferma nel tempo, assecondando così il lavoro del Governo e, soprattutto, non chiedendo più dismissioni al buio dell’intera acciaieria. E si seguano i saggi orientamenti espressi da lungo tempo dall’Arcivescovo di Taranto Monsignor Santoro - il cui preoccupato silenzio sulle ultime affermazioni del Sindaco - richiama ancora una volta l’opinione pubblica locale alla necessità di coniugare (sempre) con tutti gli interventi possibili, urgenti e necessari la difesa della salute e dell’ambiente con la tutela del lavoro di migliaia di operai, tecnici, quadri e dirigenti - cui sono da aggiungere quelli delle aziende dell’indotto - di una fabbrica che resta, nonostante tutto, per numero di occupati diretti il più grande impianto manifatturiero d’Italia. Lo ripetiamo, amici di Taranto, il più grande impianto manifatturiero d’Italia, classificato da tempo come ‘stabilimento di interesse strategico nazionale’.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie