Domenica 11 Aprile 2021 | 03:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
La troika lucana contro la pandemia

La troika lucana contro la pandemia

 
L'analisi
Da Erdogan ai furbetti, lezione sulla dignità

Da Erdogan ai furbetti, lezione sulla dignità

 
Il caso
Taranto, non versava trattenute sindacali: condannata azienda

Taranto, non versava trattenute sindacali: condannata azienda

 
L'ANALISI
Di attesa in attesa, dal finimondo allo sfinimento

Di attesa in attesa, dal finimondo allo sfinimento

 
Il commento
Ecco come il Nord trucca le cifre contro il Sud

Ecco come il Nord trucca le cifre contro il Sud

 
Il commento
La scuola a fisarmonica rischia di non suonare

La scuola a fisarmonica rischia di non suonare

 
Editoriale
Un contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Un contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
IL PUNTO
Solo i giornali possono salvarci

Solo i giornali possono salvarci

 
L'ANALISI
Vaccini e scuola spine della Puglia

Vaccini e scuola, spine della Puglia

 
Il commento
Vincitori e vinti nel mondo tra le campagne vaccinali

Vincitori e vinti nel mondo tra le campagne vaccinali

 
Il punto
Dall’America di Biden alla Russia di Putin, ecco come sta scambiando lo scacchiere

Dall’America di Biden alla Russia di Putin, ecco come sta cambiando lo scacchiere

 

Il Biancorosso

Serie C
Avellino - Bari: segui con noi il match in diretta

Avellino-Bari: 1-0 per i campani. I galletti restano a bocca asciutta: rivedi con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Covid news h 24Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
BrindisiLo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
TarantoIl caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
PotenzaIl virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

L'analisi

Ma i mercati sono formati da milioni di cittadini

«È un fatto che negli ultimi mesi la ricchezza del Belpaese sia diminuita: lo spread, ossia il differenziale tra i Btp italiani e i bund tedeschi ha sfiorato i 300 punti; fiumi di capitali - secondo i bene informati - hanno oltrepassato i confini nazionali»

Ma i mercati sono formati da milioni di cittadini

È vero, come già pronosticava un filosofo dell’Ottocento, che le interpretazioni hanno preso il posto dei fatti. Ma è altrettanto vero che i fatti hanno la testa dura, infrangibile pure per le interpretazioni più comode o interessate. È un fatto che negli ultimi mesi la ricchezza del Belpaese sia diminuita: lo spread, ossia il differenziale tra i Btp italiani e i bund tedeschi ha sfiorato i 300 punti; fiumi di capitali - secondo i bene informati - hanno oltrepassato i confini nazionali; parecchi investitori si sono allontanati dai titoli del debito pubblico italiano, costringendo il Tesoro a offrire remunerazioni più alte; il patrimonio quotato in Borsa si è ridotto di valore. Insomma, se i fatti non sono opinioni, è un dato incontestabile che si è erosa ricchezza per decine e decine di miliardi, forse centinaia. Ma, siccome questi processi di autodistruzione sfuggono alla lente dei più, compresi gli organi di informazione (alle prese con le nozze Fedez-Ferragni), succede che nessuno, o quasi, se ne accorga compiutamente e grida «attenti al lupo».

Anzi, si verifica questo paradosso. I mercati soffrono, o almeno indicano una sofferenza in atto, ma gli stessi mercati finiscono sotto processo. Non solo. Si contrappongono due termini - mercati e cittadini - quasi che i primi - ossia i mercati - non fossero composti da cittadini, da persone in carne e ossa, da milioni, miliardi di risparmiatori che puntano a investire, a mettere a frutto, i propri capitali. Invece, nell’accezione, nella vulgata prevalente, i mercati assolvono una funzione cospirazionistica al servizio di non meglio precisati centri di potere occulti, ovviamente animati da tentazioni e obiettivi anti-democratici e ostili al nuovo che avanza.

Dare la colpa ai mercati viene facile e stronca sul nascere ogni richiesta o esigenza di autocritica. Lasciar intendere che dietro gli orientamenti dei mercati agiscano burattinai più feroci di Erode procura facili applausi e copiosi consensi, non foss’altro perché a nessuno viene in mente di pretendere la prova a sostegno di informazioni così apodittiche. Insomma, i famigerati mercati, che poi sarebbero il mercato globale, cioè la società aperta, hanno le giuste caratteristiche per essere additati a nemici da abbattere senza particolari esitazioni.

Il filosofo Karl Raimund Popper (1902-1994) intitolò La società aperta e i suoi nemici (1942) la sua opera più profonda e ponderosa. Titolo efficace, ma soprattutto profetico, perché mai come adesso, dopo la fase delle ideologie assassine nel secolo scorso, la «società aperta» è assediata da nemici agguerriti e a caccia di proseliti.

Dopo la caduta del Muro di Berlino (1989) pareva, come s’azzardò a predire il politologo nippo-americano Francis Fukuyama, che la storia fosse finita e che la causa della libertà avesse avuto la meglio su ogni proposito autocratico e/o totalitario. Invece la storia non era affatto finita. Anzi, dopo una breve tregua, sono ripresi i colpi della reazione, a raffica. Bersaglio: la globalizzazione, ossia la società aperta esaltata da Popper.

I mercati sono la traduzione economica della società aperta. I mercati costituiscono l’opportunità per i consumatori di stabilire cosa comprare e cosa scegliere senza l’eterodirezione di un Grande Fratello che tutto sa, tutto vede e tutto controlla. I mercati sono anche uno strumento per giudicare i governi nel loro decisionificio quotidiano. I mercati sono il termometro sullo stato di salute di un’economia. Può non piacere, ma come diceva Winston Churchill (1874-1965) a proposito della democrazia, non si conosce un sistema migliore.

Non è mai accaduto che la speculazione abbia preso di mira un’economia sana e scattante. La speculazione si scatena sempre contro le economie barcollanti e moribonde. Si scatena, ma nello stesso tempo indica una criticità, mette nocchieri e naviganti sull’avviso: «Vedete, c’è aria di burrasca, cercate di correre ai ripari».
Né è ragionevole ipotizzare scenari organizzati a tavolino da menti spietate e mefistofeliche. Uno, perché nessuno avrebbe la forza di organizzare un simile piano sovrumano. Due, perché solitamente la cosiddetta Razza Padrona ambisce a mercati coperti, non a mercati aperti, demonizza la concorrenza e auspica la protezione.
Proporsi di dare una lezione, che poi vorrebbe comportare una bastonata, ai mercati, significa voler colpire l’esercito di piccoli investitori, non lo stato maggiore di miliardari come il citatissimo finanziere George Soros; significa ridurre la ricchezza di una nazione o di una comunità di Stati; significa scoraggiare gli investimenti, la crescita, la fiducia nel domani, l’avvenire delle prossime generazioni.

Purtroppo, i fatti hanno la testa dura, ma si prestano a interpretazioni fuorvianti, forse per paura, ignoranza, rabbia, calcoli vari. Cosicché dilagano le teorie e le spiegazioni più bislacche e bizzarre. Ma più i fatti smentiscono queste favole, più queste favole riacquistano credibilità. Segno che il rapporto tra causa ed effetto non è mai stato così inafferrabile, e ignorato, come in questa fase storica. Soprattutto in Italia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie