Martedì 07 Luglio 2020 | 17:50

NEWS DALLA SEZIONE

nuove uscite
«Last Goodbye»: il pugliese Stefano Cece reinterpreta il classico di Jeff Buckley

«Last Goodbye»: il pugliese Stefano Cece reinterpreta il classico di Jeff Buckley

 
Lutto
C’era una volta Ennio. Addio a un’icona del ‘900

C’era una volta Ennio Morricone. Addio a un’icona del ‘900

 
Musica
A Trani Larry Franco omaggia Santorsola

A Trani Larry Franco omaggia Santorsola

 
sinergie musicali
«Deja que llora», Bob Sinclair pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

«Deja que llora», Bob Sinclar pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

 
L'Intervista
Di Maglie: noi artisti non siamo delle cicale. Al lavoro per il suo nuovo disco

Di Maglie: noi artisti non siamo cicale. Al lavoro per il nuovo disco

 
Musica
Una chitarra pugliese per il Gispsy jazz

Una chitarra pugliese per il gipsy jazz: esce l'album di Pietro Lazazzara

 
nuove uscite
«Non ho lavato la macchina», l'esordio solista del salentino Manu Funk

«Non ho lavato la macchina», l'esordio solista del salentino Manu Funk

 
l'annuncio
Puglia Sounds Plus: 5 nuovi avvisi pubblici per sostenere il comparto musicale

Puglia Sounds Plus: 5 nuovi avvisi pubblici per sostenere il comparto musicale

 
musica
Sbalzi d'Umore, il progetto salentino che canta le sensazioni momentanee contro la routine quotidiana

Sbalzi d'Umore, il progetto salentino che canta le sensazioni momentanee contro la routine quotidiana

 
musica
Tiziano Ferro, Cesare Cremonini  e Ultimo tornano a Bari nel 2021: riprogrammati concerti negli stadi

Tiziano Ferro, Cesare Cremonini e Ultimo tornano a Bari nel 2021: riprogrammati concerti negli stadi

 
Cultura e spettacoli
Santino Di Rella

Bari, Santino Di Rella, il clarinetto dal suono malinconico e lunare

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Tarantoambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Musica

Emozioni sonore osservando la realtà da un vetro sporco: il nuovo disco del barese Mattia Vlad Morleo

Emozioni sonore osservando la realtà da un vetro sporco

«Come in quei momenti in cui la nostra fantasia domina la realtà, in una relazione di amorevole conflitto tra ciò che è e ciò che sarebbe se lo accettassimo senza sperare che fosse migliore». Con questa riflessione, il giovane pianista e compositore barese Mattia Vlad Morleo introduce gli ascoltatori al suo nuovo disco, From that dirty glass, che esce a tre anni di distanza dall’album d’esordio The Flying of the Leaf. Nel frattempo Morleo, che deve ancora compiere vent’anni, ne ha fatta di strada, conquistando, tra l’altro, il momento di maggiore visibilità mediatica con la colonna sonora del docufilm Santa subito di Alessandro Piva, premiato alla Festa del cinema di Roma. Ora, appunto, il disco che, edito dalla svedese «1631 recordings», può fregiarsi della prestigiosa distribuzione affidata alla britannica Decca.

Ma prima di entrare nel merito delle composizioni, è inevitabile compiacersi per il taglio e lo sguardo introspettivo che Morleo ha inteso conferire a quest’opera, che sarebbe ingiusto confinare nell’ambito di una manciata di aggettivi e, casomai, di cifre stilistiche, che pure ci sono e andranno sottolineate. Perché a rendere la registrazione interessante è appunto l’idea, la base al contempo intellettuale ed emotiva che non è decisamente comune a tutti i suoi coetanei.

Nelle parole introduttive, si coglie infatti la tenacia di chi non si rassegna all’ineluttabile e continua a pensare, a elaborare sistemi nei quali non si rincorre la perfezione, ma si può anelare al perfettibile. Ed ecco che allora lo stesso titolo dell’album viene in soccorso agli ascoltatori, ricordando che guardare il mondo circostante dietro una finestra dai vetri sporchi può non essere un ostacolo, ma anzi, un punto di forza per affilare l’immaginazione, fare di necessità virtù e magari cogliere nelle macchie, nelle incrostazioni, l’immaginifica rappresentazione di mondi paralleli, un po’ come accade quando si volge lo sguardo al cielo, immaginando che le nuvole assumano delle forme familiari, quando non addirittura antropomorfe.

Premessa lunga, ma necessaria per addentrarsi tra i brani di questo album - dieci in tutto - nei quali Morleo fa impiego di pianoforte ed elettronica, incrociandosi con il violoncello di un altro giovane talento della musica pugliese, il barlettano Mauro Paolo Monopoli, che qui interviene sovraincidendo la propria voce.

Non staremo qui a descrivere tutte le composizioni, tra le quali citiamo giusto il cupo Prelude, illuminato dal violoncello, l’etereo In the dusty dreamlike way, dal bel tema declamatorio o il fascinoso Obsessive Fraying con le sue ipnotiche ridondanze permeate dal lirismo straziante del violoncello. L’album nella sua interezza ci appare piuttosto un concept che utilizza le note per descrivere degli stati mentali, prediligendo delle sonorità eteree che sfiorano il minimalismo, l’ambient, senza però mai restare prigioniero di vuoti esercizi di stile e, nel suo incedere lento e delicato, quasi atemporale, sembra volersi ammantare di un ideale respiro cinematografico, come se la musica nascesse in attesa di immagini a venire.

Morleo non indica i propri modelli, eppure, all’orecchio attento, non sfuggiranno gli inconsci richiami emotivi e compositivi ad autori di spessore che vanno dal georgiano Giya Kancheli all’estone Arvo Pärt o alla greca Eleni Karaindrou. Punti di riferimento di tutto rispetto per un autore così giovane che a maggior ragione merita di essere seguito con interesse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie