Giovedì 17 Gennaio 2019 | 11:29

Lettere alla Gazzetta

Reddito minimo massima furbizia tra gli italiani

Il governo è intenzionato a varare il cosiddetto reddito di inclusione, ossia il reddito minimo per chi vive in povertà. Nulla da dire sull’iniziativa. La crisi economica ha aggravato la condizione degli ultimi. Ma siamo sicuri che, in Italia, nel Paese dei furbi, questo contributo assistenziale verrà assegnato a chi ne ha effettivamente bisogno? L’Italia è il Paese in cui le dichiarazioni al fisco sono un ammasso di bugie. I furbacchioni troveranno modo di fingersi poveri per lucrare qualcosa. E poi facciamo attenzione a non narcotizzare lo spirito di iniziativa delle persone. Il reddito minimo potrebbe indurre alcuni a non cercare più di darsi da fare per imparare un mestiere.

Matteo Signorello, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400