Giovedì 14 Novembre 2019 | 12:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Ipotesi di lavoro per salvare una città

Ipotesi di lavoro per salvare una città

 
Il punto
La variabile acciaieria tra Governo e legislatura

La variabile acciaieria tra Governo e legislatura

 
Il punto
Governo, troppe le spinte centrifughe

Governo, troppe le spinte centrifughe

 
l'opinione
Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

 
l'opinione
In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

 
il commento
Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

 
L'analisi
Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

 
Il punto
Poveri giovani, se lavorate

Poveri giovani, se lavorate

 
L'analisi
Classi dirigenti di ieri e oggi: un confronto impietoso

Classi dirigenti di ieri e oggi: un confronto impietoso

 
L'analisi
Comunicazione permanente per assordare Palazzo Chigi

Comunicazione permanente per assordare Palazzo Chigi

 
L'analisi
Le parole di Draghi non diventino prediche inutili

Le parole di Draghi non diventino prediche inutili

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoDurante la task force
Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

 
BariI dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
LecceL'evento
Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

 
BrindisiOmicidio colposo
Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

 
BatFatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
FoggiaLotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 
MateraIL Quirinale
Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

 

i più letti

alimentazione

Le buone pratiche dell'Unione Europea contro lo spreco di cibo

Arriva in Italia un'app per limitare l'invenduto nei ristoranti

pasta

Oggi, 16 ottobre Giornata mondiale dell’alimentazione, è doveroso considerare che nei 28 paesi dell’Unione europea – al netto della telenovela della Brexit – il 20% del cibo prodotto viene perso o sprecato. Eppure, secondo i deputati di Bruxelles, «il cibo è un bene prezioso» sottolineando «gli sprechi alimentari hanno costi sociali, economici ed ambientali elevati ed implicazioni etiche». Se tutto questo non è ancora chiaro si consideri che in Europa si sprecano 88 milioni di tonnellate ogni anno.

In tutto questo gli olandesi sono i peggiori con 541 chilogrammi di cibo buttato ogni anno, seguono i belgi (345), i ciprioti (327), i polacchi (247), gli inglesi (236) mentre noi italiani (145). I più attenti rumeni e sloveni (76 e 72 Kg).

Utile strumento di contrasto a questo incredibile spreco è l'entrata in vigore è «la metodologia condivisa Ue» sulla base della quale gli Stati membri dovranno monitorare lo spreco alimentare dal 2020 per fornire alla Commissione europea i primi nuovi dati sugli sprechi alimentari entro la metà del 2022.

La «metodologia condivisa a livello dell’Ue – è scritto in una nota della Commissione - contribuirà ad armonizzare la generazione di dati sui livelli di spreco alimentare da parte delle imprese e contribuirà all'obiettivo dello sviluppo sostenibile» che prevede di dimezzare lo spreco alimentare pro-capite entro il 2030.

Questo provvedimento servirà ai paesi membri per applicare la nuova legislazione Ue sui rifiuti, che impone di attuare programmi nazionali di contrasto allo spreco alimentare in ogni fase della catena di approvvigionamento, per raggiungere l'Obiettivo di sviluppo sostenibile Onu che prevede la riduzione del 50% degli sprechi alimentari al 2030.

E' interessante riflettere, così come riportato nella risoluzione d’iniziativa del Parlamento europeo «Efficienza sotto il profilo delle risorse: ridurre lo spreco alimentare, migliorare la sicurezza alimentare», che «il 53% dei rifiuti alimentari proviene dalle famiglie, l’educazione dei consumatori è un punto critico per cui è necessario un grande sforzo».

A lavorare per individuare, condividere e sviluppare soluzioni e buone pratiche replicabili per ridurre lo spreco alimentare i componenti della «Piattaforma Europea contro gli sprechi e i rifiuti alimentari» forum composto da 70 membri, di cui 33 rappresentanti di paesi membri dell’Ue e organizzazioni internazionali e 37 del settore privato.

La prevenzione degli sprechi alimentari è stata identificata come uno dei settori prioritari del piano d'azione per l'economia circolare adottato dalla Commissione e che proprio lo spreco alimentare è uno dei dieci principali indicatori del Quadro di Monitoraggio dell'Economia circolare.

Grazie alle misure specifiche è imposto agli Stati membri di attuare programmi nazionali di prevenzione dei rifiuti alimentari e, soprattutto, di ridurre lo spreco alimentare in ogni fase della catena di approvvigionamento, monitorare e riferire sui livelli di sprechi alimentari.

Intanto, già da qualche mese, è arrivata in Italia Too Good To Go, la app nata nel 2015 in Danimarca per combattere lo spreco alimentare. Già presente in 9 paesi europei con oltre 8 milioni di utenti, permette a bar, ristoranti, negozi, supermercati o hotel di vendere online - a prezzi ribassati - il cibo invenduto «troppo buono per essere buttato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie