Sabato 24 Agosto 2019 | 04:11

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

 
L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekDopo il Cinzella Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
PotenzaLavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
LecceL'evento
Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

 
BatIl caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
MateraIl sogno
Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

 

i più letti

La riflessione

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

Il Senato ha respinto l’autorizzazione a procedere contro il ministro Salvini per il caso della nave Diciotti

La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

Il Senato ha respinto l’autorizzazione a procedere contro il ministro Salvini per il caso della nave Diciotti. I senatori, a larga maggioranza, hanno deciso di accettare la tesi secondo la quale tenere sequestrati a bordo di una nave della marina italiana, in un porto italiano, per 5 giorni, 179 migranti irregolari, oltre all’equipaggio, sia stato un atto necessario “all’interesse nazionale”.

Atto non perseguibile in quanto espressione di una volontà condivisa dall’intera compagine governativa. Eppure, “normalmente” i migranti irregolari che giungono nei nostri porti vengono immediatamente indirizzati nei centri di prima accoglienza (come quello di Lampedusa che ha appena accolto i 49 della nave Jonio) e poi gestiti in base alle leggi vigenti (identificazione, valutazione delle richieste d’asilo, eventuale espulsione, ecc.). Quali erano le motivazioni di “superiore interesse nazionale” che in quel caso, e solo in quel caso, giustificavano un reato grave come il sequestro di persona? Le “superiori ragioni” della politica (e non della nazione, evidentemente) sfidano ancora una volta il più elementare buon senso, come quando la stessa Aula decise che Berlusconi agiva in perfetta buona fede affermando che Ruby era la nipote di Mubarak.
Ma più che l’incoerenza politica, ciò che ferisce in questa vicenda è la maggioritaria accettazione che sembra accompagnarla nell’opinione pubblica. L’8 agosto 1991 giunse a Bari la nave Vlora, con un carico di oltre 15.000 disperati: di gran lunga il più grande sbarco di migranti mai avvenuto da quando è iniziato il fenomeno. Le istituzioni nazionali erano assolutamente impreparate all’evento, e la loro latitanza fu fortemente stigmatizzata da Don Tonino Bello, prontamente accorso a prodigarsi per proporre umana, prima ancora che cristiana, solidarietà. Furono giorni estremamente difficili, eppure la città affrontò l’emergenza senza gridare all’invasione nemica: l’indimenticabile Sindaco Enrico Dalfino si attivò immediatamente con grande spirito umanitario. “Sono persone” diceva, come ricorda commossa la vedova Anna “persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro ultima speranza”, e poco importa che il Presidente Cossiga lo ingiuriasse in termini assolutamente ingiusti: tanti baresi, religiosi e laici, condivisero questi suoi sentimenti. Quanto è cambiato il nostro paese dalla Vlora alla Diciotti? Davvero i 179 disperati della scorsa estate costituivano una minaccia alla sicurezza nazionale maggiore dei 15.000 del ’91?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie