Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 15:03

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

 
L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 
Musica
«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

 
Musica
«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

 
Nuova proposta
Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzadati regionali
Covid, 57 nuovi positivi su 884 test (6,4%) e nessun decesso: somministrati oltre 10mila vaccini

Covid in Basilicata, 57 nuovi positivi su 884 test (6,4%): somministrati oltre 10mila vaccini

 
Leccecontrolli dei CC
Muro Leccese, arrestato pusher 39enne: aveva in casa eroina, hashish e denaro

Muro Leccese, arrestato pusher 39enne: aveva in casa eroina, hashish e denaro

 
Foggiail furto
Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

 
TarantoIndagini della Poltel
Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

 
Brindisil'inchiesta
Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Musica

Tra natura e addii, con il disco dell'Hemisphaeria Trio la Puglia canta il Magadascar

Damiana Mizzi, Roberto Mansueto e il cubano Marcos Madrigal danno vita a Songs of Nature and Farewell (Davinci Publishing)

Tra natura e addii la Puglia canta il Magadascar

Piccoli arcipelaghi musicali, come gemme incastonate in un gioiello senza tempo. Hanno poco meno di un secolo di vita le tre Chansons madécasses («Canzoni malgasce»), scritte da Maurice Ravel tra il 1925 e il 1926, brani che non hanno perso nulla del loro fascino primigenio. Veri e propri «quartetti» sui generis, pensati per soprano e tre strumenti (flauto, violoncello e pianoforte), furono dedicati dal compositore francese alla mecenate statunitense che li commissionò - Elisabeth Sprague Coolidge -, nati dal volume omonimo dello scrittore francese Evariste-Désiré Parny de Forges (1753-1814). Un omaggio alla seduzione lontana del Madagascar, terra che affascinava molto gli europei in quegli anni e che conserva tutt’oggi uno spirito incontaminato e misterioso.

Adesso il capolavoro di Ravel rivede la luce in una preziosa incisione discografica con una forte matrice pugliese: esce oggi, infatti, il primo album dell’Hemisphaeria Trio - intitolato Songs of Nature and Farewell (Davinci Publishing) -, un progetto del violoncellista alberobellese Roberto Mansueto e del soprano fasanese Damiana Mizzi. Il disco è in formato digitale e fisico, acquistabile nelle principali piattaforme web. Seguirà fra estate e autunno una tournée nazionale che si sta definendo in queste settimane, mentre sono confermate le date del 5 e 8 agosto al Festival Ritratti di Monopoli.

Mansueto è dal 2013 violoncellista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Mizzi è uno dei migliori soprani dell’ultima generazione: insieme al pianista cubano Marcos Madrigal hanno dato vita al trio, che in questa incisione esordisce in disco insieme al flautista Andrea Oliva (modenese, primo flauto solista di Santa Cecilia). In un disco in cui, con elegante sensibilità e una timbrica di notevole lucentezza, vi è anche la prima incisione assoluta di due rarità, Songs of Nature and Farewell del compositore anglosassone James Francis Brown (1969) e Chant d’amour de la Dame à la licorne della compositrice rumena Liana Alexandra (1947-2011). Oltre alla giovanile La flûte enchantée tratta da Shéhérazade di Ravel.

«Era dagli anni del Conservatorio, frequentato insieme a Monopoli - spiegano Mansueto e Mizzi -, che desideravamo condividere il palco e la passione che più ci accomuna: la musica. Dopo aver tenuto da parte il progetto per molti anni, lasciando spazio alla nostra crescita personale, è nato il trio insieme a Madrigal. Avevamo varie idee per il nostro debutto, ma ci piacevano troppo le Chansons Madécasses di Ravel. Allo stesso tempo accarezzavamo l’idea di brani intriganti e mai registrati. Così, abbiamo coinvolto il nostro entusiasta amico Andrea Oliva. Conoscevamo già l’opera da camera di Alexandra, e dopo aver scoperto quasi per caso le Songs di Brown, scritte appositamente per essere abbinate a Ravel, ha preso forma il nostro progetto dedicato alla poesia francese».

La «natura» e gli «addii» (mutuati dalle suggestive liriche di Brown, di stampo «neoclassico» e poetico), costituiscono un fil rouge più che simbolico per tutti i brani del disco. L’ascolto è rapito da una musica voluttuosa e sensuale, con quel quid di «decadente» e spirituale che ne costituisce l’estrema fascinazione. Non a caso lo stesso Ravel considerava la musica malgascia - leggendo de Forges - «semplice, amabile e sempre malinconica». Un assunto che rinveniamo in un disco da collezionare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie