Sabato 28 Marzo 2020 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

 
L'analisi
Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

 
Coronavirus
Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

 
L'analisi
La modernità del papa che prega in latino

La modernità del papa che prega in latino

 
l'editoriale
Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

 
L'analisi
Disobbedienza civile degli inutili idioti

Disobbedienza civile degli inutili idioti

 
l'editoriale
Un atto di giustizia, un fattore di serenità

Un atto di giustizia, un fattore di serenità

 
L'analisi
La rivincita del fato sul fatto tecnologico

La rivincita del fato sul fatto tecnologico

 
Il punto
L'informazione dei giornali non ha prezzo, sostenetela

L'informazione dei giornali non ha prezzo, sostenetela

 
Il punto
Quel tele-pallone sgonfiato dal virus

Quel tele-pallone sgonfiato dal virus

 
Il commento
Coraggio e chiarezza contro spinte centrifughe

Coraggio e chiarezza contro spinte centrifughe

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

 
Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

l'editoriale

Un atto di giustizia, un fattore di serenità

Il commento dopo la notizia del dissequestro dei beni a Mario Ciancio Sanfilippo, compresa La Gazzetta del Mezzogiorno

giornali stampa editoria

La Corte d’Appello di Catania ha restituito a Mario Ciancio Sanfilippo i beni sequestrati nel settembre 2018. Tra i beni sequestrati all’imprenditore catanese vi era pure il pacchetto di maggioranza de La Gazzetta del Mezzogiorno. Ciancio Sanfilippo era accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. I giudici sono stati chiari: «Non è risultata accertata e provata alcuna sproporzione tra i redditi di provenienza legittima di cui Ciancio e la sua famiglia potevano disporre e la liquidità utilizzate nel corso del tempo», né «può ritenersi provata l’esistenza di alcun attivo e consapevole contributo da lui arrecato in favore di Cosa Nostra catanese».
Chi scrive non può che esprimere grande soddisfazione e sincero compiacimento dopo la sentenza dei giudici di Catania.

Innanzitutto, perché restituisce serenità a Mario Ciancio Sanfilippo e alla sua famiglia. Editore della Gazzetta da dicembre 1997, Mario Ciancio Sanfilippo non ha mai interferito sul lavoro dei giornalisti, rispettandone sempre autonomia e libertà professionale. Mai un intervento, neppure per un comunicato. Mai una pressione, mai un’invasione di campo. Gli va inoltre dato il merito di non essersi mai sottratto a esigenze di ricapitalizzazione del giornale tutte le volte che le circostanze lo hanno richiesto. Il che non è un corollario da niente.
Ma questo giornale non può che esprimere compiacimento per la sentenza catanese anche per altre ragioni. Pur non essendo toccato, nelle indagini della procura di Catania, dalle accuse di mafia rivolta al suo editore, la sentenza di ieri ridà in pieno l’onore a chi per più di 20 anni è stato l’editore della Gazzetta. Secondo, la decisione della Corte d’Appello potrebbe aiutare a sbloccare lo stallo azionario in cui, da 18 mesi, si trova la Gazzetta, sottoposta ad amministrazione giudiziaria e tuttora alle prese il piano di concordato da ripresentare.
La redazione e i dipendenti dell’azienda hanno affrontato pesanti sacrifìci negli ultimi anni per consentire il risanamento economico della testata simbolo di Puglia e Basilicata. Ora ci auguriamo che questa sentenza, questo atto di giustizia, restituisca più serenità a tutti. Speriamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie