Sabato 12 Giugno 2021 | 17:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

 
L'analisi
Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

 
La riflessione
I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

 
La riflessione
Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

 
L'analisi
La giustizia nel nome del popolo indignato

La giustizia nel nome del popolo indignato

 
Il punto
Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

 
la riflessione
Una città svenduta agli appetiti di pochi

Una città svenduta agli appetiti di pochi

 
in basilicata
C'era una vola il Parco della Grancia

C'era una vola il Parco della Grancia

 
L'analisi
Matera ci riprova con i ministri del G20

Matera ci riprova con i ministri del G20

 
La riflessione
«Bella ciao» canto popolare non un inno obbligatorio

«Bella ciao» canto popolare non un inno obbligatorio

 
Il punto
Il volto nuovo di Matteo meno lotta e più governo

Il volto nuovo di Matteo meno lotta e più governo

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl confronto
Sud, Letta a Taranto: «Pnrr dia risposte a disuguaglianze»

Sud, Letta a Taranto: «Pnrr dia risposte a disuguaglianze»

 
BariL'intervento
Bari, 11enne operato d'urgenza all’Istituto Tumori: asportata una cisti di 15 cm che comprimeva il polmone

Bari, 11enne operato d'urgenza all’Istituto Tumori: asportata una cisti di 15 cm che comprimeva il polmone

 
LecceTurismo
Lecce, da lunedì chiese aperte tutto il giorno

Lecce, da lunedì chiese aperte tutto il giorno

 
FoggiaLotta al virus
Coldiretti, domani al via vaccini a braccianti stranieri: si parte nell'hub di Foggia

Coldiretti, domani al via vaccini a braccianti stranieri: si parte nell'hub di Foggia

 
PotenzaIl caso
Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 

i più letti

La riflessione

Come prima, più di prima l’Italia (non) si amerà

La libertà ritrovata è una festa da cui non si sfugge

Come prima, più di prima l’italia (non) si amerà

È come la pausa di riflessione nella coppia. Quando si torna insieme, se si torna, o si sta attenti o è la fine. I circa 70 giorni di lockdown sono così: quando se ne esce, e se ne sta uscendo, o si sta attenti o è la fine. La «fase 3» è come un matrimonio in crisi, con un «liberi tutti» sulla fiducia, ultima chance che è vietato sprecare. Allora se il coniuge redento dovrebbe appendere sul letto un cartello «Non fare più l’idiota», nelle città italiane assieme alle raccomandazione di esperti e pseudotali, dovrebbe apparire la gigantografia: «Occhio agli idioti».

La libertà ritrovata è una festa da cui non si sfugge.

La fotografia dell’Italia senza confini interni e con pochi esterni, è di una gioia irrefrenabile e arriva dallo stretto di Messina e le sue code agli imbarchi. Certo la Puglia per esempio ha mostrato il volto più serio del rigore, così chi rientra deve autosegnalarsi e conservare per trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e dei contatti avvenuti; mentre in Sardegna c’è l’obbligo di registrazione. Dettagli in confronto a quanto s’è visto già nelle scorse settimane nelle città, sulle spiagge, nelle auto, tra fidanzati vecchi, nuovi e per l’occasione, congiunti, finti congiunti, amici, amiche, comitive.

E’ una festa in realtà in atto da tempo, ufficializzata dal governo che ha dato lo starter alla mezzanotte e un minuto di mercoledì, ma che presenta un velo di preoccupazione angosciante, dovuto alla esistenza di una particolare categoria: gli imbecilli.

Beninteso, in Italia gli imbecilli ci sono sempre stati ben mimetizzati in molte tipologie del genere umano e difficile da combattere. Il problema è questo. Molti, troppi erano sulla linea di partenza da settimane, con le pinne e il telo da spiaggia e lo Spritz aspirazione di massima felicità.

Qualcuno rispose, quando gli fu prospettato un programma per eliminare gli imbecilli: «E’ un piano troppo ambizioso». Adesso ce ne rendiamo conto, aveva ragione. E agli italiani, per accorgersene, c’è voluto il coronavirus, col suo carico di morti, dolore e sofferenza, la cui curva sta in effetti scendendo, ma il cui futuro è impossibile predire.

Poi ci sono le curiosità che ci rendono pittoreschi: al valico di Ventimiglia, i cugini francesi bloccano i frontalieri italiani a causa di meticolosi controlli sull’autocertificazione. Ma se a passare il confine dall’altra parte è un cugino d’oltralpe va tutto liscio. A Milano, capitale della regione più martoriata dal Covid, la stazione centrale è tornata quasi ai livelli pre pandemia. A Roma si blocca il gran raccordo e così imparano i cultori del «nulla tornerà come prima». Tutto sta tornando come prima e anche peggio, se possibile, con il rischio (lo diremo fino allo sfinimento, anche a rischio di passare per iettatori, ndr) di ritrovarci tra un po’ a svolgere inconsapevolmente il ruolo di sviluppatori di un possibile riflusso del virus.

C’è sì De Luca, il neo vip social, nonché governatore della Campania, che si sgola: «Mascherine? Dobbiamo combattere chi non la indossa e chi la porta appesa al collo. Questo è imbecille doppio», ma è una voce quasi isolata, scambiata per «sceneggiata» da chi preferisce così. In ogni caso le restrizioni arcinote restano. Ma è l’immagine del virus sconfitto che non va per niente bene se messa a fianco dell’esasperata voglia di fare, di muoversi, di correre, di mangiare, nuotare e, perché no, far l’amore.

Il mondo della scienza ha poco di che scontrarsi al suo interno e dividersi tra chi canta vittoria e chi lancia sentenze da menagramo. È vero che il Covid appare indebolito, stremato, quasi vinto e terrorizzato dall’incoscenza italica. Ma durerà questa apparente resa? Aggiungendo due-tre piccoli particolari: al momento non ci sono farmaci efficaci, non c’è un vaccino e le terapie intensive sono al lumicino.

Ecco, in questa situazione di totale incertezza l’ago della bilancia ce l’hanno in mano gli imbecilli. «L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade, ancora truffe al forestiero... c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina; ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida», disse Johann Wolfgang von Goethe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie