Martedì 14 Luglio 2020 | 02:46

NEWS DALLA SEZIONE

Analisi
Salute e lavoro. Avanti Taranto

Salute e lavoro. Avanti Taranto

 
l'Analisi
Situazione d’eccezione e repubblica parlamentare

Situazione d’eccezione e Repubblica parlamentare

 
Il ricordo
Vernola, la politica per il bene comune

Vernola, la politica per il bene comune

 
L'Editoriale
Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

 
Analisi
Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

 
Analisi
Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

 
Analisi
Il fascino della politica strega pure i virologi

Il fascino della politica strega pure i virologi

 
Il commento
Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

 
L'Analisi
Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

 
Analisi
Se il coronavirus smaschera i big

Se il coronavirus smaschera i big

 
Editoriale
Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariil decreto
Petruzzelli Bari, ministro Franceschini ratifica nomina sovrintendente Biscardi

Petruzzelli Bari, ministro Franceschini ratifica nomina sovrintendente Biscardi

 
TarantoProroga cig
Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

 
Lecceil rogo
Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

 
PotenzaTragedia sfiorata
Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

 
Bat5 anni fa la tragedia
BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 

i più letti

l'editoriale

Un atto di giustizia, un fattore di serenità

Il commento dopo la notizia del dissequestro dei beni a Mario Ciancio Sanfilippo, compresa La Gazzetta del Mezzogiorno

giornali stampa editoria

La Corte d’Appello di Catania ha restituito a Mario Ciancio Sanfilippo i beni sequestrati nel settembre 2018. Tra i beni sequestrati all’imprenditore catanese vi era pure il pacchetto di maggioranza de La Gazzetta del Mezzogiorno. Ciancio Sanfilippo era accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. I giudici sono stati chiari: «Non è risultata accertata e provata alcuna sproporzione tra i redditi di provenienza legittima di cui Ciancio e la sua famiglia potevano disporre e la liquidità utilizzate nel corso del tempo», né «può ritenersi provata l’esistenza di alcun attivo e consapevole contributo da lui arrecato in favore di Cosa Nostra catanese».
Chi scrive non può che esprimere grande soddisfazione e sincero compiacimento dopo la sentenza dei giudici di Catania.

Innanzitutto, perché restituisce serenità a Mario Ciancio Sanfilippo e alla sua famiglia. Editore della Gazzetta da dicembre 1997, Mario Ciancio Sanfilippo non ha mai interferito sul lavoro dei giornalisti, rispettandone sempre autonomia e libertà professionale. Mai un intervento, neppure per un comunicato. Mai una pressione, mai un’invasione di campo. Gli va inoltre dato il merito di non essersi mai sottratto a esigenze di ricapitalizzazione del giornale tutte le volte che le circostanze lo hanno richiesto. Il che non è un corollario da niente.
Ma questo giornale non può che esprimere compiacimento per la sentenza catanese anche per altre ragioni. Pur non essendo toccato, nelle indagini della procura di Catania, dalle accuse di mafia rivolta al suo editore, la sentenza di ieri ridà in pieno l’onore a chi per più di 20 anni è stato l’editore della Gazzetta. Secondo, la decisione della Corte d’Appello potrebbe aiutare a sbloccare lo stallo azionario in cui, da 18 mesi, si trova la Gazzetta, sottoposta ad amministrazione giudiziaria e tuttora alle prese il piano di concordato da ripresentare.
La redazione e i dipendenti dell’azienda hanno affrontato pesanti sacrifìci negli ultimi anni per consentire il risanamento economico della testata simbolo di Puglia e Basilicata. Ora ci auguriamo che questa sentenza, questo atto di giustizia, restituisca più serenità a tutti. Speriamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie