Sabato 06 Marzo 2021 | 03:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

 
L'intervista
Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

 
Musica
«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

 
Nuove uscite
«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

 
L'intervista
Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNuove proposte
Il foggiano Gaudiano trionfa a Sanremo Giovani

Sanremo 2021, il foggiano Gaudiano trionfa nella categoria giovani

 
BariMisure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
PotenzaL'idea
Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
LecceLa curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Musica

Emozioni sonore osservando la realtà da un vetro sporco: il nuovo disco del barese Mattia Vlad Morleo

Emozioni sonore osservando la realtà da un vetro sporco

«Come in quei momenti in cui la nostra fantasia domina la realtà, in una relazione di amorevole conflitto tra ciò che è e ciò che sarebbe se lo accettassimo senza sperare che fosse migliore». Con questa riflessione, il giovane pianista e compositore barese Mattia Vlad Morleo introduce gli ascoltatori al suo nuovo disco, From that dirty glass, che esce a tre anni di distanza dall’album d’esordio The Flying of the Leaf. Nel frattempo Morleo, che deve ancora compiere vent’anni, ne ha fatta di strada, conquistando, tra l’altro, il momento di maggiore visibilità mediatica con la colonna sonora del docufilm Santa subito di Alessandro Piva, premiato alla Festa del cinema di Roma. Ora, appunto, il disco che, edito dalla svedese «1631 recordings», può fregiarsi della prestigiosa distribuzione affidata alla britannica Decca.

Ma prima di entrare nel merito delle composizioni, è inevitabile compiacersi per il taglio e lo sguardo introspettivo che Morleo ha inteso conferire a quest’opera, che sarebbe ingiusto confinare nell’ambito di una manciata di aggettivi e, casomai, di cifre stilistiche, che pure ci sono e andranno sottolineate. Perché a rendere la registrazione interessante è appunto l’idea, la base al contempo intellettuale ed emotiva che non è decisamente comune a tutti i suoi coetanei.

Nelle parole introduttive, si coglie infatti la tenacia di chi non si rassegna all’ineluttabile e continua a pensare, a elaborare sistemi nei quali non si rincorre la perfezione, ma si può anelare al perfettibile. Ed ecco che allora lo stesso titolo dell’album viene in soccorso agli ascoltatori, ricordando che guardare il mondo circostante dietro una finestra dai vetri sporchi può non essere un ostacolo, ma anzi, un punto di forza per affilare l’immaginazione, fare di necessità virtù e magari cogliere nelle macchie, nelle incrostazioni, l’immaginifica rappresentazione di mondi paralleli, un po’ come accade quando si volge lo sguardo al cielo, immaginando che le nuvole assumano delle forme familiari, quando non addirittura antropomorfe.

Premessa lunga, ma necessaria per addentrarsi tra i brani di questo album - dieci in tutto - nei quali Morleo fa impiego di pianoforte ed elettronica, incrociandosi con il violoncello di un altro giovane talento della musica pugliese, il barlettano Mauro Paolo Monopoli, che qui interviene sovraincidendo la propria voce.

Non staremo qui a descrivere tutte le composizioni, tra le quali citiamo giusto il cupo Prelude, illuminato dal violoncello, l’etereo In the dusty dreamlike way, dal bel tema declamatorio o il fascinoso Obsessive Fraying con le sue ipnotiche ridondanze permeate dal lirismo straziante del violoncello. L’album nella sua interezza ci appare piuttosto un concept che utilizza le note per descrivere degli stati mentali, prediligendo delle sonorità eteree che sfiorano il minimalismo, l’ambient, senza però mai restare prigioniero di vuoti esercizi di stile e, nel suo incedere lento e delicato, quasi atemporale, sembra volersi ammantare di un ideale respiro cinematografico, come se la musica nascesse in attesa di immagini a venire.

Morleo non indica i propri modelli, eppure, all’orecchio attento, non sfuggiranno gli inconsci richiami emotivi e compositivi ad autori di spessore che vanno dal georgiano Giya Kancheli all’estone Arvo Pärt o alla greca Eleni Karaindrou. Punti di riferimento di tutto rispetto per un autore così giovane che a maggior ragione merita di essere seguito con interesse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie