Martedì 26 Maggio 2020 | 23:34

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 
L'Editoriale
l brutto della Fase 2 liberati, ma non liberi

Il brutto della Fase 2: liberati ma non liberi

 
L'analisi
alta velocità

Alta velocità e asili nido: per il Sud è il solito danno

 

Il Biancorosso

Calcio
L’ultima incornata dello Zar Maiellaro. «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

L’ultima incornata dello Zar Maiellaro: «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barimobilità sostenibile
Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

 
TarantoLa tragedia
Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

 
LecceLa decisione
Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

 
Foggiafase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Materadalla polizia
Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

 
Potenzanel Potentino
Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

 
Batil grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
BrindisiAmbiente
Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

 

i più letti

alimentazione

Le buone pratiche dell'Unione Europea contro lo spreco di cibo

Arriva in Italia un'app per limitare l'invenduto nei ristoranti

pasta

Oggi, 16 ottobre Giornata mondiale dell’alimentazione, è doveroso considerare che nei 28 paesi dell’Unione europea – al netto della telenovela della Brexit – il 20% del cibo prodotto viene perso o sprecato. Eppure, secondo i deputati di Bruxelles, «il cibo è un bene prezioso» sottolineando «gli sprechi alimentari hanno costi sociali, economici ed ambientali elevati ed implicazioni etiche». Se tutto questo non è ancora chiaro si consideri che in Europa si sprecano 88 milioni di tonnellate ogni anno.

In tutto questo gli olandesi sono i peggiori con 541 chilogrammi di cibo buttato ogni anno, seguono i belgi (345), i ciprioti (327), i polacchi (247), gli inglesi (236) mentre noi italiani (145). I più attenti rumeni e sloveni (76 e 72 Kg).

Utile strumento di contrasto a questo incredibile spreco è l'entrata in vigore è «la metodologia condivisa Ue» sulla base della quale gli Stati membri dovranno monitorare lo spreco alimentare dal 2020 per fornire alla Commissione europea i primi nuovi dati sugli sprechi alimentari entro la metà del 2022.

La «metodologia condivisa a livello dell’Ue – è scritto in una nota della Commissione - contribuirà ad armonizzare la generazione di dati sui livelli di spreco alimentare da parte delle imprese e contribuirà all'obiettivo dello sviluppo sostenibile» che prevede di dimezzare lo spreco alimentare pro-capite entro il 2030.

Questo provvedimento servirà ai paesi membri per applicare la nuova legislazione Ue sui rifiuti, che impone di attuare programmi nazionali di contrasto allo spreco alimentare in ogni fase della catena di approvvigionamento, per raggiungere l'Obiettivo di sviluppo sostenibile Onu che prevede la riduzione del 50% degli sprechi alimentari al 2030.

E' interessante riflettere, così come riportato nella risoluzione d’iniziativa del Parlamento europeo «Efficienza sotto il profilo delle risorse: ridurre lo spreco alimentare, migliorare la sicurezza alimentare», che «il 53% dei rifiuti alimentari proviene dalle famiglie, l’educazione dei consumatori è un punto critico per cui è necessario un grande sforzo».

A lavorare per individuare, condividere e sviluppare soluzioni e buone pratiche replicabili per ridurre lo spreco alimentare i componenti della «Piattaforma Europea contro gli sprechi e i rifiuti alimentari» forum composto da 70 membri, di cui 33 rappresentanti di paesi membri dell’Ue e organizzazioni internazionali e 37 del settore privato.

La prevenzione degli sprechi alimentari è stata identificata come uno dei settori prioritari del piano d'azione per l'economia circolare adottato dalla Commissione e che proprio lo spreco alimentare è uno dei dieci principali indicatori del Quadro di Monitoraggio dell'Economia circolare.

Grazie alle misure specifiche è imposto agli Stati membri di attuare programmi nazionali di prevenzione dei rifiuti alimentari e, soprattutto, di ridurre lo spreco alimentare in ogni fase della catena di approvvigionamento, monitorare e riferire sui livelli di sprechi alimentari.

Intanto, già da qualche mese, è arrivata in Italia Too Good To Go, la app nata nel 2015 in Danimarca per combattere lo spreco alimentare. Già presente in 9 paesi europei con oltre 8 milioni di utenti, permette a bar, ristoranti, negozi, supermercati o hotel di vendere online - a prezzi ribassati - il cibo invenduto «troppo buono per essere buttato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie