Venerdì 10 Aprile 2020 | 01:56

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Università e ricerca sono in buono stato

Università e ricerca sono in buono stato

 
L'analisi
L’Italia furbona che lucra su meriti e virtù del Belpaese

L’Italia furbona che lucra su meriti e virtù del Belpaese

 
Il punto
Mascherina mon amour. Una scelta chirurgica

Mascherina mon amour: una scelta chirurgica

 
emergenza coronavirus
La distanza dalle lezioni delle lezioni a distanza

La distanza dalle lezioni delle lezioni a distanza

 
La ri-costruzione che serve per far ripartire l’economia

La ri-costruzione che serve per far ripartire l’economia

 
L'analisi
L’unica cosa certa tutti promossi

Covid 19 e scuola, l'unica cosa certa: tutti promossi

 
Il punto
Non creiamo uno stato di soli dipendenti pubblici

Non creiamo uno stato di soli dipendenti pubblici

 
L'EDITORIALE
Coronavirus e Internet

Virus e internet, un tandem che può investire la libertà

 
l'analisi
La tv, da cattiva maestra a fedele compagna

La tv, da cattiva maestra a fedele compagna

 
Il punto
Elemosine agli studi professionali ma la ricetta Draghi dice altro

Elemosine agli studi professionali ma la ricetta Draghi dice altro

 
L'analisi
Non bisogna spegnere il «lumicino» della ragione

Non bisogna spegnere il «lumicino» della ragione

 

Il Biancorosso

L’iniziativa
«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sinergia
Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

 
FoggiaStorie di ordinario coraggio
Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

 
TarantoSanità
Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

 
PotenzaLa lettera
Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

 
Leccenel salento
Coronavirus, Porto Cesareo: nessuna ordinanza di chiusura a Pasqua e Pasquetta, sindaco invita alla serrata

Coronavirus, Porto Cesareo: nessuna ordinanza di chiusura a Pasqua e Pasquetta, sindaco invita alla serrata

 
MateraImmagini del «belpaese»
Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

 
BrindisiSi teme un focolaio in carcere
Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

 
Batsport
Barletta, «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

Barletta, parla campionessa di scacchi: «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

 

i più letti

L'analisi

La modernità del papa che prega in latino

Il Pater Noster di Francesco ha raggiunto ogni angolo del mondo. Meraviglia della globalizzazione, di ieri e di oggi

Papa Francesco ad arcivescovopregate per operaio morto

Milioni di cristiani, in ogni angolo del mondo, ieri a mezzogiorno hanno recitato con papa Francesco il Padre Nostro, la preghiera che Gesù stesso ha insegnato ai suoi discepoli. Qualche osservatore disincantato (ce ne sono sempre di nuovi e più agguerriti) ci spiegherà, non senza evocare scenari da medioevo prossimo venturo, che questo è l’effetto della globalizzazione. È il miracolo della moderna comunicazione che consente quello che sino a pochi anni fa era semplicemente impensabile. Almeno quanto lo è la pandemia di coronavirus che sta mettendo in ginocchio l’Italia, l’Europa e il resto del mondo.

Ma che si inventa il Papa dei poveri? Propone a tutti i cristiani «di ogni Chiesa e Comunità, di ogni età, lingua e nazione», di compiere il gesto più povero: pregare. E di farlo insieme, perché il «noi» conta più del nostro «io». Perché così siamo un popolo in preghiera che supera ogni divisione e che si ritrova unito a chiedere «misericordia per l’umanità duramente provata». E non dimentica nessuno dei destinatari dell’intercessione: «Preghiamo per i malati e le loro famiglie; per gli operatori sanitari e quanti li aiutano; per le autorità, le forze dell’ordine e i volontari, per i ministri delle nostre comunità».

Ecco, Francesco ha messo in scena, con l’aiuto di tutto il mondo cristiano, la più antica delle pratiche di intercessione, cioè del porsi e dello stare in mezzo, come ci ricorda la radice latina: inter (in mezzo) – cedere (andare, passare). Dunque, il Papa ha posto l’azione di tutti i cristiani dentro la storia, cioè dentro il nostro qui ed ora. Dentro la pandemia e dentro il suo macigno di dolore e di morte. Non tutti i cristiani hanno o avranno questa consapevolezza, ma con la loro preghiera hanno partecipato sino in fondo al tormento dell’umanità e alle sue angosce. Ed è quello che conta per le donne e gli uomini di fede: la fraternità, la condivisione, la solidarietà, la tenerezza. Perché nessuno si senta solo e abbandonato. In una terapia intensiva, in un letto di dolore, in una famiglia angosciata e colpita dal lutto, in una corsia d’ospedale.

Pregare, dunque, per essere più umani. Sempre più umani, anche quando gli algoritmi governano la nostra vita, quando viviamo nell’attesa spasmodica dei bollettini della pandemia, quando speriamo che qualcuno in tv annunci che il picco della pandemia è stato raggiunto e qualcun altro ci dica che sì, un vaccino è stato scoperto.

Con le sue parole che sono altrettanti scalini fra Cielo e Terra, il Padre Nostro non solo denuncia la nostra povertà, ma rassicura l’umanità intera sullo sguardo benevolo del Dio del Nuovo Testamento, il Dio che ama e non si erge come giudice che punisce e manda il male per castigare l’umanità peccatrice.

Un’ultima annotazione: il Papa ha recitato il Padre Nostro, anzi il Pater Noster, in latino, l’antica lingua della globalizzazione del cristianesimo. E lo ha fatto a favore di telecamere, raggiungendo con tutti i mezzi della moderna comunicazione, compresi quelli digitali, ogni angolo del mondo. Il latino dei cristiani è stato così ascoltato da milioni di persone. Forse anche da tanti increduli o non credenti. Meraviglia della globalizzazione, di ieri e di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie