Venerdì 06 Dicembre 2019 | 14:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
I nostri ragazzi sono asini? Eppure leggono di più

I nostri ragazzi sono asini? Eppure leggono di più

 
L'editoriale
La politica internazionale torna a influire sui patti interni

La politica internazionale torna a influire sui patti interni

 
Il commento
Uno strappo per lasciare il siderurgico al suo destino

Uno strappo per lasciare il siderurgico al suo destino

 
L'analisi
Manette agli evasori, ceppi alle imprese

Manette agli evasori, ceppi alle imprese

 
Il commento
«Santa Subito», il docufilm su Santa Scorese vince la Festa del Cinema di Roma

«Santa subito» e altri doc: l’Italia colpita al cuore

 
Il punto
Più ingegneria civile per salvare il territorio

Più ingegneria civile per salvare il territorio

 
Le nuove quattro edizioni
Più giornalismo più democrazia

Più giornalismo più democrazia

 
L'analisi
Salva-stati: intesa cercasi tra posizioni distanti

Salva-stati: intesa cercasi tra posizioni distanti

 
Caso Mittal
Taranto, forse sarà meglio preparare il Piano B

Taranto, forse sarà meglio preparare il Piano B

 
L'editoriale
Nostalgia Iri, voglia matta dello Stato padrone

Nostalgia Iri, voglia matta dello Stato padrone

 
Il punto
La potenza della politica l’impotenza dei cittadini

La potenza della politica l’impotenza dei cittadini

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaAeroporto
Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

 
LecceSanità
Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

 
BariLa polemica
L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

 
TarantoIl folle gesto
Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

 
MateraIl colpo
Matera, arrestato bandito 26enne. Aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

Matera, arrestato bandito 26enne: aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

 
BrindisiAtto vandalico
Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

 
BatIn zona Zagaria
Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

 
PotenzaA Rionero in Vulture
Compravendita illegale di loculi: indagati nel Potentino

Gettavano salme in fosse comuni per liberare loculi nel cimitero: 6 arresti nel Potentino VD

 

i più letti

L'analisi

Diaspora choc in una nazione che maltratta la conoscenza

Cervelli in fuga da un’Italia miope. È questa la vera emergenza in materia di flussi umani

giovani all'estero cervelli in fuga

La forza di un Paese è nell’innovazione. Nella possibilità, attraverso la ricerca, di essere al passo coi tempi, di promuovere – e di anticipare – i mutamenti economici, sociali e culturali che l’evoluzione di scienza e tecnica impongono. Se così è, risuonano come altamente preoccupanti le dichiarazioni del ministro dell’Economia Giovanni Tria che ieri ha lanciato, senza giri di parole, un allarme inequivocabile: «stiamo disperdendo talenti ma anche risorse». E sì, perché la fuga di cervelli all’estero, ciclicamente evocata e altrettanto rapidamente riposta nel cassetto, produce una perdita di poco inferiore ai 14 miliardi di euro all’anno. Quasi l’1 % del nostro PIL.

Siamo sicuri, purtroppo, che la notizia è destinata a finire repentinamente nelle pagine interne dei giornali e nei titoli di coda delle news divulgate via tv e web, per poi scivolare rapidamente nel dimenticatoio sovrastata dalle sfide quotidiane a singolar tenzone dei leader del nostro esecutivo.

Eppure, si tratta di un dato su cui occorrerebbe riflettere a lungo, e il fatto che sia stato richiamato da chi ricopre un ruolo di rilievo nel governo potrebbe alimentare la speranza di un’inversione di tendenza rispetto a un orientamento da tempo consolidato nel nostro Paese. Perché, sia ben chiaro, non è ascrivibile soltanto all’attuale esecutivo una visione miope dei rapporti tra sapere e sviluppo della società. Alcuni anni fa Giulio Tremonti, da ministro dell’Economia e delle Finanze, affermò che «con la cultura non si mangia», sollevando un vespaio di polemiche. Salvo poi ravvedersi qualche tempo dopo, quando scrisse a quattro mani con Vittorio Sgarbi il libro Rinascimento. Con la cultura (non) si mangia. Si riferiva alla cultura umanistica, che considerare però scissa dagli altri saperi appare riduttivo e superato. Non è un mistero – giusto per fare qualche esempio – che dottori in filosofia occupino posizioni nodali in numerose aziende, così come è a tutti nota la rilevanza di chi ha studiato scienze della comunicazione nelle dinamiche della società contemporanea.
Resta il fenomeno – indiscusso e indiscutibile – della fuga delle nostre eccellenze dallo Stivale, magari dopo aver acquisito in patria una formazione evidentemente ritenuta idonea in Paesi pur esigenti nel valutare conoscenze e competenze e nel reclutare capitale umano, considerata invece non bastevole – o meglio, ignorata – dal mondo del lavoro nostrano. Quasi una diaspora delle nuove generazioni costrette a disperdersi qua e là nel globo, non per esterofilia ma per necessità. Ecco allora, è vero, con la conoscenza non si mangia, ma solo in Italia. Siamo nei tempi della globalizzazione, certo, i confini nazionali sono ormai impalpabili, ma questo non significa che si debba assistere indifferenti ad un impoverimento sistematico delle nostre risorse umane, senza le quali capitali e impianti sono semplice arredo, a tutto vantaggio dei nostri competitors. In prospettiva, visto nel lungo periodo, questo trend può condurre ad un arretramento significativo nel panorama internazionale dell’Italia, già da tempo in affanno rispetto a colossi in espansione come Cina ed India (e non solo).
Paesi nei quali, non a caso, la rivoluzione digitale è in cima all’agenda politica. Da noi, invece, si arranca e invece, come ha detto Tria, «non si passa al fianco della trasformazione digitale: o ne siamo protagonisti o la subiamo», con riflessi – se dovesse prevalere la seconda opzione – di carattere politico. Ogni rivoluzione economica è stata scandita da una materia prima, ed oggi questa non è naturale (oro, carbone, petrolio) ma immateriale (dati). Si può scegliere di essere semplici utenti digitali od invece creatori digitali. E, soprattutto, occorre ricordare che il 65% dei bambini che si affacciano oggi alla scuola primaria svolgerà un lavoro che ancora non esiste.

A riprova della minore capacità del nostro Paese di trasformare conoscenze e competenze in lavoro vi sono le statistiche del tasso di occupazione a tre anni dei laureati nell’Ue, elaborate da Eurostat: 94,8% nei Paesi Bassi, 94,3% in Germania, 85,5% la media europea, appena il 62,8% in Italia (peggio di noi soltanto la Grecia, 59%).
Cervelli in fuga, dunque.
Per mancanza, nel nostro tessuto economico, di sbocchi destinati a chi ha una formazione specifica che inducono – lo rileva anche il presidente di AlmaLaurea Ivano Dionigi – «una quota sempre maggiore di giovani formati nel nostro Paese» a lavorare «oltreconfine dove le loro competenze sono maggiormente valorizzate e le retribuzioni sono elevate».

In fuga da un’Italia miope.
È questa la vera emergenza in materia di flussi umani (in entrata o in uscita). Un’emergenza silente, priva di riscontri immediati sotto il profilo del consenso e per questo sostanzialmente ignorata sul piano politico. E che magari stride con i fautori dell’“uno vale uno”, inteso come deprezzamento delle competenze, del merito e del cursus honorum e come esaltazione dell’appiattimento globale e della conoscenza infinita attinta dal web. Ai quali andrebbe ricordato che «il più grande nemico della conoscenza non è l’ignoranza, è l’illusione della conoscenza» (Daniel Joseph Boorstin, scrittore statunitense vincitore del Premio Pulitzer per la storia nel 1974).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie