Giovedì 12 Dicembre 2019 | 16:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

 
il punto
Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

 
l'analisi
Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

 
L'analisi
Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

 
il commento
Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

 
il punto
Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

 
L'analisi
L’Italia del buon senso non s’arrenda al senso comune

L’Italia del buon senso non s’arrenda al senso comune

 
L'analisi
Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

 
L' opinione
Se le «capre» diventano «sardine»

Se le «capre» diventano «sardine»

 
Il punto
Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

 
L'analisi
Ogni giorno Sud sempre più derubato: basta, da oggi deve finire

Ogni giorno Sud sempre più derubato: basta, da oggi deve finire

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

 
Barila sentenza
Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Leccel'episodio la notte scorsa
Lecce, vandali nel presepe di Piazza Duomo: pupi mutilati e imbrattati

Lecce, vandali nel presepe di Piazza Duomo: pupi mutilati e imbrattati

 
Brindisidai carabinieri
Ceglie Messapica, in cantina ha 18 kg di sigarette di contrabbando: arrestato

Ceglie Messapica, in cantina ha 18 kg di sigarette di contrabbando: arrestato

 
Bat«chiavi della città»
Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

La riflessione

La ferita scoperta del mondo cattolico

Si continua a discutere sullo scontro «mediatico e ideologico» tra Papa Francesco e Matteo Salvini riguardo l'immigrazione

La ferita scoperta del mondo cattolico

Chi è il «prossimo tuo»? È tutta qui la radice della guerra aperta che si sviluppa, ormai da mesi, tra una parte del mondo cattolico, papa Francesco in testa, e il vicepremier Matteo Salvini. Entrambi, il successore di Pietro e il ministro, hanno un profilo populista: il primo squisitamente sudamericano, dai residuali echi peronisti; il secondo riscritto secondo la grammatica del nuovo sovranismo occidentale. Tutte le strade, però, portano a Roma che, nella fattispecie, è la difesa degli «esclusi della globalizzazione», espressione d’obbligo per chiunque voglia farsi carico delle esigenze dei più deboli.
Ma è a questo punto che il gioco si spariglia.

Bergoglio guarda lontano, a chi arriva da quella fine del mondo da cui è sorto anche lui. Salvini, invece, si ferma sull’uscio di casa per soccorrere il vicino. Con un’altra lettura, si potrebbe dire che il Pontefice inquadra gli «ultimi», cioè i migranti; Salvini i «penultimi» cioè, detta volgarmente, i bianchi italiani messi all’angolo dalle iniquità del capitalismo planetario. Il gioco delle etichette, naturalmente, è pericoloso. Se i migranti sono effettivamente in fondo alla catena sociale per possibilità e disponibilità economiche, è anche vero che gli italiani in affanno hanno, per anni, goduto di molta meno stampa e molte meno «coccole verbali». Non saranno «ultimi» ma, nell’era ante-Salvini, erano troppo spesso invisibili. Da cui la rancorosa salita su quel Carroccio che, da qualche tempo a questa parte, si orna e adorna di rosari, vangeli, croci e richiami alla Madonna. Con il risultato di aver fatto esplodere in modo detonante un conflitto che strisciava sottotraccia da un pezzo.

E tra un Decreto sicurezza dedicato alla Vergine e un titolo di «Famiglia Cristiana» che intima il vade retro al satanasso leghista, finisce che a parlare sono i numeri: la maggioranza relativa dei cattolici praticanti (e votanti), stando almeno alle recenti stime sondaggistiche, ha scelto il Capitano. Una sorpresa? Non proprio.
Già la Polonia e l’Ungheria raccontano della riuscita degli esperimenti catto-sovranisti, lì declinati in salsa anti-islamica, qui con un più generico anti-immigrazionismo. Con qualche riferimento nobile, a cominciare da quel cardinale americano, Raymond Burke, ormai investito del ruolo di anti-Bergoglio. A lui, Salvini è arrivato tramite l’ideologo conservatore Steve Bannon all’interno di un processo culturale che tende ad arruolare Giovanni Paolo II e Benedetto XVI quali ultimi Pontefici di un’Europa più o meno identitaria.

Al netto dei giudizi e dei giochi di palazzo, il racconto pare funzionare anche perché i cattolici praticanti sono spesso annidati proprio fra le fila di quei «penultimi» di cui sopra: blocco confessionale e blocco sociale possono sovrapporsi. E l’inesausta predicazione del Papa? Il Pontificato dell’accoglienza, quello tutto votato «alla conversione dei cuori razzisti», raccoglie illustri e nutriti consensi, spesso trasversali e di livello. Ma con una piccola postilla: proprio i più entusiasti sostenitori dell’azione pontificale, cioè i liberal e i progressisti di varie fogge, sono quelli che non vanno a messa. Idolatrano Francesco, lo ringraziano per essere l’unica opposizione esistente al sovranismo, ne ammirano la tenacia incrollabile, ma si tengono ben lontani da altari e sacramenti. Insomma, l’azienda piace ma non fattura. E così, alla fine della giostra, i conti non tornano: le chiese si svuotano e le urne leghiste si gonfiano.

Tuttavia, l’inciampo è dietro l’angolo anche per il titolare del Viminale che, ormai, ha fatto suoi tutti gli stilemi del predicatore protestante (il populismo, si sa, è anche spettacolo). Ostentare simboli religiosi nell’agone politico non è un fatto nuovo nella storia politica italiana, avviata dalle madonne piangenti di democristiana memoria. La novità è l’ostentazione in un’epoca laicissima come quella presente: un «contropiede» comunicativo, certo, ma anche un possibile boomerang. Basta dare un’occhiata ai social: gli unici post di Salvini non omaggiati da una venerazione senza sbavature sono proprio quelli dedicati a Vergini e rosari. Il fastidio, se non proprio il dissenso, abbonda anche fra i suoi. D’altronde, l’Italia non è né l’Ungheria né la Polonia. Non è un Paese post-comunista affamato di riferimenti confessionali. A tanti l’overdose religiosa non va giù. Così come, ad altrettanti, «stufa» il predicare monotematico di Francesco che batte sempre, in modo quasi ossessivo, sullo stesso tasto, finendo per sembrare elitista e dimentico di chi non sopraggiunge con un barcone. Il troppo stroppia sempre. Ma, negli anni del populismo, è ormai la matrice di tutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie