Mercoledì 19 Giugno 2019 | 05:28

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 
L'analisi
Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVMaltempo in Basilicata
Potenza finisce sott'acqua: strade allagate come fiumi in piena

Potenza finisce sott'acqua: strade allagate come fiumi in piena

 
BariFallimenti truccati
Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: testimone a processo

Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: ora è testimone a processo

 
TarantoSport
Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

 
LecceSalento
Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

Il punto

C’era una volta il computer. Analfabeti digitali a 13 anni

Ex bambini digitali, ma non sanno usare il computer.

C’era una volta il computer. Analfabeti digitali a 13 anni

Ex bambini digitali, ma non sanno usare il computer. Sono i fratelli minori dei millennial, tredici-quattordicenni che arrivano al primo superiore senza aver mai provocato il ticchettìo di una tastiera (del Pc, perchè la macchina per scrivere neanche la conoscono). Gli insegnanti parlano con sgomento di questa nuova generazione di analfabeti informatici ma social dipendenti, adolescenti che non dovrebbero maneggiare lo smartphone in classe ma che possono sbloccare il cellulare fino a 80 volte al giorno, tamburellare sullo schermo 2.600 volte nelle 24 ore: chi si illude che l'intera mattinata in classe trascorra in astinenza? A casa, invece, i loro fratellini che hanno appena smesso di gattonare utilizzano il tablet anche sette ore in una sola giornata. Se l'incapacità di molti nativi digitali di consultare dizionari e utilizzare calcolatrici faceva rabbrividire, bisognerà inventare nuove espressioni per descrivere quanta voglia di vivere venga succhiata dal web ai più giovani.

È ormai storia che le dipendenze senza sostanze dei drogati di screen vengano curate nei Sert, è scontato che i dialoghi in famiglia siano ridotti a monosillabi tra una story e l'altra su Instagram (preferito a Fb "perchè c'è pochissimo testo"), ma come non stranirsi se più del 50% dei bimbi tra i 2 ed i 5 anni padroneggia i giochi on line, ma soltanto l'11% si allaccia le scarpe da solo? Ancora nulla, perchè l'ultima generazione di "digitali" svezzati a iPad, dopo aver gettato nel cestino il computer ha anche rinunciato a una fetta di futuro: gli americani, in perenne anticipo, avvertono che iGen pensano alla patente e alla prima auto sempre più tardi dei fratelli maggiori, non sono più diligenti negli studi, crescono più tolleranti, escono persino di meno, sono sempre super-connessi ma più infelici, spenti. Certo, prezzo e dimensioni ridotte spiegano la preferenza per i dispositivi smart che inficiano ormai da anni le vendite dei computer, tuttavia neanche gli smartphone hanno il vento in poppa: l'Europa vede calare la domanda oltre il 13%, con gli utenti che scelgono i marchi cinesi più economici o si tengono più a lungo lo stesso cellulare.

Cifre e tendenze dell'universo digitale non sono però solo numeri e virgole, sono esistenze che prendono direzioni differenti dal dialogo, dall'avvicinamento fra generazioni. Step necessari perchè i saperi di adulti e anziani non si disperdano, ma consentano ai più giovani di imparare dall'esperienza che non può essere del tutto surrogata dall'intelligenza o dalla mole di informazioni di cui la maggior parte dei frequentatori della rete dispone. L'abuso dei social ha portato a risultati insoddisfacenti se non sconvolgenti, ma non immutabili, se famiglia, scuola, noi tutti decideremo di non rassegnarci. Se Bill Gates e Steve Jobs hanno vietato ai loro rampolli l'utilizzo delle nuove tecnologie fino all'adolescenza, forse anche genitori meno famosi possono imparare a mettere paletti per costruire un futuro che non è soltanto quello dei propri figli, ma dell'intero Paese. Non è raro che imprese a conduzione familiare vedano interrotte dalle ultime generazioni attività nate floride, vocate al territorio, ma non tramandate perchè lo scollamento tra fondatori ed eredi è incolmabile. Magari per prevenire queste catastrofi si può cominciare dal riaccendere in casa quel computer con lo schermo grande come una tv, oppure rischiare di sentirsi retrogradi, non vergognarsi di esercitare un minimo di autorità invece che fare gli amici dei propri figli, dialogare con loro tramite "vocali" su Whatsapp: servirà a dare regole al loro mondo, per non tagliarli fuori da un domani che debbono imparare almeno a sognare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie