Venerdì 18 Gennaio 2019 | 19:21

Lettere alla Gazzetta

La retromarcia nei confronti di Berlusconi

Ho letto che il giurista Gustavo Zagrebelsky, simbolo delle battaglie contro il berlusconismo, non considera più il Cavaliere come il diavolo. Tanto è vero che non disdegnerebbe un accordo, un compromesso con lui, con il nemico di una vita. L’attività politica è sempre ricca di sorprese. Pur di battere Renzi, gli anti-renziani sono disposti ad allearsi con i loro avversari del passato. È vero che in politica non bisogna mai dire mai. Ma questa mossa dell’insigne giurista batte ogni immaginazione. Chi ha pretese di dare lezioni di moralità, non può pretendere che si giustifichino retromarce ardite o inimmaginabili in nome della ragion politica.

Paolo Bracardi, Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400