Mercoledì 01 Aprile 2020 | 20:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
L’autocontrollo (niente sprechi) chiesto all’italia

L’autocontrollo (niente sprechi) chiesto all’italia

 
l'analisi
Compleanno turbolento per il premier Conte: spegne 55 candeline con la crisi di governo

Ma l’Europa senza solidarietà non sopravvive

 
l'editoriale
L'impresa di rimettere in salute le imprese

L'impresa di rimettere in salute le imprese

 
Il punto
L’euro-intesa si troverà ma l’italia deve cambiare

L’euro-intesa si troverà ma l’Italia deve cambiare

 
L'analisi
È ancora poco per sventare il pericolo «bomba sociale»

È ancora poco per sventare il pericolo «bomba sociale»

 
l'editoriale
Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

 
Il commento
Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

 
Il commento
Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

 
L'analisi
Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

 
Coronavirus
Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

 
L'analisi
La modernità del papa che prega in latino

La modernità del papa che prega in latino

 

Il Biancorosso

l'annuncio
Comune Bari stanzia 3,6mln per manutenzione stadio San Nicola

Comune Bari stanzia 3,6mln per manutenzione stadio San Nicola

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza coronavirus
Bari, alla Mater Dei mascherine «Andrà tutto bene» alle partorienti

Bari, alla Mater Dei mascherine «Andrà tutto bene» alle partorienti

 
Materasolidarietà
Matera, 5mila mascherine donate all'ospedale Madonna delle Grazie

Matera, 5mila mascherine donate all'ospedale Madonna delle Grazie

 
Tarantola segnalazione
Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

 
Foggiaraid
Foggia: bomba contro centro anziani, danni. Secondo attentato in tre mesi

Foggia: bomba contro Rsa. Secondo attentato in tre mesi
La gente dai balconi: «Basta mafia»

 
Batuniversità
Come cambia lo stile di vita al tempo del Covid-19? La risposta in una tesi di Laurea di un barlettano

Come cambia lo stile di vita al tempo del Covid-19? La risposta in una tesi di Laurea di un barlettano

 
Brindisia mesagne
Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

 
Leccel'operazione
Lecce, cc arrestano in flagrante giovane con marijuana e 395 euro in contanti

Lecce, cc arrestano in flagrante giovane con marijuana e 395 euro in contanti

 

i più letti

il punto

Se l'esecutivo continua a navigare sottocosta

Occorre guardare con estrema attenzione al consenso, al pericolo che scelte nette e virate radicali possono avvantaggiare l’avversario e compromettere i già gracili riscontri popolari che le forze di governo raccolgono secondo i sondaggi

Se l'esecutivo continua a navigare sottocosta

A unire la vicenda dei decreti sicurezza e quella della riforma delle intercettazioni è la salvaguardia dei diritti umani, declinati in forme e ambiti diversi. La fibrillazione in corso nelle forze di maggioranza tradisce la difficoltà e l’imbarazzo di misurarsi con temi di grande spessore e complessità e di assumere scelte che segnino una discontinuità con il passato, impedendo al contempo fratture dalle conseguenze imprevedibili all’interno di una compagine governativa a dir poco disomogenea.

La riforma delle intercettazioni è targata Orlando. Risale dunque al governo Gentiloni, politicamente un’eternità. Una normativa già adeguatamente rodata, quindi? Assolutamente no, perché vanta il record di proroghe. Varata con il d. lgs. 29 dicembre 2017, n. 2016, non è mai entrata in vigore a seguito di una serie di rinvii giustificati da risibili esigenze di completamento delle misure organizzative e di adeguamento delle apparecchiature tecniche, ma in realtà dovuti alla mancanza di audacia dell’esecutivo ed alle divergenze di opinioni nella maggioranza giallo-verde. Poche ore prima della fine dell’anno, poi, si è materializzato un decreto-legge targato Bonafede contenente “modifiche urgenti” (!) alla disciplina delle intercettazioni, che riscrive la normativa rimasta nel limbo e che deve essere convertito in legge entro il prossimo 29 febbraio. Ecco allora accesa la miccia, poiché la conversione è tutt’altro che scontata, in questi giorni di ebollizione costante del quadro politico. È di ieri la notizia che Italia Viva non intende votare un emendamento presentato da Leu concernente la possibilità di utilizzare i risultati delle intercettazioni effettuate per indagini su altri reati: i renziani hanno infatti ammonito che «chi forza spacca la maggioranza». Ma probabilmente il tutto è destinato a rientrare.

E sì, perché quel che emerge in questa vicenda è un paradigmatico esempio di non esercizio del potere legislativo, una non condivisione di scelte operate da altre maggioranze non seguita tempestivamente – come ci si aspetterebbe e come dovrebbe – da nuove norme che esprimano le posizioni sul punto delle nuove maggioranze.
Lo stesso accade in materia di immigrazione, e dei controversi decreti sicurezza. Bandiera di Matteo Salvini e della Lega, subiti obtorto collo dai Cinquestelle, avrebbero dovuto essere un’icona del cambio di passo del nuovo governo (rivitalizzati anche del movimento delle Sardine, che hanno indicato quale priorità della loro azione proprio l’abrogazione di tali provvedimenti). E invece no. Perché quando si tratta di passare dagli slogan alla loro attuazione, dai proclami ai fatti, tutto diventa difficile, per non dire impossibile. Occorre mediare. Ma non solo.

Occorre guardare con estrema attenzione al consenso, al pericolo che scelte nette e virate radicali possono avvantaggiare l’avversario e compromettere i già gracili riscontri popolari che le forze di governo raccolgono secondo i sondaggi. Lo stesso ministro degli Interni Luciana Lamorgese ha indicato come prioritario l’obiettivo di evitare che la modifica dei decreti sicurezza si trasformi in materia di scontro politico, che diventi la scintilla di un incendio non governabile. Da qui la scelta di attenersi al “minimo sindacale”, cioè a dire al contenuto delle osservazioni a suo tempo formulate dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E questo nonostante le riserve e i malumori di molti esponenti della maggioranza, consapevoli di come questa sia in fondo una vittoria del Capitano e di come in tal modo si avallano visioni assai distanti da quelle che caratterizzano la tradizione progressista. Un altro ordigno, secondo taluni, sotto il tavolo del governo.

Certo si tratta di equilibri difficili, poiché – come detto – si tratta di tematiche che chiamano in causa i diritti fondamentali di ognuno (dalla riservatezza al diritto alla vita, che di tutti gli altri diritti è ovviamente la premessa), e tuttavia proprio queste considerazioni dovrebbero condurre ad un’assunzione di responsabilità, a scelte risolute e coerenti. Occorre metterci la faccia, insomma. A prevalere, invece, è la necessità e l’urgenza di puntellare un governo claudicante, in cui forze politiche distanti anni luce tra loro faticano a trovare un punto d’incontro. Se a ciò si aggiunge l’azione di disturbo della scheggia politicamente impazzita Renzi, il quadro risulta chiaro nella sua inafferrabilità.

Realpolitik? Per certi versi sì, se consideriamo il termine nella sua accezione comune di approccio talvolta cinico e opportunistico all’azione politica, di priorità degli interessi a scapito di una visione, di un’idea, di un progetto. Senza però l’autorevolezza di grandi personaggi della storia per i quali l’espressione è stata coniata. In fondo, è soltanto politica di piccolo cabotaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie