Lunedì 13 Luglio 2020 | 22:18

NEWS DALLA SEZIONE

Analisi
Salute e lavoro. Avanti Taranto

Salute e lavoro. Avanti Taranto

 
l'Analisi
Situazione d’eccezione e repubblica parlamentare

Situazione d’eccezione e Repubblica parlamentare

 
Il ricordo
Vernola, la politica per il bene comune

Vernola, la politica per il bene comune

 
L'Editoriale
Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

 
Analisi
Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

 
Analisi
Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

 
Analisi
Il fascino della politica strega pure i virologi

Il fascino della politica strega pure i virologi

 
Il commento
Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

 
L'Analisi
Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

 
Analisi
Se il coronavirus smaschera i big

Se il coronavirus smaschera i big

 
Editoriale
Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariil decreto
Petruzzelli Bari, ministro Franceschini ratifica nomina sovrintendente Biscardi

Petruzzelli Bari, ministro Franceschini ratifica nomina sovrintendente Biscardi

 
TarantoProroga cig
Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

 
Lecceil rogo
Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

 
PotenzaTragedia sfiorata
Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

 
Bat5 anni fa la tragedia
BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 

i più letti

La tragedia

Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

Un tredicenne, figlio dello sconsiderato guidatore, è morto, il fratellino di 9 anni è in condizioni gravissime, come pure il responsabile della tragedia, il genitore 34enne che si stava pavoneggiando sui social

Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

Non è la prima volta che accade e, purtroppo, non sarà l’ultima. Qualcuno alla guida si riprende con lo smartphone, magari mentre l’auto è lanciata ad alta velocità, per vantarsi con gli amici o, più semplicemente, far vedere quello che sta facendo.

Poi, il buio improvviso sul video: l’auto si è schiantata. Questa volta è accaduto nel Trapanese. Un tredicenne, figlio dello sconsiderato guidatore, è morto, il fratellino di 9 anni è in condizioni gravissime, come pure il responsabile della tragedia, il genitore 34enne che si stava pavoneggiando su Facebook.

È sempre difficile commentare le sciagure alla base delle quali c’è la sventatezza di chi le provoca. E certo non sono auspicabili le violente condanne degli «haters», gli odiatori seriali da tastiera che, proprio su Facebook, stanno bombardando di commenti feroci e inumani il video dello schianto. Il meccanismo che muove gli haters è infatti lo stesso che ha provocato la tragedia: l’insana voglia di essere protagonisti a tutti i costi, una voglia che l’uso indiscriminato dei social ha consentito a tutti di soddisfare. Con molti esiti negativi, terribilmente negativi. E che non si esauriscono nelle tragedie come quella nel Trapanese, ma invadono ogni campo dell’interazione umana. Dal «quarto d’ora di celebrità» di cui parlò Andy Warhol negli anni Sessanta, e dal «villaggio globale» profetizzato da Marshall Mcluhan negli stessi anni, molto acqua è passata sotto i ponti. Solo che quel quarto d’ora, non di celebrità, ma di protagonismo, ora è concesso a tutti attraverso i «Mostri sociali» che la tecnologia ci ha regalato dando a ciascuno l’illusione di essere primo attore e non comparsa della scena globale. Naturalmente, ogni cosa, quando nasce ha un valore neutro, è l’uso che se ne fa a renderla positiva o negativa. Purtroppo, in tanti usano i social in modo sventato sminuendo quelli che sono gli aspetti positivi come, per esempio, la facilità di comunicare con chi è lontano.

Orde di persone li utilizzano credendo di rendere «glamour» ogni banale aspetto della quotidianità che non avrebbe certo necessità d’essere diffuso al mondo intero. Sono le cosiddette «storie» che ciascuno di noi può lanciare sugli attuali sistemi di comunicazione. E così anche lo stare nella toilette, per alcuni, si è trasformato in spettacolo. È proprio vero, al peggio non c’è mai fine. Ogni momento dell’intimità non ha più privacy. Come le esibizioni di rapporti sessuali che spesso non sono rubati affatto e che, passaggio dopo passaggio, da uno smartphone a un altro, finiscono per diventare un proiettile sparato nel buio e possono rimbalzare sugli stessi protagonisti. E anche qui le tragedie non sono mancate.

Lasciamo a psicologi e sociologi le indagini sui meccanismi comportamentali e aggregativi che muovono i tanti attori di se stesso nel rappresentarsi. Le persone che si comportano così, e sono tante, sembrano ritenere inesistente ogni momento della vita che non passi attraverso la testimonianza dello smartphone e si riverberi altrove e su qualcuno. Esibire è tutto.
Lo sciocchezzaio sociale che ci siamo costruiti emulando i reality non ci rende però protagonisti, ma solo ebeti replicanti. Basterebbe tornare a vivere piuttosto che sforzarsi di rappresentarsi. Essere piuttosto che sembrare. Ma la battaglia sembra irrimediabilmente persa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie