Martedì 21 Gennaio 2020 | 20:39

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

 
L'analisi
Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

 
il punto
Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

 
L'analisi
I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

 
Il commento
Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

 
Il commento
Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. purtroppo

Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. Purtroppo

 
Il commento
Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

 
Il caso
Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

 
Il punto
Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

 
L'analisi
L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

 
L'analisi
Divergenze parallele sul celibato dei preti

Divergenze parallele sul celibato dei preti

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce VD

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

Il punto

Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

Dopo la confessione del rapper milanese in tv: nell'era dei social anche la malattia va ostentata

Fedez, oggi il firmacopie a Foggia alle 16

C’è stato un tempo nel quale le notizie di malattie e di problemi di salute delle persone note venivano taciute per evitare che, circolando, potessero rallentarne o addirittura frenarne le carriere. Era un’epoca che, se ci passate la forzatura, si potrebbe definire A. S., ovvero «avanti social», parafrasando la formula dell’«avanti Cristo» con cui parte il calendario inventato da Dionigi il piccolo.

Pudori, riservatezze da piccolo mondo antico che fanno quasi sorridere nell’era del D. S. (dopo social) che invece vuole esposto, quando non addirittura esibito, ogni dettaglio delle vite private delle celebrità in ossequio a un voyeurismo cibernetico che misura il successo in maniera inversamente proporzionale alla tutela del privato. Tutto ciò per dire che la «confessione» affidata da Fedez a Peter Gomez l’altra sera in televisione, rientra perfettamente in queste nuove regole.
Intendiamoci, la notizia del rischio sclerosi multipla col quale il rapper milanese - ma dalle radici lucane - ha appreso di dover convivere è drammatica, come lo sarebbe per chiunque, anche se non fosse baciato dal successo, dalla notorietà, dalla ricchezza. E una volta di più sta a ricordarci che, come recitava il titolo di una storica telenovela messicana, «anche i ricchi piangono».

Fedez ha fatto la sua confessione su un mezzo quasi... osboleto, la televisione, sul canale Nove. Ma contemporaneamente ha dovuto rassicurare i fan sui social, quegli stessi che hanno «creato» il fenomeno dell’influencer Chiara Ferragni (sua moglie, casomai qualcuno ancora non lo sapesse) e che hanno praticamente raccontato la storia del loro matrimonio in ogni minimo dettaglio, incluso l’arrivo del piccolo Leone, il loro figlioletto del quale si sa praticamente tutto. È bastato infatti che la notizia cominciasse a circolare perché le reazioni dei fan creassero un vero e proprio tsunami emotivo che ha costretto il nostro a intervenire per dire che sì, il rischio c’è, è stato diagnosticato, ma è fortunatamente ancora potenziale, per cui la vita e il lavoro andranno avanti come sempre. Potenza dei social... o vacuità dei tempi.

«È successo un evento importante, difficile, che mi ha fatto capire delle priorità» ha dichiarato Fedez a Peter Gomez, lasciando intendere che, forse, la vita ora gli appare sotto una luce diversa e, soprattutto, che gli ha ricordato di essere fragile, vulnerabile, in altre parole «reale» come un qualunque uomo della strada. Una riflessione - quella sì - che è stato giusto rendere pubblica perché arriva direttamente a un mondo giovanile sin troppo incline a considerare i propri idoli come degli esempi da seguire tanto nel bene quanto, se non nel male, almeno in quella apparente sregolatezza che contribuisce a creare mediaticamente i personaggi.

Solo pochi mesi fa, era toccato alla salentina Emma Marrone rendere noti i problemi di salute che l’hanno portata nuovamente in sala operatoria. In quella circostanza, di Emma ci avevano colpiti il coraggio, la sfida alla malattia lanciata senza spavalderia, ma con amore per la vita. Sarà forse merito della musica, che magari non guarisce i mali - non ce ne vogliano i fan del tarantismo - ma decisamente rinforza gli animi e li predispone ad affrontare anche il peggio nel migliore dei modi. E fra i tanti esempi ne scegliamo soltanto uno, quello del «piccolo» Michel Petrucciani che, finché ha vissuto, col suo pianoforte ha saputo donare al mondo una musica meravigliosa, superando i limiti fisici impostigli da una natura matrigna.

Ecco, se al di là della «socializzazione della malattia» che è figlia dei nostri tempi, Fedez sapesse e volesse ricavarne anche un altro genere di messaggi, dimostrerebbe di valere ben più dell’effimero di un singolo concerto o di «post» affidato alla rete. Se si scoprisse più uomo e meno personaggio, farebbe qualcosa di utile per sé, ma soprattutto per i tanti giovanissimi che lo seguono. Ci piace pensare che sappia e soprattutto voglia farlo. I buoni esempi non sono mai troppi. Per il resto, ovviamente, l’augurio è che possa vincere la sua battaglia. Coraggio!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie