Mercoledì 12 Agosto 2020 | 17:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Perché quei ragazzi senza mascherine

Perché quei ragazzi senza mascherine

 
L'EDITORIALE
Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

 
L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 
Il commento
L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

 
L'ANALISI
L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

 
Il lutto
Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

 
L'ANALISI
La fame di sapere alimentò il miracolo economico

La fame di sapere alimentò il miracolo economico

 
Analisi
Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

 
Editoriale
Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl furtto
Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

 
TarantoI dati del 2020
Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

 
BariLA GAZZETTA NEI BAR
La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

il punto

Dalle piazze virtuali alle piazze delle persone

Aggregare gente per contestare qualcosa o qualcuno è sempre più facile che mettere insieme persone per realizzare un progetto e, fino a oggi, questo è accaduto

Dalle piazze virtuali alle piazze delle persone

Le «sardine» si sono date appuntamento per oggi a Roma. Dopo una serie di incontri in varie piazze d’Italia – a partire da quello già storico di Bologna – il movimento ha dato prova di sé in molte città, con alterne fortune. Perché se è vero che al centro-nord la partecipazione è stata imponente, al centro-sud le cose sono andate diversamente, con i flop di Taranto e Foggia in prima linea. E anche a Bari i presunti tremila partecipanti non sono un numero strabiliante.
La manifestazione di Roma diventa allora una sorta di esame generale per capire lo stato di salute e, soprattutto, la forza del nascente movimento.

Aggregare gente per contestare qualcosa o qualcuno è sempre più facile che mettere insieme persone per realizzare un progetto e, fino a oggi, questo è accaduto. Dalle «sardine» non sono ancora arrivati messaggi chiari, un’incertezza che alimenta facili dietrologie: sono spinti da Prodi&Co; no, dietro hanno la lobby gay; macché, è lo spirito del ’68 che ritorna. Al di là delle ipotesi più o meno fantasiose circa le origini e gli obiettivi del movimento, c’è un dato certo e alla portata di tutti: quando sembrava che ogni confronto dovesse ormai svolgersi solo sul web, le «sardine» hanno riportato al centro dell’azione una materialità ritenuta in via di estinzione. Dalle piazze virtuali dei social la politica è tornata nelle piazze fisiche.
Certo, per il solo fatto di essere soprattutto giovani, le «sardine» utilizzano molto, anzi moltissimo la comunicazione digitale. Il passaparola per le manifestazioni transita soprattutto attraverso i blog e i social, ma per vedersi e stare insieme in luoghi fisici precisi come le piazze, proprio lì dove in un tempo digitalmente lontano si svolgevano i comizi dei partiti e, soprattutto, dei leader più carismatici. La partecipazione più o meno accentuata diventava una sorta di sondaggio sull’esito elettorale, sebbene un uomo cresciuto a pane e politica come Pietro Nenni ammoniva: «Piazze piene, urne vuote», evidenziando come molti consensi non si guadagnassero alla luce del sole, ma raccogliendo voti all’ombra delle sacrestie o con un meticoloso porta a porta. Dunque il web torna a essere mero strumento di comunicazione e non di manipolazione.

Il web a servizio di chi vuol fare politica e non la macchina che produce e autoriproduce consensi, come avviene nella strategia leghista e pentastellata.
Ora il recupero delle piazze fisiche è certamente cosa buona. Innanzitutto perché è un’operazione più vera e trasparente rispetto al ritrovarsi sulle piazze del web. Stare fisicamente in un certo posto e in un dato momento implica una volontà e dunque una scelta, ovvero un indispensabile ancorché minimo bagaglio etico. Mettere un like a una dichiarazione di Tizio o di Caio, è un fatto di routine. La volontà è messa in ombra dal pregiudizio rispetto al giudizio. Non solo, ma fuori dal web diventa più facile abbandonare i toni dell’odio, uno dei pochi obiettivi espliciti delle «sardine»: «Costruire una società senza odio, una società di pace? Una comunità dove ci si rispetta reciprocamente in quanto umani? È possibile un nuovo umanesimo?», è uno dei loro post ricorrenti. Allora ben venga il ritorno delle persone in carne e ossa che si ritrovano in una piazza per cercare di dare un messaggio visibile e comprensibile per tutti, anche per chi è lontano o escluso dal mondo digitale. Del resto il primo appuntamento in Piazza Maggiore a Bologna proprio così era nato: mostrare che oltre alle folle inneggianti a Salvini c’erano folle – anche più numerose – che inneggiavano a un diverso modo di fare politica.

Il problema ora è proprio quello posto da Nenni nel 1948: in che rapporto sono le piazze con le urne? È questo il dilemma che ha messo in agitazione i partiti: capire se e in che modo è possibile tirare le «sardine» dalla propria parte e se possano trasformarsi in qualche cosa di più strutturato e che riesca a capitalizzare consensi, in danno delle formazioni già presenti nell’agone politico o pescando nel popoloso partito dell’astensione. È opinione diffusa fra gli esperti di politica che le «sardine» costituiscano una ghiotta occasione per ridare linfa alle formazioni di sinistra, Pd in primo luogo. Anche perché con la crisi dei 5Stelle, dove stanno emergendo con chiarezza le due anime che all’inizio sembrava potessero convivere, si va verso una polarizzazione più marcata dello schieramento politico: un centrosinistra frammentato e ancora un po’ stordito contro un centrodestra sempre più appariscente e dominato non dalla Lega in quanto partito ma da Salvini in quanto leader.
Nell’attesa di capire e sapere di più, per ora accontentiamoci del tentativo di recuperare una politica più genuina grazie al ritorno nelle piazze reali fatte di pietre, persone e relazioni sociali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie