Domenica 17 Gennaio 2021 | 18:47

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 
Musica
«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

 
Musica
«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

 
Nuova proposta
Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

 
date e programmi
Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

 
Il personaggio
Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, il centrocampista Maita torna negativo

Bari calcio, il centrocampista Maita torna negativo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'anniversario
Bari, auguri all’«Angiulli»: 115 anni di sport e di vita

Bari, auguri all’«Angiulli»: 115 anni di sport e di vita

 
PotenzaIl personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
Foggianel foggiano
San Severo, aggredito blogger e incendiata la sua auto: indaga la polizia

San Severo, aggredito blogger e incendiata la sua auto: indaga la polizia

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

Musica

Castellana, con Norma Winstone la magia del jazz inglese

L’evento in duo con il pianista triestino suo sodale Glauco Venier. Una leggenda, dai Nucleus al Trio Azymuth

Castellana, norma Winstone magia del jazz inglese

Castellana - Non solo le suggestioni dantesche di Hell in the Cave per le Grotte di Castellana. Il complesso geologico è infatti tornato ad aprirsi alla musica ospitando il bel recital di Norma Winstone e Glauco Venier, promosso dall’associazione barese Nel Gioco del Jazz per la ripresa della propria stagione «Adelante» (ieri sera in replica pure all’AncheCinema di Bari); un appuntamento per un pubblico selezionato, se si considera che tra le norme Covid e la capienza della Grave (la grotta che ha ospitato il concerto, ndr) non era possibile accogliere moltitudini, ma al contempo una suggestione unica che gli ascoltatori hanno saputo apprezzare, ad onta di una temperatura… sotterranea che li ha riportati alla stagione fredda: non a caso le sedie erano state opportunamente dotate di plaid per ascoltare la musica più confortevolmente.

Il nome di Norma Winstone riporta gli appassionati di antico pelo nel cuore del jazz inglese sin dagli Anni ’60, alle collaborazioni con Mike Westbrook e i Nucleus del trombettista Ian Carr, per non dire ovviamente, dell’eccellente trio Azymuth con John Taylor e Kenny Wheeler, la cui attività è stata documentata da alcuni preziosi album editi dalla Ecm. Ed è proprio l’etichetta bavarese di Manfred Eicher il trait d’union con il pianista friulano Glauco Venier, ormai da tempo collaboratore della Winstone e al suo fianco – sebbene in una formazione più ampia che annovera anche il violoncellista Mario Brunello – pure nel recente album Descansado, appunto pubblicato dalla Ecm. Inevitabile, allora, che il concerto prendesse le mosse proprio dalla scaletta della registrazione che propone una singolare, efficacissima rilettura di alcuni temi legati al mondo del cinema, in molti casi arricchiti di liriche scritte (o riscritte) per l’occasione.

Scelte mai banali, è il caso di dirlo, nelle quali la Winstone – classe 1941 – si conferma una versatile signora del canto, capace di arricchire di pathos le ballads con rara maestria, ma all’occorrenza anche di mettere ancora a frutto le sperimentazioni del passato, lanciandosi in lunghe, intelligenti improvvisazioni vocali, nelle quali la coerenza espressiva, il filo logico del discorso musicale mantengono una opportuna, rigorosa centralità. E non c’è dubbio che Glauco Venier, pianista dalla tecnica solida e dal linguaggio solistico sempre avvincente (ne ricordiamo ancora il bell’esordio discografico con Finlandia nell’ormai lontano 1991) sia il partner più adatto a sostenerla nelle sue performance vocali. Forti di questo affiatamento fuori dal comune, i due hanno condotto il pubblico in un raffinato viaggio musicale partito sulle note di His Eyes, Her Eyes di Michel Legrand (dal film Il caso Thomas Crown di Norman Jewison) e approdato a un quasi irriconoscibile – per la sua intelligente «trasfigurazione» – Everybody’s Talking, il tema di Harry Nilsson reso memorabile da Un uomo da marciapiede di John Schlesinger. Spazio ovviamente anche al cinema italiano con omaggi a Ennio Morricone (il tema da Malena di Tornatore), Armando Trovajoli (il latino Descansado da Ieri oggi e domani) e Nino Rota (il bel What Is a Youth da Romeo e Giuletta di Zeffirelli), ma anche una vivace, mozzafiato danza scozzese tratta dalla colonna sonora di Rob Roy, il film in costume di Michael Caton-Jones con Liam Neeson.

Circa un’ora e mezzo di emozioni sonore arricchite dalla coreografia unica delle Grotte e conclusione con una chicca del passato, quel Ladies in Mercedes di Steve Swallow , le cui liriche portano proprio la firma di Norma Winstone. Successo più che meritato per una stagione concertistica che, auspici anche le scelte mai banali del suo direttore artistico Roberto Ottaviano, riserva sempre delle belle sorprese tanto agli appassionati, quanto a un pubblico che, sia pure lentamente, comincia a riavvicinarsi al jazz, se non addirittura a scoprirlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie