Mercoledì 21 Novembre 2018 | 12:45

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Le montagne da scalare per il futuro leader del Pd

Le montagne da scalare per il futuro leader del Pd

 
L'analisi
Dal libro possibile alle piazze impossibili

Dal libro possibile alle piazze impossibili

 
La riflessione
La navigazione a vista di una coppia in crisi

La navigazione a vista di una coppia in crisi

 
L'analisi
Se nel mondo delle «bufale» Vasco Rossi canta la verità

Se nel mondo delle «bufale» Vasco Rossi canta la verità

 
Il punto
Polignano, la nota stonata dell'incanto: da domani senza i 5 euro il centro è fortezza inaccessibile

Polignano, la nota stonata dell'incanto: da domani senza i 5 euro il centro è fortezza inaccessibile

 
L'analisi
Forza donne del Sud, una piazza anche per voi

Forza donne del Sud, una piazza anche per voi

 
La riflessione
Scoprire l’America nell’azione repressiva

Scoprire l’America nell’azione repressiva

 
L'analisi
Importare sistemi giuridici non modelli politici

Importare sistemi giuridici non modelli politici

 
La riflessione
Basilicata in surplace voto di rinvio in rinvio

Basilicata in surplace voto di rinvio in rinvio

 
L'analisi
Informazione assediata democrazia a rischio

Informazione assediata democrazia a rischio

 
La riflessione
Ricreare il senso comunitario della terapia

Ricreare il senso comunitario della terapia

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La riflessione

Benefìci anche per l’Ilva dal realismo energetico

Bisogna essere cauti nel valutare l’orientamento che sta maturando nel Governo di non ostacolare la prosecuzione dei lavori per la Tap

Gasdotto, in una lettera a Tap l’ipotesi approdo alternativo

Bisogna essere cauti nel valutare l’orientamento che sembra stia maturando nel Governo di non ostacolare la prosecuzione dei lavori per la Tap, la pipeline che porterà il gas dall’Azerbaijan in Italia, con l’approdo del tratto sottomarino proveniente dall’Albania a San Foca presso Melendugno nel Salento. Ma se quell’indirizzo venisse confermato sarebbe, a nostro avviso, una manifestazione di realismo e di apprezzabile saggezza di cui sarebbe giusto dare atto all’Esecutivo e al Ministro Di Maio. Ora, si è scritto tantissimo negli ultimi anni sul valore strategico di tale nuova fonte di approvvigionamento per il nostro Paese, sulle dimensioni dell’investimento privato che lo sta rendendo possibile e sugli accordi internazionali che lo hanno autorizzato. Pertanto riteniamo di non dover ritornare sull’argomento, così come non è opportuno richiamare ancora una volta le roventi polemiche che hanno visto contrapporsi da lungo tempo in provincia di Lecce (e non solo in essa) coloro che – come molti esponenti del Movimento 5 Stelle - restano assolutamente contrari all’opera e al suo approdo sulla costa di San Foca e coloro che, invece, a livello locale e nazionale, hanno più volte ribadito il valore dell’opera.

Vogliamo invece sottolineare la necessità e l’utilità – per tutte le parti in causa – di deporre per qualche tempo le contrapposte argomentazioni contro o a favore del gasdotto per riflettere sulle opportunità che la sua costruzione già comporta, e ancor più potrebbe comportare per la Puglia la sua entrata in esercizio.

Ora - a parte le tante giornate di cantiere già attivate o prevedibili per le opere ultimate e per quelle progettate per le maestranze impegnate nel prosieguo della realizzazione, e senza considerare i primi finanziamenti per molteplici attività erogati ad una pluralità di soggetti locali dal Consorzio realizzatore del gasdotto - una prima grande opportunità per l’industria locale potrebbe essere costituita da forniture di gas acquistabili a prezzi più contenuti di quelli che si determinano sul mercato, naturalmente da definirsi attraverso accordi contrattuali formalizzati fra le parti e validati anche a livello governativo.
Ed uno dei soggetti beneficiari di questa fornitura di gas a prezzi pari a quelli del carbone potrebbe essere l’Ilva di Taranto - come afferma da tempo il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, impegnato sin dalla sua elezione nel 2015 nella battaglia per la decarbonizzazione della produzione nell’impianto ionico - e che negli ultimi mesi avrebbe verificato la disponibilità del Governo dell’Azerbaijan ad assicurare uno slot di 700 milioni di metri cubi di gas a prezzi convenienti per avviare la produzione di preridotto di ferro da impiegarsi negli attuali altiforni, o in forni elettrici da impiantarsi nel sito.

Ora, intendiamoci bene, Arcelor Mittal, prossima nuova proprietaria dell’intero Gruppo e del gigantesco stabilimento tarantino, nell’accordo sottoscritto a Roma con Governo e Sindacati si è detta disponibile a valutare anche la possibilità di impiegare il preridotto di ferro – di cui peraltro conosce la tecnologia usandola in già in un suo sito ad Amburgo – solo dopo aver superato la soglia di 8 milioni di tonnellate con gli attuali sistemi di produzione a ciclo integrale, per i cui impianti comunque ha previsto interventi di ambientalizzazione molto avanzati, fra cui la copertura dei parchi minerali che prosegue da parte dell’impresa Cimolai. E d’altra parte bisognerebbe tener conto che l’impiego del preridotto di ferro in nuovi forni elettrici avrebbe bisogno anche di rottame qualificato il cui prezzo sul mercato mondiale sta salendo, data la sua scarsezza relativa.
Inoltre un piano di riconversione a gas, sia pure parziale, del Siderurgico di Taranto, data la sua estrema complessità tecnica, avrebbe costi particolarmente elevati, da definirsi in un business plan molto preciso che deve considerare prezzo del gas, del rottame, dell’innovazione impiantistica necessaria ed altri fattori egualmente rilevanti, compreso quello occupazionale, dal momento che anche l’impiego della manodopera potrebbe diminuire, salvo il suo trasferimento ad altre lavorazioni nella fabbrica.

Però è significativa a nostro avviso l’apertura – per ora comunque solo verbale – del Governo azero che ipotizza una fornitura scontata ad Arcelor Mittal. E‘ un percorso ancora molto ma molto lungo quello che si dovrà intraprendere per migliorare sempre di più l’ambientalizzazione del Siderurgico tarantino, ma una prima possibile road map si incomincia a intravedere.
Del resto la costituzione nel Salento di un centro di eccellenza mondiale per la decarbonizzazione era stata una delle proposte del Consorzio Tap e della Snam avanzate lo scorso anno in un incontro in sede ministeriale. Così come si potrebbe ottenere dal Governo l’accelerazione degli interventi previsti per la provincia di Lecce nel Patto per la Puglia, sottoscritto due anni orsono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400