Venerdì 05 Marzo 2021 | 14:25

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

 
L'intervista
Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

 
Musica
«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

 
Nuove uscite
«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

 
L'intervista
Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariquesta mattina
Bari, trentennale sbarco albanesi: ambasciatori Italia e Albania al Ciheam

Bari, trentennale sbarco albanesi: ambasciatori Italia e Albania al Ciheam

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

 
LecceEconomia
Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti e 31 indagati
Leporano, soldi per le elezioni 2019 /Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

MUSICA

Livio Minafra: la musica si apprende e si sogna con l’arte di improvvisare

Il pianista oggi al festival di Noci con il suo libro

Livio Minafra: la musica si apprende e si sogna con l’arte di improvvisare

Thelonious Monk diceva, dopo una propria esibizione non molto soddisfacente, di aver fatto «gli errori sbagliati». Isaac Asimov sosteneva che per avere successo «non è sufficiente prevedere, bisogna imparare a improvvisare». Comunque la si veda, quella dell’improvvisazione è un concetto che nasce con gli albori del genere umano, per poi applicarsi a tutte le arti dello spettacolo. In primis nella musica, e in particolare nel jazz che se ne nutre costantemente.

Senza però dimenticare che si improvvisava copiosamente nella musica antica, nel barocco e persino nel romanticismo. Adesso arriva a mettere ordine in questo enorme calderone il pianista e compositore ruvese Livio Minafra, docente di Pianoforte Jazz al Conservatorio Piccinni di Bari: è da poco uscito in libreria il volume «120 finestre sull’improvvisazione» (Ed. Timoteo, pagg. 402, euro 40, in vendita sul sito liviominafra.com) in cui il musicista compendia una straordinaria summa attorno al mondo dell’improvvisazione, partendo da quella propria dei bambini e della parte fantasiosa e dormiente degli adulti. Per poi analizzarla nelle varie declinazioni temporali e geografiche, in una preziosità enciclopedica sorprendente e illuminante.

Stasera il pianista presenterà il suo libro a Noci, nell’ambito della prima edizione del festival «Chiostri, Inchiostri e Claustri»: l’appuntamento è alle 20, in Largo Porta Nuova, in cui l’autore illustrerà l’opera insieme al senatore Piero Liuzzi (direttore editoriale della manifestazione nocese) e al musicista e poeta Vittorino Curci. Ci sarà a disposizione anche un pianoforte, pane per i denti di un jazzista come Minafra.

«In realtà - spiega Livio - la mia formazione musicale è multidisciplinare. Mio padre, Pino Minafra, ha una visione del jazz idiomatica ed europea; mia madre, Margherita Porfido, è pianista e clavicembalista, vicina a un repertorio dalla musica antica alla contemporanea. Nel mio Dna non ci sono steccati nei generi musicali: così, quando ho pensato di trarre un volume dalla mia tesi di laurea in composizione, incentrata sull’improvvisazione, non avrei mai pensato di trovarmi di fronte a una montagna enorme. Ci sono voluti cinque anni di ricerche, studi e analisi: il risultato sono 400 pagine e 120 finestre su un mondo meraviglioso, in cui la musica è metafora della vita quotidiana».

La tesi di Minafra - più che condivisibile - è che tutta la musica nasca dall’improvvisazione. Persino nei linguaggi contemporanei più sperimentali. «Se nella prima parte del libro analizzo cinguettii, colori, rumori, numeri, sensazioni e molto altro – prosegue l’autore -, nella seconda si passa da forme come la Ciaccona a Charlie Parker, da Michael Jackson a Pierre Schaeffer, da Sylvano Bussotti a Fryderyk Chopin. Per non parlare delle oltre trenta nazioni analizzate, da Cuba all’Indonesia, all’Africa. È un libro che non finisce mai: sono finestre sulla musica, stimoli per tutti, grandi e piccini. E non solo per i jazzisti: solo improvvisando si impara».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie