Lunedì 21 Settembre 2020 | 13:53

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

 
L'editoriale
Dopo il voto Puglia e sud si mobilitino per la banda larga

Dopo il voto Puglia e Sud si mobilitino per la banda larga

 
L'analisi
Il gioco degli specchi della politica italiana

Il gioco degli specchi della politica italiana

 
L'editoriale
La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

 
IL PUNTO
Da marzo a settembre la fragilità permanente

Da marzo a settembre la fragilità permanente

 
IL PUNTO
Fari accesi sul tacco. Dalla Puglia dipende tutto

Fari accesi sul tacco: dalla Puglia dipende tutto

 
L'Analisi
Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

 
Il commento
Binario unico addio. Sarà la volta buona?

Binario unico addio. Sarà la volta buona?

 
L'ANALISI
Politica come idee, non come voce del padrone

Politica come idee, non come voce del padrone

 
Editoriale
Referendum, quello che le parole non dicono

Referendum, quello che le parole non dicono

 
L'Analisi
“Dress code” a scuola tra gonne e cravatte

“Dress code” a scuola tra gonne e cravatte

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barila curiosità
Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, operai bloccano SS 100 davanti alla fabbrica

Mittal Taranto, rimosso blocco operai sulla SS 100: giovedì sit-in a Roma

 
Potenzai dati regionali
Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

 
FoggiaIl colpo
Foggia, titolare bar ferito durante rapina: condizioni stabili

Foggia, titolare bar ferito durante rapina: condizioni stabili

 
LecceAsfalto insidioso
Schianto e poi scoppia rogo a Porto Cesareo: in coma un 27enne

Porto Cesareo, l'auto si schianta contro albero e prende fuoco: in coma un 27enne

 
MateraIl caso
Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

i più letti

Il commento

Maggio leccese con Dior e la sua regina salentina

Un miracolo all’ombra del barocco: i défilé della celebre maison sono stati ospitati in location esotiche come Marrakech o glamour come Los Angeles

Maggio leccese con Dior e la sua regina salentina

LECCE - «Lecce città d’arte se ne frega di chi arriva e di chi parte». L’adagio sempre in voga per descrivere il carattere dei leccesi, un po’ chiuso nella propria autarchia, un po’ snob fino a rasentare il menefreghismo, non deve valere il prossimo 9 maggio, quando la città diventerà per un giorno la capitale mondiale della moda. Lecce e il Salento non se lo possono permettere, a meno che non si pensi di poter continuare a vivere sugli allori dei recenti successi turistici. Trionfi che iniziano a mostrare il fiato corto e ai quali un’occasione unica darà nuovo respiro a livello internazionale. Dior ha scelto piazza Duomo, gioiello dal fascino capace di giustificare l’«autosufficienza» dei leccesi, per presentare la collezione primavera-estate 2020. Un miracolo all’ombra del barocco: i défilé della celebre maison sono stati ospitati in location esotiche come Marrakech o glamour come Los Angeles. 

Un miracolo perché l’appuntamento che rilancerà Lecce, il Salento e la Puglia nel mondo è, per una volta, a costo zero. Niente fondi statali, regionali, provinciali o comunali per promuoverlo. Allora, com’è possibile che un gruppo che nel 2018 ha fatturato la bellezza di 46 miliardi di euro, controllato dalla più grande multinazionale del lusso del pianeta, la francese Lvmh (proprietaria pure dei marchi Louis Vuitton, Moët & Chandon, Fendi, Céline, Givenchy, Bulgari e via discorrendo), abbia deciso di piazzare la passerella proprio a Lecce?

Questione di radici. La scelta è stata di Maria Grazia Chiuri, stilista, direttrice creativa di Dior, prima donna alla guida della maison francese e prima italiana dopo Gianfranco Ferré. Un ruolo che le è valso, prima donna anche in questo caso, la Legion d’Onore, massima onorificenza della Repubblica francese. Ma la scalata prodigiosa delle vette dell’haute couture internazionale è partita da una passione fiorita nel laboratorio sartoriale della madre, che per seguire il marito militare lasciò Tricase per trasferirsi a Roma, dove Maria Grazia Chiuri è nata 55 anni fa. Si divide tra la capitale italiana, dove vive la sua famiglia, Parigi, Londra e ovunque la porti la sua professione. Il legame col Salento, col Capo di Leuca, non si è mai interrotto. Ci tornava tutte le estati da bambina, oggi sta ristrutturando un’antica abitazione nella piazza di Caprarica del Capo, rione di Tricase. Un amore per la terra d’origine che la vita da donna in carriera non ha scalfito. Chi la conosce, del resto, la descrive come affabile e dolce. Tutto il contrario, per restare in tema, della cinica direttrice di Vogue interpretata da un’impareggiabile Meryl Streep ne «Il diavolo veste Prada».

Maria Grazia Chiuri aveva negli occhi la suggestione magica di piazza Duomo e l’ha voluta per presentare la sua nuova collezione. I buoni uffici del sindaco Carlo Salvemini hanno facilitato la scelta di Dior. Un evento simile muove una macchina organizzativa poderosa, richiama testimonial, addetti ai lavori e i principali operatori da tutto il mondo. Le ricadute economiche ci saranno a breve termine, ma bisognerà avere la capacità di sfruttare la vetrina internazionale soprattutto in chiave futura. Perché tutto non si risolva in una toccata e fuga.

Lecce dovrà farsi trovare pronta e il sindaco è già al lavoro, in accordo con la Curia e la Prefettura. Ma, in questi casi, ognuno è chiamato a fare la propria parte nell’accoglienza. La città d’arte che se ne infischia di chi arriva e di chi parte, per qualche giorno, cambi registro.

L’occasione è irripetibile e nessuno, stavolta, può permettersi il lusso di lasciarsela scappare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie